Maggio 16, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un razzo SpaceX Falcon 9 è sulla buona strada per colpire la luna

Un razzo SpaceX Falcon 9 è sulla buona strada per colpire MOON: Craft lanciato nel 2015 probabilmente entrerà in collisione con il nostro satellite lunare il 4 marzo, rivelano gli astronomi

  • Secondo gli esperti, un razzo SpaceX è sulla buona strada per scontrarsi con la luna il 4 marzo
  • Il secondo stadio di un Falcon 9 è in circolazione dal lancio nel 2015
  • È stato in orbita caotica dal lancio del Deep Space Climate Observatory
  • Questo satellite meteorologico spaziale è stato inviato in un viaggio di un milione di miglia nello spazio profondo


Gli astronomi hanno rivelato che un razzo SpaceX lanciato nello spazio quasi sette anni fa è ora sulla buona strada per colpire la luna all’inizio di marzo.

Il booster Falcon 9 ha fluttuato in un’orbita alquanto caotica da quando la compagnia di Elon Musk ha lanciato la sua prima missione nello spazio profondo inviando un satellite meteorologico spaziale in un viaggio di un milione di miglia nel 2015.

Dopo una lunga combustione per raggiungere un’orbita di trasferimento, il secondo stadio del razzo è diventato obsoleto quando il Deep Space Climate Observatory ha iniziato il suo viaggio verso un punto LaGrange Sole-Terra.

Il veicolo di lancio era abbastanza alto da non avere abbastanza carburante per tornare nell’atmosfera del nostro pianeta, ma mancava anche dell’energia per sfuggire alla gravità del sistema Terra-Luna.

Ora, gli esperti affermano che l’orbita del razzo esaurito è in procinto di intersecarsi con la luna il 4 marzo.

Un razzo SpaceX lanciato nello spazio quasi sette anni fa è ora sulla buona strada per colpire la luna all’inizio di marzo, hanno rivelato gli astronomi

COSA FA L’OSSERVATORIO SUL CLIMA DELLO SPAZIO PROFONDO?

Il Deep Space Climate Observatory, o DSCOVR (pronunciato discovery), è progettato per fornire avvisi anticipati di esplosioni solari che potrebbero interrompere la vita qui sulla Terra.

Nel 2015, DSCOVR ha trascorso quasi quattro mesi viaggiando per un milione di miglia, quattro volte più lontano della luna, fino al cosiddetto punto di Lagrange, una posizione neutrale rispetto alla gravità in linea diretta con il sole.

In questa posizione di vedetta, a 92 milioni di miglia dal sole, fornisce avvisi anticipati di tempeste geomagnetiche in arrivo che potrebbero interrompere l’alimentazione e le comunicazioni sulla Terra, a partire da metà estate.

All’inizio di questo mese Bill Gray, che scrive il software Project Pluto ampiamente utilizzato per tracciare oggetti vicini alla Terra, asteroidi e comete, ha lanciato un appello agli astronomi dilettanti e professionisti per effettuare ulteriori osservazioni del razzo.

Con questi nuovi dati, Gray ritiene che lo stadio superiore del Falcon 9 si scontrerà probabilmente con il lato più lontano della luna, vicino all’equatore, anche se è difficile prevedere con precisione l’effetto della luce solare che “spinge” il razzo e ne altera leggermente l’orbita.

“Questi effetti imprevedibili sono molto piccoli”, ha detto Gray. “Ma si accumuleranno da qui al 4 marzo”, ha aggiunto, il che significa che saranno necessarie ulteriori osservazioni per perfezionare l’ora e il luogo precisi dell’impatto.

“La spazzatura spaziale può essere un po’ complicata”, ha detto Gray. ‘Ho un modello matematico abbastanza completo di cosa stanno facendo la terra, la luna, il sole e i pianeti e come la loro gravità sta influenzando l’oggetto.

“Ho un’idea approssimativa di quanta luce solare stia spingendo verso l’esterno sull’oggetto, allontanandolo delicatamente dal sole. Questo di solito mi permette di fare previsioni con un po’ di fiducia.’

READ  Il piccolo "unicorno" appena scoperto è il buco nero conosciuto più vicino alla Terra

Se la previsione è corretta, consentirà ai satelliti attualmente in orbita attorno alla luna, tra cui il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA e la navicella spaziale indiana Chandrayaan-2, di raccogliere osservazioni sul cratere d’impatto.

