Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un critico della guerra in Ucraina tenta di sfidare Putin per la presidenza della Russia Notizie sulle elezioni

Un critico della guerra in Ucraina tenta di sfidare Putin per la presidenza della Russia  Notizie sulle elezioni

La vittoria di Putin è vista come una conclusione scontata, ma l'opposizione di Boris Nadezhdin alla guerra della Russia in Ucraina gli ha procurato un sostegno significativo.

Boris Nadezhdin, un eminente critico del Cremlino, ha presentato i documenti necessari per registrarsi come candidato alle elezioni presidenziali russe del prossimo marzo.

Il consigliere locale 60enne, che ha promesso di porre fine alla guerra della Russia in Ucraina, ha dichiarato mercoledì di aver raccolto più di 100.000 firme di sostegno in 40 regioni e di averle presentate, insieme ad altri documenti, alla Commissione elettorale centrale. Il che è tecnicamente sufficiente per sfidare il presidente Vladimir Putin.

I funzionari elettorali verificheranno quindi l'autenticità delle firme presentate da Nadezhdin e da altri potenziali candidati e annunceranno il mese prossimo chi si unirà a Putin nel ballottaggio nelle elezioni del 15-17 marzo.

In passato, la Commissione elettorale ha rivelato presunte irregolarità nelle firme o nei documenti raccolti da alcuni candidati e li ha squalificati.

Putin, che si candiderà come candidato indipendente e non come candidato per il partito al potere Russia Unita, ha bisogno di 300.000 firme, ma secondo i suoi sostenitori ne ha già raccolte più di 3,5 milioni.

A dicembre, l’attuale presidente, 71 anni, ha annunciato la sua decisione di chiedere una proroga del suo mandato. Quasi certamente vincerà un quinto mandato come presidente, estendendo i suoi 24 anni di leadership in Russia, inclusi otto anni come primo ministro.

Nadezhdin, che ha criticato l’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022 definendola un “enorme errore”, è nato nell’Uzbekistan governato dai sovietici da madre ebrea che era insegnante di musica e padre fisico.

READ  Come la carbon tax è tornata a perseguitare il governo australiano

Ha trascorso gli ultimi 30 anni nella politica russa, lavorando come consigliere nella città di Dolgoprudny, fuori Mosca. Si candiderà per il Partito di Iniziativa Civica.

È diventato famoso per i suoi appelli a porre fine alla guerra, attirando folle di russi in tutto il paese desiderosi di aggiungere le loro firme al suo tentativo di entrare nelle urne.

Dopo una serie di interruzioni del riscaldamento in tutta la Russia durante un inverno insolitamente freddo, Nadezhdin ha dichiarato all’inizio di questo mese che il paese sarebbe in grado di spendere di più per i suoi cittadini se non investisse così tanti soldi nell’esercito.

In un'intervista all'Agence France-Presse ha descritto la guerra come “disastrosa” e ha affermato di voler “liberare i prigionieri politici” in Russia.

Delle firme raccolte ha detto: “Questo è il mio orgoglio” e ha anche ringraziato i suoi sostenitori in un comunicato pubblicato sul suo account ufficiale sull'applicazione “Telegram”.

“Migliaia di persone hanno lavorato senza dormire per molti giorni. A causa delle code nelle quali si stava al freddo, nei box. Sarà molto difficile per la CEC e le autorità dire: 'Non mi sono accorto elefante nella stanza'!

Ha anche pubblicato un video dal quartier generale della Commissione elettorale centrale che mostra i documenti contenenti le firme impilati su tavoli pronti per essere esaminati dai funzionari, con una descrizione dell’area da cui proviene ciascuna pila.

La richiesta di Nadezhdin solleva interrogativi su quanto lontano il Cremlino potrebbe permettergli di spingersi, in un momento in cui parlare apertamente contro il conflitto è politicamente carico e spesso porta all'incarcerazione dei critici.

READ  L'estrazione in acque profonde potrebbe iniziare entro due anni dopo che la nazione pacifica di Nauru ha emesso un ultimatum alle Nazioni Unite Nauru

Putin non ha consentito un’opposizione elettorale significativa durante i suoi 24 anni di governo, con rivali come il leader dell’opposizione Alexei Navalny dietro le sbarre.

La moglie di Navalny, Yulia, ha firmato con il suo nome a sostegno di Nadezhdin in una foto simbolica pubblicata dall'alleato del critico imprigionato.