Novembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Storia dell’Hotel du Cap Eden Rock

Storia dell'Hotel du Cap Eden Rock

Nelle prime righe del suo quarto e ultimo romanzo, Tenera è la notteF. Il “Proud Pink Big Hotel” di Scott Fitzgerald situato sulla Costa Azzurra, tra Marsiglia e il confine italiano, a circa cinque miglia da Cannes: “Le palme cerimoniali rinfrescano la sua facciata fluente, e prima di un breve tratto di spiaggia abbagliante. Recentemente è diventata un’estate resort per persone eminenti e moderne … ”

Hotel du Cap Eden Rock: Immortal Legend on the French Riviera (Inglese)

Flammarion
amazon.com

USD $ 81,70

Quello che Fitzgerald chiamava l’Hôtel des Étrangers di Gausse era ovviamente in stile Hotel du Cap Eden Rock, Rifugio splendente dell’1 per cento dal 1870. Per 150 anni, la proprietà è stata una casa soleggiata lontano da casa per i titani letterari (Fitzgerald, Hemingway, Stefan Zweig, Noel Coward) e per i film (Marlene Dietrich, Alan Delon, Elizabeth Taylor, che ha portato tutti i suoi mariti, tutte le celebrità di Hollywood a Cannes), arte (Chagall, Picasso e Matisse), musica (John e Yoko, Jane e Serge ed Ella Fitzgerald), politica (Churchill, De Gaulle , il Kennedy) e l’alta società (aristocratici) russi, duca di Windsor e Wallis Simpson).

Ma nonostante la sua stimata reputazione per aver ospitato ospiti famosi della stratosfera (e per il suo controllo di tariffe uguali per le camere nella stratosfera durante l’alta stagione), l’hotel è riuscito a mantenere un’atmosfera rinfrescante e informale, afferma la storica Alexandra Campbell, autrice del nuovo libro da tavolino. Hotel du Cap Eden Rock: leggenda immortale sulla riviera francese. “Quando sono stato chiamato per questo progetto, ho pensato per la prima volta: ‘Sono davvero interessato a tutte queste persone adorabili? “Non volevo che fosse solo un riflesso del glamour.” “Ragazzo, ero lì per la rieducazione.”

Eden Rock Pool

Lo storico Jet Set Slim Aarons fotografò gli amanti del sole a bordo piscina dell’Hotel du Cap nell’estate del 1976.

Slim AaronsGetty Images

Quello che Campbell ha scoperto nella sua ricerca è stato un hotel con una storia molto incantevole che non solo era sopravvissuto a due guerre mondiali e due pandemie (incluso Covid-19), ma anche alla globalizzazione dell’industria alberghiera che ha reso così tante ex grandi signore impersonali, monotone. e artificiale. Durante il suo secolo e mezzo di esistenza, l’Hotel du Cap-Eden-Roc ha avuto una straordinaria abilità per la coerenza, grazie al fatto di essere nelle mani di due sole famiglie, la prima dei Sellas d’Italia, e, dal 1969 , gli Oetkers in Germania, il cui portafoglio di proprietà comprende Le Bristol a Parigi e Gombe Bay Island ad Antigua. “Non essere parte di una catena significa avere persone che lo amano davvero, si prendono cura di esso e lo nutrono – come i genitori”, dice.

Marlene Dietrich du Cap Eden Rock Hotel

Marlene Dietrich all’Hôtel de Cap, 1933.

© HDCER Archives of the Hotel du Cap Eden Rock: Immortal legend on the French Riviera, Flammarion, 2021

E hanno presieduto una porta girevole di celebrità che hanno cercato l’Hotel du Cap per il sole, il gioco, l’amore, il comfort o tutto quanto sopra. “Dopo tutto, sono esseri umani normali che vogliono solo un po ‘di libertà dalle preoccupazioni e dalle preoccupazioni del mondo”, dice Campbell. “Come chiunque vada in vacanza, ecco cos’è. Una pausa.”

Ciò non significa che ogni ospite fosse necessariamente ben educato. Di seguito una breve storia del leggendario hotel, che ha riaperto per la stagione 2021 il 4 giugno (giusto in tempo perché l’Unione Europea riapra i confini agli americani).

L’Hotel du Cap-Eden-Roc è stato inizialmente chiamato Villa Soleil ed è considerato un paradiso per gli artisti.

Hotel du Cap Eden Rock

L’iconica Grand Allée, l’Hotel du Cap.

Hotel du Cap Eden Rock / Outer Collection

Nel 1865, Jean Hippolyte Auguste Delaunay de Villemissant, proprietario della Francia Le Figaro Ha avuto un’idea: costruire un rifugio per artisti e scrittori ansiosi e stanchi in Costa Azzurra, dove ricaricarsi circondati dal mare e dalle montagne per tutto il tempo che vogliono e con pochi soldi (i costi saranno sovvenzionati dall’albergo proprietari). L’ha chiamata Villa Soleil.

Sfortunatamente, i proprietari terrieri del Cap d’Antibes, guidati da Alexei Pleschev, l’ex capitano della Guardia imperiale russa, avevano altre idee. Plestcheef, il cui defunto genero Conte Pavel Viersen costruì l’iconica Grande Allée che ora si estende dai gradini dell’Hotel du Cap fino al Mediterraneo, ha acquisito dozzine di acri e ha deciso invece di costruire un sontuoso hotel palazzo – gli artisti saranno comunque i benvenuti, ma anche l’uno per cento. Durante la costruzione, Villa Soleil è stata ribattezzata Grand Hotel du Cap, che ha aperto ufficialmente i battenti nel 1870.

