Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un uomo britannico identificato come un rapitore di ostaggi nella sinagoga del Texas

New York: L’FBI ha identificato un sequestratore che è stato assassinato in una sinagoga del Texas come cittadino britannico, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che l’uomo armato ha usato armi portate giù dalla strada per commettere un “atto di terrorismo”.

L’FBI ha identificato l’uomo come Malik Faisal Akram, 44 anni, ucciso dopo il rilascio sicuro dei quattro ostaggi sabato notte (ora degli Stati Uniti). Il blocco sembra essere stato un tentativo dell’uomo britannico di ottenere il rilascio della neuroscienziata pachistana Aafia Siddiqui, che sta scontando una condanna a 86 anni.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto il blocco come un “atto di terrorismo”.credito:AP

Gulbar, il fratello di Akram, ha postato su Facebook che il sospetto, della città industriale di Blackburn, nel nord dell’Inghilterra, soffriva di una malattia mentale, e ha detto che la famiglia aveva trascorso l’intera notte alla stazione di polizia di Blackburn “a contatto con Faisal, i negoziatori, il FBI, ecc…”

Biden, che era a Filadelfia con la first lady Jill Biden, ha detto che l’incidente a Colville, in Texas, “è stato un atto di terrorismo”. Martin Luther King, Jr.

“Presumibilmente – non ho tutti i fatti, né il procuratore generale – ma l’affermazione sarebbe stata che avesse le pistole per strada”, ha detto Biden.

L’ha comprato quando è atterrato e si scopre che non c’erano bombe di cui siamo a conoscenza. …apparentemente ha passato la prima notte in un rifugio per senzatetto. Non ho ancora tutti i dettagli, quindi sono riluttante ad entrare in maggiori dettagli”, ha detto il capo.

READ  Le autorità vietano le veglie per il massacro di piazza Tiananmen a Hong Kong e Macao, ignorando la pretesa di COVID

La famiglia di Akram ha detto che la sua morte “li ha devastati”, ha riferito Sky News.

Una manifestazione a Karachi, in Pakistan, per chiedere il rilascio di Aafia Siddiqui, condannato nel febbraio 2010 per due capi di imputazione per tentato omicidio.

Una manifestazione a Karachi, in Pakistan, per chiedere il rilascio di Aafia Siddiqui, condannato nel febbraio 2010 per due capi di imputazione per tentato omicidio.credito:AP

Il fratello di Akram, Goldbard, ha dichiarato in una dichiarazione che i membri della famiglia hanno trascorso ore a “comunicare con Faisal” mentre gli ostaggi erano detenuti e che, sebbene “avesse problemi di salute mentale, eravamo fiduciosi che non avrebbe danneggiato gli ostaggi”, secondo Notizie del cielo. .