Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stefano Centini • Produttore, Volos Films – Rapporto di settore: Produzione – Coproduzione…

Stefano Centini • Produttore, Volos Films – Rapporto di settore: Produzione – Coproduzione…

“Senza dubbio, i festival europei sono le piattaforme che mettono maggiormente in mostra i film dell’Asia centrale”.

L’arbitro italiano del CAF Stadium di Bishkek ci ha parlato del suo lavoro di produttore e delle potenzialità offerte dalla regione dell’Asia Centrale

Abbiamo incontrato Volos Films Stefano Centiniil prodotto presentato dalla giuria del CAF Pitch, presentato all’interno Festival internazionale del cinema di Bishkek. Durante la nostra conversazione, abbiamo parlato della società di produzione Centini (con sedi in Italia e Taiwan) e di potenziali collaborazioni tra la regione dell’Asia centrale e il resto del mondo.

Signoropa: Puoi parlarci un po’ del tuo lavoro e della tua casa di produzione che è divisa tra Taiwan e Italia?
Stefano Centini:
Mi sono formata al Centro Sperimentale in Lombardia, ma dopo un periodo di studio della lingua e cultura cinese in Francia, mi sono recata a Taiwan dove ho fondato la mia società Volos Films nel 2018. Ho sempre visto il ruolo di produttore come qualcuno che si preoccupa non solo sul lato finanziario dei film, ma anche sul lato artistico, o meglio sul suo sviluppo, sulla scelta dei collaboratori, sullo stile e su come la struttura finanziaria riflette tutti questi elementi artistici dei film che volevo produrre, con una forte qualità artistica. Volos è stato sviluppato con l’obiettivo di concentrarsi su questo tipo di cinema, soprattutto attraverso coproduzioni internazionali. [..] Quando è stata fondata Volos Films, Taiwan era aperta a questo tipo di collaborazione attraverso fondi dedicati istituiti da TAICCA, un’agenzia creata dal Ministero della Cultura locale per internazionalizzare talenti e aziende locali. Da allora siamo riusciti a produrre una media di quattro film all’anno, utilizzando talenti locali [one example of which being Elvis Lu’s documentary, A Holy Family [+see also:
film review
film profile
]
che ha vinto il Grand Prix al Taipei Film Festival ed è stato nominato come miglior film nel 2022 dalla Taiwan Critics Association]e International Talents, e funge da produttore di minoranza di film selezionati a Cannes come Quelli sistemati [+see also:
film review
trailer
interview: Felipe Gálvez
film profile
]
di Filippo Galvez, Domani è molto tempo [+see also:
trailer
film profile
]
di Ju Qi Wei Che è stato mostrato a Berlino, e Mutazione umana 3 [+see also:
film review
trailer
film profile
]
di TeddyWilliams Che è stato proiettato a Locarno. Ho anche aperto Volos Films Italia nel 2022 per verificare se lo stesso tipo di approccio avrebbe funzionato anche qui, in termini di apertura di un fondo di coproduzione di minoranza, ma anche perché vedo una nuova generazione di registi e produttori emergenti che ritengo siano quelli più curiosi e aperti a questo tipo di cooperazione internazionale. Nei primi due anni, Volos Italia ha prodotto principalmente film asiatici come partner di minoranza, incl Fatti fondamentali del lago [+see also:
film review
trailer
film profile
]
, Vietnam e sonno [+see also:
film review
trailer
film profile
]
E Io, la canzoneche è sostenuto dal Ministero della Cultura italiano ed è attualmente in post-produzione.

(L’articolo continua qui sotto – Informazioni commerciali)

Dal prossimo anno in poi, grazie ai miei instancabili colleghi di Taiwan che hanno sempre più responsabilità per la parte taiwanese dell’azienda, vorrei iniziare a lavorare con autori italiani, e sto avviando discussioni in merito.

