Settembre 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tom Hanks sul reboot live di Pinocchio: “Walt ha capito che i lati oscuri delle favole sono molto importanti”

Tom Hanks sul reboot live di Pinocchio: "Walt ha capito che i lati oscuri delle favole sono molto importanti"

Il classico cartone animato di Pinocchio è una delle creazioni più amate di Walt Disney, che Tom Hanks dei reali di Hollywood pensa sia pronto per rifare il 21° secolo.

Ma questa volta, mescola l’azione dal vivo con l’ultima modellazione 3D al computer, con il due volte premio Oscar Hanks che interpreta il povero intagliatore di legno Geppetto.

La star 66enne si affretta a notare che il suo personaggio “non è troppo lontano” dal personaggio storico italiano che i fan conoscono e amano.

“Abbiamo la responsabilità di non cambiare le cose solo per cambiare le cose”, spiega Hanks.

Tuttavia, l’attore acclamato dalla critica si affretta a sottolineare che “non puoi semplicemente creare una versione realistica di com’era un film d’animazione”.

“Deve essere più profondo. E deve avere più bagaglio. Fin dall’inizio, hai Geppetto nella sua zuppa, per così dire, e non è una zuppa felice”, dice, aggiungendo: “Walt Disney si è reso conto che il i lati oscuri delle fiabe sono molto importanti per un dispositivo Una narrazione che fa rivivere grandi e piccini allo stesso modo.

Il nuovo film è stato scritto e diretto dal collega premio Oscar Robert Zemeckis, il cui lavoro in Chi ha incastrato Roger Rabbit – un altro spettacolo dal vivo – è in cima alla sua lista di credenziali.

Zemeckis e Hanks si sono anche incrociati come parte del Cast Away nominato ai BAFTA e agli Oscar.

Lanciato nel 2000, il progetto si è rapidamente trovato in uno stato di culto. Il duo ha incassato oltre 427 milioni di dollari al botteghino mondiale e il duo sembrava, sulla carta, una ricetta per il successo.

“Bob [Zemeckis] È uno di quei registi che non possono fare qualcosa che è stato fatto prima”, afferma Hanks.

READ  Little Italy si trasforma in un villaggio di Natale quando si accende l'albero annuale

“Deve sempre fare qualcosa in cui può gestire il processo creativo di farlo, e non mi ha mai veramente sfidato con il tipo di compiti che sono completamente nuovi per il processo di realizzazione del film”.

Pinocchio è solo l’ultimo di una serie di aggiornamenti Disney – da Il re leone ad Aladdin – che si sono allontanati dai personaggi disegnati a mano che gli spettatori hanno imparato a conoscere e amare.

Ma come per qualsiasi progresso tecnologico, il crescente livello di complessità pone problemi sia agli attori che agli animatori.

Descrivendo la sua collaborazione con Zemeckis come “una sfida meravigliosa”, Hanks ammette che il modo di lavorare del regista è “un’estensione del processo di recitazione”.

A suo avviso, in dettaglio, l’attore descrive la complessità delle scene del green screen che doveva immaginare, a volte riferendosi alla natura opprimente del compito da svolgere.

“Il secondo o il terzo giorno, la mia mente era esausta”, ammette Hanks.

“Ho detto, Bob, puoi darmi solo un minuto per mettere tutte queste immagini mentali nella mia testa e nel posto giusto?”

“Ho imparato molto tempo fa, lavorando con Bob, che a meno che tu non sia ben consapevole delle cose tecnologiche che accadranno dopo il fatto, può davvero rovinarti”.

Le credenziali di Zemeckis, insieme al cast del film, rendono il fascino di Pinocchio ancora più evidente.

Il film è interpretato dal tredicenne Benjamin Ainsworth nei panni di Pinocchio e Joseph Gordon-Levitt (500 giorni d’estate) nei panni della guida di Pinocchio, Jiminy Cricket, con Cynthia Erivo (genio) nominata all’Oscar nei panni della Fata Turchina e protagonista dei soprani . Lauren Bracco nel ruolo di Sophia Gabbiano.

