Novembre 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un nuovo focolaio di virus Ebola è stato annunciato nella Repubblica Democratica del Congo dopo che un caso è stato confermato



CNN

In una dichiarazione di sabato, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che le autorità sanitarie della Repubblica Democratica del Congo hanno dichiarato un nuovo focolaio di virus Ebola, dopo aver confermato un caso di infezione nella città di Mbandaka, nella provincia nord-occidentale dell’Equatore.

Questo è il terzo focolaio della provincia dal 2018 e il quattordicesimo focolaio di Ebola nel paese dal 1976, Lo ha detto l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“Il tempo non è dalla nostra parte”, ha affermato il dottor Machidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa. “La malattia ha avuto un esordio precoce per due settimane e ora stiamo recuperando terreno. La notizia positiva è che le autorità sanitarie della Repubblica Democratica del Congo hanno più esperienza di chiunque altro al mondo nel tenere sotto controllo l’epidemia di Ebola rapidamente.”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che finora è stato confermato un solo caso. Il paziente era un uomo di 31 anni, con sintomi che iniziavano a comparire il 5 aprile. Ha cercato cure presso una struttura sanitaria locale dopo essere stato malato per più di una settimana a casa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che l’uomo è stato portato in un centro di trattamento dell’ebola il 21 aprile per la terapia intensiva, ma è morto più tardi quel giorno.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che gli operatori sanitari hanno riconosciuto i sintomi dell’Ebola e hanno fornito campioni “sul posto” per i test. “Sono già in corso sforzi per fermare l’attuale epidemia”, ha affermato l’organizzazione, e le vaccinazioni inizieranno nei prossimi giorni.

“Molte persone a Mbandaka sono già state vaccinate contro l’Ebola, il che aiuterà a ridurre l’impatto della malattia”, ha detto Moeti. “Tutti quelli vaccinati durante l’epidemia del 2020 saranno rivaccinati”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che il paziente deceduto ha ricevuto una “sepoltura sicura e dignitosa, che include la modifica delle tradizionali cerimonie funebri in modo tale da ridurre il rischio che i presenti vengano infettati da fluidi infettivi”. L’organizzazione ha aggiunto che chiunque abbia avuto contatti con il paziente viene identificato e sarà monitorato, e la struttura sanitaria in cui il paziente ha ricevuto le cure è stata disinfettata.

Precedenti focolai nella provincia dell’Equatore si sono verificati nel 2020 quando sono stati segnalati 130 casi e nel 2018, quando sono stati registrati 54 casi, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

“L’ebola è una malattia grave e spesso fatale che colpisce gli esseri umani e altri primati”, ha aggiunto l’Organizzazione mondiale della sanità. I tassi di mortalità per caso sono variati dal 25% al ​​90% nei focolai precedenti, ma è disponibile un trattamento efficace e, se i pazienti lo ricevono precocemente, le loro possibilità di sopravvivenza sono “drammaticamente migliorate”.

Le foreste tropicali della Repubblica Democratica del Congo sono state l’epicentro della crisi dell’Ebola nel paese dell’Africa centrale, dove vivono oltre 2.000 persone. La malattia li ha uccisi tra il 2018 e il 2020.

La Repubblica Democratica del Congo ha registrato più focolai di Ebola di qualsiasi altro paese da quando il virus è stato rilevato per la prima volta vicino al fiume Ebola, nella regione settentrionale della Repubblica Democratica del Congo, nel 1976.

READ  Gli esseri umani hanno svolto un ruolo importante nell'estinzione del mammut lanoso