READ  ASM Global espande la sua portata internazionale attraverso la prima partnership italiana

Sei stato membro della giuria del concorso CAF di Bishkek di quest’anno. Quante potenzialità offrivano i progetti presentati?
Quest’anno abbiamo ascoltato dieci proposte di produttori e registi della regione e io e gli altri quattro giudici abbiamo assegnato cinque premi. Inizialmente erano quattro, ma abbiamo voluto aggiungere una menzione speciale non prevista. L’assegnazione di un ulteriore premio riflette il nostro desiderio di riconoscere il lavoro svolto nella preparazione di ogni progetto e il loro forte desiderio di aprirsi al mercato internazionale, che abbiamo visto non solo durante le loro presentazioni, ma anche durante le loro interazioni nelle masterclass guidate da ciascuno dei giudici, concentrandosi sui fondi disponibili in ciascuno dei loro paesi. [..] I progetti selezionati riflettono l’energia di questa nuova generazione che ora comincia a prendere forma. Si compone di una serie di progetti di noti registi e giovani autori, che coprono un’ampia gamma di generi letterari. Sono particolarmente felice di averlo nella mia mente La culla del ritorno a casa Del regista uzbeko Iskander Usmanovche è stato il suo primo film, Il telegrammaha girato vari festival, tra cui Busan, e Balik Del giovane regista kirghiso Tolomosh Janibekov. La prima è la storia di un artigiano che confeziona letti per neonati secondo la tradizione locale, ma che, dopo una serie di disgrazie, si ritrova a realizzare bare per le vittime della guerra in Russia; BalikAllo stesso tempo, racconta la storia di un adolescente balbuziente che trova il coraggio e la forza per superare le sue paure grazie all’amore platonico che condivide con il suo insegnante. Ciò che mi è particolarmente piaciuto, come testimoniano questi due esempi, è come diversi progetti possano trarre ispirazione dalle piccole storie e dai personaggi quotidiani di questa regione, che si trovano di fronte a dilemmi globali.

READ  Ferrari entra nel mondo della moda di lusso e si rivolge ai giovani non iniziati | divertimento

Come pensi che il mercato dell’Asia centrale possa interagire con i partner e i festival europei in futuro?
I festival europei sono senza dubbio le piattaforme che danno maggiore visibilità ai film dell’Asia centrale. Il circuito dei festival attende sicuramente i produttori cinematografici di questa regione che sta cercando di aprirsi ai mercati internazionali, come dimostra il Festival di Bishkek. Penso che sarà importante verificare in che misura le autorità locali sostengono questo desiderio di andare avanti, in una regione politicamente instabile, e quanto impulso la coproduzione tra i paesi di quella regione darà allo sviluppo della cooperazione internazionale. – Anche i progetti regionali, nonché la misura in cui la cooperazione con i partner europei può fornire lo scambio di talenti necessario per produrre film di maggiore visibilità, sia nel circuito dei festival, ma anche, speriamo, anche nel circuito più ampio della distribuzione . [..]

Successivamente c’è stato sicuramente un grande interesse per una possibile cooperazione con l’Italia Roberto StabiliVisitando il CAF nell’aprile 2023 e successive discussioni sulla possibile firma di accordi di coproduzione, diversi direttori e partecipanti del CAF hanno espresso la loro curiosità sulla possibilità di coproduzione con l’Italia. Come spesso accade, il primo passo sarà trovare i progetti giusti da sviluppare e innovare insieme e, in questo senso, il CAF di Bishkek può fungere da piattaforma importante.

A quali progetti stai lavorando attualmente?
Da Taiwan, sto sviluppando il nuovo documentario su Elvis Lu e la mia prima serie, Le basiambientato e girato a Taiwan ma scritto da un regista singaporiano Yoo Seo Hwa (Vincitore del Pardo d’Oro a Locarno trans Terra immaginaria [+see also:
film review
trailer
film profile
]
) [..] In Italia mi sto preparando attualmente Kenneth Dagatanterzo film, capispallaChe parteciperà al mercato del progetto Bevan in Corea. Sarà girato in Italia nella prima metà del 2025 con un cast misto di attori italiani e filippini.

READ  L'Italian Film Festival torna alla cultura di Israele - Israele

Sono anche un produttore associato Matteo Zubis E Alessio Rigo di Regiil secondo film, testa o croce, Con Ring Film Tommaso Bertani E Cinema Innoteli Alex Lu. [..] Sto per terminare la post-produzione di un cortometraggio insieme al regista venezuelano Jorge Thelen Armandcon il quale sto sviluppando anche un progetto di lungometraggio intitolato La morte non ha padroni. Abbiamo presentato il progetto al circolo degli investitori del Festival di Cannes e ora stiamo completando il finanziamento con l’obiettivo di girare il film nella seconda metà del prossimo anno.

(L’articolo continua qui sotto – Informazioni commerciali)

(Tradotto dall’italiano)