Febbraio 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Student Focus: Programma Medici in Italia

Raine DeLucia ’23 si è recata a Genova, in Italia, per approfondire la sua formazione in medicina affiancando medici e frequentando per due settimane lezioni tenute da operatori sanitari italiani lo scorso agosto.

DeLucia, laureata in biochimica, è stata in grado di acquisire una preziosa esperienza e conoscenza del campo medico mentre esplorava Genova e l’Italia.

Dopo essersi candidata al programma a febbraio, aver superato un colloquio ed essere stata accettata ad aprile, DeLucia è stata annunciata come specialista di affiancamento presso l’Ospedale Galleria di Genova, costruito nel 1877 dalla duchessa di Genova con una capacità di 450 posti letto.

“Ero pre-med, volevo diventare un medico e avevo bisogno di tempo per l’ombra”, ha detto DeLucia. “Ho sempre voluto andare in Italia, e questo mi è sembrato un ottimo modo per fare entrambe le cose. Il programma di due settimane garantiva 40 ore di esperienza affiancando professionisti e viaggi settimanali il venerdì volti a consentire agli studenti di esplorare le zone in giro per l’Italia. Genova ha richiamato studenti da tutto il mondo per la sua ambientazione meno urbana rispetto a Roma o Milano, dove l’evento si tiene oltre a Genova.

DeLucia ha parlato di come il programma abbia cambiato la sua comprensione della carriera che voleva intraprendere dopo la laurea a maggio, affermando che il programma ha inaspettatamente messo in luce differenze culturali in medicina, in particolare l’enfasi posta sulla medicina preventiva in paesi principalmente socialisti come l’Italia. .

“I medici italiani sembrano particolarmente interessati alla cura dei pazienti e alle misure preventive. Il dottor Picciotto, un medico di cui abbiamo sentito parlare, dà a tutti i suoi pazienti i suoi numeri di telefono personali in modo che tutti i suoi pazienti possano essere facilmente raggiunti”, ha detto DeLucia. “Ho ammirato il modo in cui ha dedicato la sua vita alla medicina e all’essere medico”.

READ  Il team Beechdean sta mostrando un forte slancio in Italia

“Dopo il programma mi sono reso conto che ero più interessato a condurre ricerche per studiare i bioattivi negli alimenti e come possono influenzare la nostra salute”, ha detto DeLucia. “Mi ha impedito di essere un medico, perché volevo essere più coinvolto nella medicina preventiva e la ricerca si sarebbe incontrata direttamente con questa passione”.

Sebbene DeLucia abbia preso la decisione di cambiare il suo futuro percorso professionale, afferma che l’esperienza è stata istruttiva in molti ambiti, tra cui la medicina e la cultura.

“Devo essere in sala operatoria, ed ero a pochi passi dal chirurgo”, ha detto DeLucia. “Il paziente era un uomo, e stavano facendo una doppia operazione per rimuovere la sua mascella, che era piena di cancro, e allo stesso tempo gli hanno rimosso parte della tibia per sostituire l’osso mascellare che era stato rimosso. Sono stato lì per circa tre ore, ma l’intervento è durato circa otto ore.

DeLucia ha anche esperienza in altre aree dell’ospedale, tra cui geriatria, chirurgia ortopedica e anestesiologia. Ritiene che la parte più difficile del programma sia stata la barriera linguistica tra medici e studenti, poiché il programma indicava che la conoscenza dell’italiano non era richiesta per l’ammissione.

Alla fine di ogni giornata, gli studenti hanno avuto del tempo libero dopo essere tornati a casa dall’ospedale per esplorare Genova. La città si trova sulla costa, rendendo le spiagge e le strade circostanti frequentate da studenti e turisti, così come la sua notevole cucina.

DeLucia detiene posizioni AmeriCorps e un dottorato di ricerca. Pianificazione di prendersi un anno sabbatico dopo la laurea per fare domanda I progetti la aiuteranno a spingerla verso una carriera nella scienza dell’alimentazione.

READ  "Italia, la visione è straordinaria"

“Dopo aver fatto il programma Medici in Italia, penso sicuramente che in futuro sarebbe interessante lavorare in un altro paese e lavorare più a stretto contatto con i pazienti”, ha detto DeLucia.

(Visitato 9 volte, 9 visite oggi)