Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un giro d’Italia, un secolo di auto fantastiche

Un giro d'Italia, un secolo di auto fantastiche

MILANO – Presto: qual è l’unica parola che ti viene in mente quando a un cocktail viene fuori il tema dei musei automobilistici italiani?

Ferrari. naturalmente. O forse una Maserati. O forse una Lamborghini. Ma per le prossime migliaia di parole, metti da parte quelle risposte rapide. Per ora, consideriamo il Fondo Museo dell’Auto.

Durante una recente visita nel nord Italia, ho fatto la spola tra Milano e Torino alla ricerca di un po’ di grandezza automobilistica oltre a ciò che di solito è nelle agende dei turisti. Li ho trovati, in “altri” musei, uno che celebra la storia dell’Alfa Romeo e un secondo nella casa della Fiat nel cuore dell’industria automobilistica italiana da più di un secolo.

Vuoi macchine rosse? Alfa Rosso ha più di qualche sfumatura di stordimento. Tecnica? Inizia con l’auto semovente di Leonardo da Vinci del 1478. Non c’è tempo per una Porsche? Hassan. Non troverai nulla qui.

Ecco uno sguardo più da vicino a un paio di destinazioni che possono apprezzare sia gli appassionati che gli appassionati di auto, nonché una breve sosta al famoso produttore italiano di pneumatici Pirelli.

Museo Storico Alfa Romeo, Ares. Si trova ad Arese, un sobborgo di Milano Museo Storico È un viaggio profondamente romantico nei 111 anni di storia italiana, raccontati dalla prospettiva di uno dei suoi brand più longevi e affascinanti. Mentre i temi di progettazione del museo – programmazione, bellezza e velocità – offrono una valutazione attenta e ponderata dell’importanza di Alpha per l’Italia e la sua industria, avere così tante splendide lamiere in un edificio è sufficiente per suscitare sentimenti.

Lorenzo Ardizio, direttore del museo, ha affermato che la società si stava presto rendendo conto che il museo poteva essere una risorsa per il marketing. Aperto inizialmente nel 1976 solo per ospiti e giornalisti, ma sotto la guida di Sergio Marchionne, lo Storico è stato rinnovato e riaperto nel 2015 per presentare la berlina Giulia. L’anno precedente, Marchionne aveva progettato la fusione di FCA. (Fiat ha acquisito Alfa nel 1986.) FCA è ora parte del Gruppo Stellantis. Sì, è complicato.

Riguardo a Storico, il Sig. Ardizio ha affermato: “L’idea era di creare qualcosa che si rivolgesse a un pubblico molto più ampio, a persone che potrebbero non essere particolarmente interessate alle auto”. Questo è un argomento ricorrente per la maggior parte dei musei automobilistici.

READ  Non cercare una clip Netflix: DiCaprio, Lawrence, Streep, Hill

Tutte le solite chicche high-tech dei formati di visualizzazione del 21° secolo sono qui: pannelli multimediali, illuminazione esotica e un gigantesco videowall che ripercorre alcuni degli eleganti spettacoli di motorsport di Alfa. La piccola Alfetta da 1,5 litri ha vinto il suo primo Campionato del Mondo di Formula 1 nel 1950, piazzandosi prima, seconda e terza in questa stagione di Gran Premi. Il pilota dell’Alfa Juan Manuel Fangio, considerato tra i piloti da corsa più intelligenti di sempre, ha conquistato il secondo posto. I risultati furono motivo di gioia in questa nazione pazza per le corse, la cui industria automobilistica fu devastata a metà degli anni ’40 dai tedeschi in ritirata e dall’avanzata degli Alleati.

Fu la Giulietta coupé compatta, dal design ispirato a Raymond Lowe, a riaccendere l’Alfa negli showroom nel 1954. Delle 70 vetture o vetture in esposizione permanente nell’apposito museo (c’è anche una “officina” chiusa al pubblico con diversi assi storici). ), l’elegante Giulietta è un’offerta molto preziosa. Spinta dal suo successo, ha affermato Ardesio, l’azienda ha prosperato dopo la seconda guerra mondiale, producendo fino a 1.000 auto al giorno non molto tempo dopo averne prodotte solo 300 all’anno.

Riconosci quella decappottabile rossa laggiù? Molti spettatori lo faranno: È il 1600 Spider Duetto che Dustin Hoffman ha guidato sul Bay Bridge in “The Graduate”. Secondo la nostra guida di Storico, l’enciclopedica Eleonora Ventura, il classico modello del 1966, disegnato dallo studio Pininfarina, è stata “prenotata” – infatti era verde e bianca – sul ponte di una nave di lusso in navigazione da Genova a New York.

“La nave si è fermata al Festival di Cannes e ha salutato alcuni attori e dignitari che hanno avuto l’opportunità di guidarli a bordo in un viaggio a New York”, ha detto. Questo modello Alfa – che è in produzione da 28 anni – contiene in seguito “pezzi” in una serie di film.

Va notato che la maggior parte delle informazioni visualizzate accanto alle auto e nei video è in inglese. Il signor Ardizio stima che più di 130.000 visitatori siano passati per Storico nel 2020.

