Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stonehenge rocce di quasi due miliardi di anni: studio

È la roccia dei secoli.

Secondo un nuovo studio, un pezzo di Stonehenge perduto da tempo ha rivelato che il monumento preistorico ha quasi due miliardi di anni, fornendo nuove informazioni sulla sua struttura altamente resistente.

Robert Phillips, un restauratore di monumenti in Inghilterra nel 1958, portò a casa un pezzo di roccia che era stato recentemente scoperto e studiato dai ricercatori dell’Università di Brighton in Inghilterra.

Il geomorfologo della Brighton University David Nash, che ha guidato lo studio, ha detto a Reuters che il fatto che i minerali del monumento si siano formati 1,6 milioni di anni fa – quando i dinosauri vagavano per la Terra – spiega perché è durato così a lungo.

“Questo spiega la resistenza agli agenti atmosferici della pietra e perché l’ha resa un materiale ideale per la costruzione del monumento”, ha detto Nash.

Le pecore pascolano come una luna piena, altrimenti nota come "Luna Super Rosa", dietro il cerchio di pietre di Stonehenge vicino ad Amsbury, in Gran Bretagna.
Le rocce di Stonehenge hanno quasi due miliardi di anni, secondo un nuovo studio.
Fotografia: Toby Melville/Reuters

Lo studio ha mostrato che la roccia di silcrete è in gran parte composta da grani strettamente tenuti insieme da cristalli di quarzo ad incastro, è altamente resistente e non collassa o si erode facilmente anche se esposta agli elementi.

I megaliti erano costituiti da una pietra chiamata silcrete, che si è formata gradualmente entro pochi metri dalla superficie a seguito del lavaggio delle acque sotterranee attraverso i sedimenti sotterranei.

I ricercatori hanno studiato un campione di roccia, chiamato Stone 58, che è stato tenuto negli Stati Uniti per decenni prima di essere riportato in Gran Bretagna per la ricerca nel 2018. I sarcoidi sono stati eretti nel sito di Salisbury Plain nel Wiltshire da persone del tardo Neolitico intorno. 2500 aC. .

READ  L'esperimento XENON1T ha rivelato l'energia oscura

Mercoledì, i ricercatori hanno descritto lo studio completo, che ha fornito uno sguardo all’interno di uno dei 52 megaliti dell’arenaria di Stonehenge, noti come sarsen, e ha ottenuto informazioni sulla geologia e sulla chimica, secondo Reuters.

Il sole sorge mentre i festaioli accolgono il solstizio d'inverno allo Stonehenge's Stone Circle ad Amsbury, nel sud-ovest della Gran Bretagna, il 22 dicembre 2018.
I ricercatori hanno studiato un campione base di roccia chiamato Stone 58.
Fotografia: Dylan Martinez/Reuters

La pietra 58 è alta circa 23 piedi, con altri 7 piedi sottoterra, e il suo peso dal suolo è stimato a 24 tonnellate.

Il campione del nucleo – circa un pollice di diametro e lungo circa un metro – è più luminoso dell’esterno grigio opaco del megalite.

È stato regalato come ricordo a Robert Phillips, che lavorava per un’azienda impegnata in lavori di restauro. L’ha portata con sé con il permesso quando è emigrato negli Stati Uniti nel 1977. Nel 2018 ha deciso di riportarla nel Regno Unito per la ricerca. È morto nel 2020.

“Raggiungere il nucleo che è stato scavato dalla Pietra 58 è stato praticamente il Santo Graal della nostra ricerca”, ha detto Nash a Reuters. “Tutti i lavori precedenti sui sarsen a Stonehenge includevano esemplari scavati dal sito o rimossi da pietre casuali”.

Un antico cerchio di pietre di Stonehenge visto all'alba nei pressi di Amsbury, Wiltshire, Gran Bretagna.
Lo studio ha scoperto che i minerali di Stonehenge si sono formati 1,6 milioni di anni fa, quando i dinosauri vagavano per la terra, motivo per cui è durato così a lungo.
Fotografia: Toby Melville/Reuters

Gli scienziati hanno utilizzato scansioni TC, raggi X, analisi microscopiche e altre tecniche per studiare parti del campione centrale.

“Questo piccolo campione ora è probabilmente il pezzo di pietra più analizzato oltre alla roccia lunare”, ha detto Nash.

“I sedimenti sabbiosi in cui ha avuto origine la pietra si sono depositati durante il Paleogene, 66 [million] a 23 milioni di anni fa, quindi i Sarcens non potrebbero essere più vecchi di così”, ha detto. Nash ha detto a WordsSideKick.com.

Ma quando i ricercatori hanno confrontato i rapporti degli isotopi del neodimio – o atomi dell’elemento con un diverso numero di neutroni nel nucleo – nei campioni, hanno scoperto che alcuni dei depositi erano più vecchi, secondo l’outlet.

READ  La più grande cometa conosciuta si sta dirigendo abbastanza vicino a noi da essere visibile

Alcuni grani probabilmente sono stati erosi da rocce risalenti all’era mesozoica, quando potrebbero essere stati bombardati dai dinosauri, secondo Nash, che ha affermato che alcuni grani si sono formati da 1 a 1,6 miliardi di anni fa durante l’era mesoproterozoica. .

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista peer-reviewed PIÙ UNO.