Nel 2009, la NASA ha intenzionalmente fatto schiantare sulla luna uno stadio di razzo esaurito proprio per questo scopo.

Ma in quest’ultima occasione si ritiene che sarà la prima volta che un pezzo di hardware spaziale colpisce involontariamente la superficie lunare.

Ora, gli esperti affermano che l'orbita del secondo stadio esaurito è in procinto di intersecarsi con la luna il 4 marzo

Ora, gli esperti affermano che l’orbita del secondo stadio esaurito è in procinto di intersecarsi con la luna il 4 marzo

Il razzo ha lanciato il Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) dalla Cape Canaveral Air Force Station in Florida nel febbraio 2015 come parte di una missione da 340 milioni di dollari (252 milioni di sterline)

Il razzo ha lanciato il Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) dalla Cape Canaveral Air Force Station in Florida nel febbraio 2015 come parte di una missione da 340 milioni di dollari (252 milioni di sterline)

Durante le missioni interplanetarie lo stadio superiore di un razzo viene tipicamente inviato in un’orbita eliocentrica per tenerlo lontano dalla Terra e dalla luna, mentre per i lanci di veicoli spaziali vicini alla Terra, viene normalmente riportato nell’atmosfera per bruciare.

Il secondo stadio del Falcon 9, che ha una massa di circa 4 tonnellate, dovrebbe raggiungere la luna a circa 5.700 mph (2,58 km/s).

Ha lanciato il Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) dalla Cape Canaveral Air Force Station in Florida nel febbraio 2015 come parte di una missione da 340 milioni di dollari (252 milioni di sterline).

DSCOVR sostituisce un satellite di 17 anni di monitoraggio per tempeste solari potenzialmente pericolose, che possono interrompere i segnali GPS, bloccare le comunicazioni radio e influire sulle reti elettriche sulla Terra.

Ha anche due sensori per monitorare la Terra per tracciare pennacchi vulcanici, misurare l’ozono e monitorare siccità, inondazioni e incendi.

READ  Il VIPER Rover della NASA atterra al Noble Crater on the Moon

COSA SAPPIAMO SUI PIANI DI SPACEX PER FAR VOLARE I TURISTI INTORNO ALLA LUNA?

Il Falcon Heavy di SpaceX è stato lanciato per la prima volta cinque anni dopo il previsto

Il Falcon Heavy di SpaceX è stato lanciato per la prima volta cinque anni dopo il previsto

SpaceX ha annunciato che manderà un turista sulla luna a bordo del suo prossimo Big F***ing Rocket (BFR).

Il CEO Elon Musk aveva precedentemente promesso che la BFR avrebbe trasportato navi mercantili su Marte già nel 2022, con voli con equipaggio programmati per il 2024.

È un progetto ambizioso, che alla fine potrebbe creare o distruggere SpaceX, ma l’azienda di Musk farà miliardi se riuscirà a realizzarlo.

Tuttavia, Musk ha una storia di sottovalutazione di quanto tempo impiegheranno i suoi ambiziosi progetti per decollare.

Il razzo Falcon Heavy di SpaceX, lanciato per la prima volta con grande clamore a febbraio, ha intrapreso il suo volo di prova iniziale cinque anni dopo il previsto.

Musk ha ammesso nel luglio 2017: “In realtà è diventato molto più difficile fare Falcon Heavy di quanto pensassimo.

‘Davvero molto, molto più difficile di quanto pensassimo inizialmente. Eravamo piuttosto ingenui al riguardo.’

Il BFR deve ancora essere sottoposto a test del motore, che in genere si svolgono nel corso di diversi mesi, e questo prima che i test di volo senza pilota SpaceX dovrà effettuare molto prima che possa trasportare in sicurezza i passeggeri.

È improbabile che il missile farà volare i turisti almeno fino alla fine degli anni ’20.

Altre aziende di turismo spaziale, come Virgin Galactic di Richard Branson e Blue Origin di Jeff Bezos, lanceranno civili nello spazio prima di SpaceX, sebbene questi voli non violeranno l’orbita terrestre.

Entrambe le aziende dovrebbero portare i turisti nello spazio prima del 2025.

Annuncio pubblicitario