READ  MotoGP, Prince inaugura palazzo per Rossi: i dettagli dell'accordo tra VR46 e Tanal

Museo Nazionale dell’Automobile, Torino. Per i visitatori americani in Italia, Torino è spesso un ripensamento, messa in ombra dai pesanti itinerari di crociera di Roma, Firenze, Milano e Venezia. Ma per auto conoscitorie Torino, prima capitale d’Italia prima di Roma, ha una ricca storia: Lancia, Iveco, Pininfarina, Burton, Giugiaro e Gia sono tutti nomi magici della tradizione del design italiano, costruiti qui intorno alla casa del colosso industriale torinese Fiat.

Non è sorprendente che Museo Nazionale dell’Auto È tra le più grandi aziende al mondo dedicate all’auto. Con un’eredità molto ricca costruita attorno a una collezione di circa 200 modelli risalenti al 1854, si dovrebbe guadagnare una laurea in Storia dopo aver trascorso alcune ore intense qui. Fondato nel 1933, il museo è stato rinnovato nel 2011 e attira circa 200.000 visitatori all’anno, di cui circa la metà stranieri, ha affermato la nostra guida Felipe Vergara.

La scienza si fonde con lo sport al museo. Uno spettacolo mette in evidenza le vetture del campionato di Formula 1 guidate da Fangio e Michael Schumacher; Un altro accende il carro a vapore Bordino 1854 che abbagliava i torinesi mentre vagava senza Un cavallo per le strette vie della città.

Il signor Vergara si è anche spostato in un’Italia notevolmente poco dinamica, un mostro di 40 cavalli che ha gareggiato nella famosa corsa automobilistica del 1907 tra Pechino e Parigi. L’auto mostrata, malconcia e lacerata dalla guerra, è stimolante. Sono presenti parafanghi rimovibili per l’attraversamento dell’acqua e serbatoi maggiorati per la benzina.

“L’idea era: c’è qualcuno abbastanza pazzo da andare da Pechino a Parigi, in un viaggio di 16.000 chilometri?” chiese il signor Vergara. Sono apparse cinque squadre.

Il deserto del Gobi e la Siberia sono stati solo due degli ostacoli incontrati dai piloti. Il principe Scipione Borghese, un militare, era al volante in Italia. Ha portato l’Italia a Parigi dopo 61 giorni; La seconda macchina è arrivata tre settimane dopo. La copertura delle notizie è stata massiccia. Coloro che consideravano l’eresia dell’auto furono delusi.

E per una buona ragione, il museo è strettamente associato alla Fiat (Fabbrica Italiana di Automobile Torino, non “Fix it again, Tony”) e al suo illustre e politicamente diviso fondatore, Giovanni Agnelli. (A un certo punto si alleò con Mussolini e in un altro fu processato per frode.)

READ  Unità criminale speciale messicana per tracciare opere d'arte contrabbandate illegalmente

Più di una volta negli ultimi 120 anni Fiat è fallita – il marchio è ormai praticamente invisibile negli Stati Uniti – ma le sue auto sono onnipresenti a Torino e in questo museo. Di particolare rilievo è la nostra splendida turbina rossa e bianca del 1954, alimentata da una turbina a gas. In altre parole, un motore a reazione. Il concetto non è mai andato in produzione in serie, ma ha fatto un lamento indimenticabile ai saloni automobilistici.

Nel complesso, il design intelligente del museo, un viaggio cronologico su più piani, fornisce una narrazione visiva dell’auto, fin dall’inizio: dalla da Vinci, a molla, alle odierne Jaguar e Ferrari.

“La gente viene e dice: ‘Non ero interessato alle auto’ prima di arrivare qui, e dopo si è resa conto di quanto fosse eccitante”, ha detto Vergara.

Museo Fondazione Pirelli, Milano. Chi sapeva che le cornici potessero valorizzare un museo? Ma invece di lamiera e iniezione di carburante, è Fondazione Pirelli Nel centro di Milano sorretto da gomma.

Un’istituzione italiana, Pirelli sta monitorando il suo impatto da decenni (colpirà i 150 l’anno prossimo) e oltre ai soli pneumatici, sebbene gli appassionati di sport motoristici abbiano familiarità con il marchio perché i Pirelli sono gli unici pneumatici ammessi nelle corse di Formula 1. Ciò include dipinti, film, e la collezione di manifesti pubblicitari ultrasofisticati Pirelli, sul lavoro dell’azienda per diffondere l’arte e la cultura tra i suoi dipendenti. (Nel 2017 l’Orchestra da Camera Italiana ha tenuto un concerto all’interno della fabbrica Pirelli.)

Anche qui c’è un posto d’orgoglio per il famigerato calendario Pirelli. I calendari a colori e di grandi dimensioni – chiamati “cal” – sono diventati oggetti di culto negli anni ’60 e ’70, con streghe in vari stati di svestizione. Quando in seguito è venuta fuori la nudità facile, i calendari sono diventati più artistici e meno giocosi.

C’è anche un archivio completo di documenti e articoli storici se il tuo interesse per Pirelli è accademico. Consente a studenti e ricercatori di accedere previo accordo.