La gloria dell’hotel non durò a lungo. La guerra franco-prussiana scoppiò quell’estate e fu seguita da una depressione durata due decenni. Il Grand Hotel du Cap rimase deserto per 17 anni fino a quando l’albergatore italiano Antoine Sella scoprì il gioiello nel 1887 e lo riportò in vita. Nel 1903 modernizzò i servizi con l’aiuto del politico britannico Lord Onslow. Quando Antoine morì nel 1931, suo figlio André assunse la posizione di proprietario e l’hotel rimase di proprietà della famiglia Scylla fino a quando gli Oetkers non lo acquistarono nel 1969 (il suo nome fu cambiato in Hotel du Cap-Eden-Roc nel 1987).

“È un’azienda veramente internazionale”, afferma Campbell. “Si pensava che fosse francese, aperto da Ross, gestito e poi di proprietà di italiani, e con finanziamenti britannici. Poi vennero gli americani e gli diedero nuova vita dopo la prima guerra mondiale e lo aiutarono a rialzarsi dopo la seconda guerra mondiale. I tedeschi lo comprarono negli anni ’60, ed è un posto del mondo “intero”.

Albergatore italiano

L’albergatore André Sella fotografato da Slim Aarons nel 1969.

Slim AaronsGetty Images

La Costa Azzurra era originariamente uno stadio invernale.

Ringraziamo gli americani per aver trasformato la Costa Azzurra in una vera meta estiva. Prima degli anni ’20, l’area era affollata da settembre ad aprile, poi chiusa nel mezzo. Il gruppo alla moda considerava troppo caldo in luglio e agosto, optando invece per luoghi più freschi affacciati sull’Atlantico come Deauville sulla costa della Normandia o Biarritz. Poi, nei primi anni ’20, Gerald e Sarah Murphy, ricchi espatriati americani che in seguito hanno ispirato i personaggi di Nicole e Dick Diver in Tenera è la notte, Sono stati invitati dal loro amico Cole Porter a trascorrere la stagione in Riviera. “Non ci fu più ritorno alle vacanze in Normandia da allora”, dice Campbell.

Hotel du Cap Eden Rock

Manuale del 1935.

© HDCER Archives from the Hotel du Cap Eden Rock: Immortal legend on the French Riviera, Flammarion, 2021

Nel 1923, la coppia affittò l’Hotel du Cap per l’estate, che divenne il centro di un circolo sociale costellato di stelle che includeva Porter, Fitzgeralds, Hemingway, Dorothy Parker, Jean Cocteau e Picasso, la Riviera fu battezzata per sempre come un fuga estiva. Alla fine hanno acquistato una casa a Cap d’Antibes e l’hanno chiamata Villa America.

La famiglia Murphy è anche accreditata di aver fornito lo spirito di carattere informale che esiste ancora oggi all’Hotel du Cap. “Sono venuti con il loro jazz, la loro musica, il loro divertimento, le loro feste e hanno fatto picnic sulla spiaggia”, dice Campbell. Inoltre, hanno reso prendere il sole un passatempo popolare, che era un concetto estraneo prima del loro arrivo.

Wallis Simpson e il Duca di Windsor furono ospiti frequenti durante gli anni ’30.

Dal momento del loro corteggiamento – quando era ancora re del Regno Unito – il duca di Windsor Wallis Simpson è stato un regolare all’Hotel du Cap. Saranno sempre accolti di persona in stazione dal proprietario André Sella. Quando la coppia fu in grado di sposarsi nell’estate dopo che Edoardo VIII abdicò al trono nel 1936, volevano farlo in Riviera ma l’idea fu respinta dal re Giorgio VI, che riteneva che la destinazione fosse inappropriata per un membro della famiglia Windsor .

Aden

Re Edoardo VIII e Wallis Simpson vengono accolti alla stazione ferroviaria di Antibes dal proprietario dell’Hôtel de Cap André Sella, 1936.

© HDCER Archives from the Hotel du Cap Eden Rock: Immortal legend on the French Riviera, Flammarion, 2021

L’Hotel du Cap è stato il sito di molte relazioni amorose, in particolare tra una star del cinema e Kennedy.

Hotel du Cap Kennedy

L’intero clan Kennedy – Joe e Rose e i loro nove figli (JFK all’estrema sinistra) – si è preso una vacanza all’Hotel du Cap Eden Rock nel 1939.

© John F Kennedy Library Foundation dall’Hotel du Cap Eden Rock: Timeless Legend on the French Riviera, Flammarion, 2021

No, non Marilyn e Jack. Nel corso delle due stagioni (tra le tante) trascorse all’Hotel du Cap alla fine degli anni ’30, Marlene Dietrich ha accumulato un gran numero di relazioni amorose. Nell’estate del 1938, la star tedesco-americana di Hollywood arriva in hotel con il marito, la figlia Maria, l’amante del marito e amante dei romanzieri Eric Maria Remark. Dietrich chiuse quindi gli occhi con Joe Kennedy, che era lì in vacanza dal suo incarico di ambasciatore in Inghilterra con la moglie Rose ei loro nove figli (il secondo fratello Jack all’epoca aveva 21 anni) divennero un assiduo frequentatore della capanna sulla spiaggia dell’attrice.

L’estate successiva, l’entourage di Dietrich e le vacanze in Costa Azzurra della famiglia Kennedy si intrecciarono di nuovo. La coppia ha ripreso la loro relazione, fino a quando Dietrich ha assunto un nuovo amante, questa volta una donna, anche lei di nome Joe.

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e viene importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io

READ  L'Agenzia monetaria dell'Arabia Saudita incoraggia una maggiore standardizzazione delle assicurazioni