Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una petroliera esplode in Libano, uccidendo almeno 28 persone | Notizie dal Medio Oriente

Fonti hanno riferito a Reuters che l’esplosione è avvenuta mentre l’esercito libanese stava distribuendo benzina da un’autocisterna sequestrata.

Il ministero della Salute libanese ha affermato che almeno 28 persone sono state uccise e 79 ferite nell’esplosione di un serbatoio di carburante ad Akkar, nel nord del Libano.

L’esplosione è avvenuta nelle prime ore di domenica mattina.

Il ministro della Sanità ad interim Hamad Hassan ha affermato che i casi peggiori di ustioni potrebbero richiedere un trattamento rapido all’estero per salvare le loro vite.

Yassin Mitlij, un dipendente dell’ospedale Akkar, ha affermato che la struttura ha ricevuto almeno sette corpi e dozzine di vittime di ustioni.

“I corpi sono così carbonizzati che non possiamo identificarli”, ha detto all’AFP.

“Alcuni hanno perso la faccia, altri hanno perso le braccia”.

Ha detto che l’ospedale ha dovuto allontanare la maggior parte dei feriti perché non era in grado di curare gravi ustioni.

Una fonte militare e di sicurezza ha detto all’agenzia di stampa Reuters che l’esplosione è avvenuta mentre l’esercito libanese stava distribuendo benzina da un’autocisterna nascosta che aveva sequestrato.

L’agenzia di stampa nazionale ufficiale ha affermato che l’esplosione è avvenuta dopo litigi tra “residenti che si sono radunati intorno al serbatoio per riempire di benzina”.

Ha aggiunto che l’esercito ha lasciato l’area prima dei combattimenti e dell’esplosione.

Testimoni hanno detto che circa 200 persone erano nelle vicinanze al momento dell’esplosione.

L’esplosione arriva mentre il Libano affronta una grave carenza di carburante che attribuisce al contrabbando, all’accaparramento e all’incapacità del governo a corto di liquidità di garantire le spedizioni di carburante importato.

READ  L'India registra un picco enorme nei casi di COVID-19 mentre la nazione lotta per riaprire

La crisi è peggiorata in modo significativo questa settimana dopo che la banca centrale ha deciso di porre fine ai sussidi per i prodotti combustibili, una decisione che potrebbe far aumentare i prezzi di tutti i prodotti di base in Libano, che già soffre di alti tassi di povertà e iperinflazione.

Sabato, le forze libanesi si sono schierate nelle stazioni di servizio, costringendo i loro proprietari a vendere carburante ai clienti. Alcuni proprietari di terminali si rifiutano di vendere, aspettando di ottenere guadagni quando i prezzi salgono al termine del supporto. L’esercito libanese ha anche represso i contrabbandieri attivi lungo il confine siriano, confiscando migliaia di litri di benzina negli ultimi giorni.

L’esplosione di domenica è stata la più mortale nel paese dall’esplosione del 4 agosto 2020 nel porto di Beirut, che ha ucciso almeno 214 persone, ferito migliaia e distrutto parti della capitale.

L’ex primo ministro Saad Hariri ha indicato un collegamento tra gli attentati di Akkar e Beirut in una dichiarazione che ha pubblicato su Twitter.

“Il massacro di Akkar non è diverso dal massacro del porto”, ha detto.

“Se questo è un Paese che rispetta la sua gente, i suoi funzionari si dimetteranno, dal presidente all’ultimo responsabile di questa negligenza”.