READ  Eurovision 2022: l'icona pop Mika tra i padroni di casa al contest di quest'anno in Italia | Entità e notizie sulle arti

Anche l’attore Keegan-Michael Key (Let’s Be Cops) apparirà come “Honest” John, mentre The Coachman, un personaggio nuovo di zecca, è interpretato dall’attore gallese Luke Evans (Nine Perfect Strangers).

Notando la natura “davvero intelligente” del lavoro di Walt Disney, Zemeckis riflette il modo in cui il visionario animatore americano si è concentrato su storie che erano “impossibili da fare come film d’azione dal vivo”.

“Pinocchio era così naturale”, dice il regista, “è uno dei più, se non il più bello, film d’animazione mai creato”.

Come per sottolineare l’entità della sfida, indica anche un ulteriore dilemma che l’industria cinematografica deve affrontare.

“Oggigiorno è molto difficile trovare persone sufficienti per lavorare sui tuoi film”, spiega Zemeckis.

“Abbiamo una grave carenza di artisti digitali nel mondo e tutti stanno realizzando film con effetti digitali”.

Preparando la scena per questa nuova versione, Zemeckis osserva anche che la versione animata Disney del 1940 era già un “grande allontanamento” dal materiale originale.

Una favola italiana nel vero senso della parola, una creazione Disney ispirata al libro per bambini di Carlo Collodi del 1883, scritto a Pescia. Originariamente intitolato Le avventure di Pinocchio, il romanzo fantasy descrive in dettaglio le avventure maliziose di un bambino bambola di legno e di suo padre.

“C’era un ritmo diverso nei film 60 anni fa rispetto a oggi”, spiega il regista settantenne.

“Non diciamo al pubblico cosa dovrebbe provare o cosa dovrebbe pensare. Il pubblico è più complesso, non vuole dargli da mangiare con il cucchiaio. Vogliono essere in grado di pensare da soli”.

È un punto di vista sostenuto da Hanks, che mette in evidenza il modo in cui gli elementi chiave della storia non riescono a adattarsi alle attuali norme sociali. Con Geppetto che manda il suo giovane figlio non accompagnato come parte di un adattamento della Disney originale, l’attore mette in evidenza l’incredibile natura di uno scenario del genere, motivo in più per aggiornare la storia.

READ  I libri di cucina Giada De Laurentiis in ordine, da "Everyday Italian" a "Eat Better, Feel Better"

“Penso che nel film originale ci sia un salto nella conclusione che tutto andrà bene. Ma non credo che possiamo farlo al giorno d’oggi”, dice Hanks.

“Non puoi essere un genitore e mandare un figlio. Ti preoccuperai. Ti preoccuperai che non tornino”.

Hanks afferma che la diversità nei film moderni è “un segno distintivo della nostra responsabilità sociale e professionale” e che è importante per loro “riflettere i tempi” in cui sono stati realizzati.

Ha detto che “non c’era motivo” per cui le persone di colore non dovessero interpretare ruoli importanti e che il processo di ripresa è stato eseguito “in un modo migliorato … grazie a dove siamo ora”.

“Penso sia importante riflettere sui tempi in cui realizziamo il film, con la crescente diversità che credo sia il segno distintivo della nostra responsabilità sociale e professionale”, ha affermato.

“Non c’è motivo per cui Blue Fairy non possa essere interpretato da un attore afroamericano… quindi durante la realizzazione del film siamo sempre stati consapevoli di come migliorarlo in modo migliorato proprio per quello che siamo ora.

“Se dovessimo tornare indietro e fare una ripresa, i membri del cast contro lo stesso membro del cast, penso che sarebbe noioso.

“Farai meglio a farlo in questo modo.”

:: Pinocchio è su Disney + ora