Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Speranze infrante per l’Australia L’Europa ha ancora dei punti ciechi sul fronte del commercio

Speranze infrante per l’Australia L’Europa ha ancora dei punti ciechi sul fronte del commercio

L’annuncio non sorprendente è stato fatto durante la notte dal ministro del Commercio australiano Don Farrell Ho deciso di andarmene Dai negoziati per l’accordo di libero scambio con l’Unione Europea.

Sebbene l’attenzione dell’opinione pubblica australiana si sia concentrata a malapena sui colloqui per la maggior parte degli ultimi cinque anni dall’inizio dei negoziati, è stato sempre chiaro che raggiungere un accordo con successo sarebbe stato estremamente difficile.

L’agricoltura è stata al centro dei negoziati. Entrambe le parti sapevano che il raggiungimento di un accordo in questo settore sarebbe stato l’elemento centrale del pacchetto globale.

Seguendo un approccio negoziale collaudato, i funzionari si sono concentrati per gran parte degli ultimi cinque anni sulla costruzione di un accordo globale nella speranza di sviluppare una serie di potenziali benefici e uno slancio politico sufficiente per consentire alle due parti di trovare finalmente un terreno comune. È necessario raggiungere un accordo sull’agricoltura come parte finale del pacchetto.

Questo approccio sembra aver quasi funzionato Rapporti Ciò indica che anche in settori difficili come le indicazioni geografiche e gli appalti pubblici, le dimensioni dell’accordo erano chiare.

Finché non lo fu più.

L’apparente fallimento dei negoziati in questa fase avanzata indica che il divario tra le parti sull’accesso ai mercati agricoli è troppo ampio per essere colmato nelle circostanze attuali.

Per l’Australia, l’avvio dei negoziati per un accordo di libero scambio con l’Unione Europea è stato un atto di fede. Le due parti hanno una lunga – e in gran parte infelice – storia di relazioni commerciali bilaterali a causa delle differenze fondamentali nel loro approccio al settore agricolo.

READ  Macquarie affronta una perdita di 71 milioni di dollari in operazioni di cambio con la società di costruzioni italiana Cimolai

Il settore agricolo australiano resta profondamente risentito nei confronti dell’UE a causa delle misure insolitamente restrittive applicate dall’UE alle esportazioni agricole australiane al momento della decisione del Regno Unito di aderire all’allora mercato unico europeo.

Queste restrizioni hanno reso le esportazioni agricole australiane verso l’UE – in particolare di prodotti chiave come carne bovina e zucchero – marginali nella migliore delle ipotesi e in gran parte commercialmente impraticabili.

All’inizio dei colloqui c’era qualche speranza che l’UE cambiasse le sue linee e che si potesse raggiungere un accordo bilaterale di libero scambio, preparando le due parti per una nuova era di commercio e investimenti – un accordo che mettesse fine al ingiustizia delle modalità di accesso degli anni ’70. per l’agricoltura e aprire la strada a una nuova generazione di crescita basata su settori meno controversi come gli investimenti e il commercio di servizi e minerali vitali.

Le condizioni favorevoli imposte dall’accordo di libero scambio Australia-Regno Unito, che ha sostituito i prodotti dell’UE in alcune aree, sono state senza dubbio un fattore nel rafforzare l’intransigenza dell’UE.

A questo punto, queste speranze sembrano essere state deluse. Nonostante tutti i discorsi a Bruxelles e a Strasburgo negli ultimi anni sull’assunzione da parte dell’UE di un ruolo di leadership globale nella riforma commerciale, e sul suo desiderio di collaborare con l’Australia per rafforzare il sistema di regole commerciali globali, la dura verità è che il punto cieco dell’agricoltura dell’UE è ormai ristretto. . Non è scomparsa e ciò resta un ostacolo allo sviluppo di tale partenariato.

La storia dell’accordo di libero scambio dell’UE – in particolare con l’America Latina, così come con la Nuova Zelanda e l’Indonesia – evidenzia la misura in cui continua a imporre misure protezionistiche sull’agricoltura, riflettendo posizioni politiche divergenti nei principali stati membri, in particolare Francia, Italia e Spagna.

READ  Di fronte al Covid, i cittadini europei hanno chiesto e ottenuto la risposta dell'UE | Luke van Midlar

La via da seguire da qui non è chiara. Farrell ha dichiarato che i negoziati continueranno e spera che un accordo venga raggiunto “un giorno”. Ciò sembrava indicare il desiderio di continuare la conversazione ma non molto di più. Se si aspetta che l’UE risponda con un’offerta di accesso al mercato agricolo significativamente migliore, può aspettarsi di rimanere deluso. Come tutte le principali economie, l’UE riterrà di avere un vantaggio sull’Australia in termini di influenza – i suoi guadagni sono inferiori a quelli dell’Australia da qualsiasi accordo – e non si sentirà obbligata ad agire.

Le condizioni favorevoli imposte dall’accordo di libero scambio Australia-Regno Unito, che ha sostituito i prodotti dell’UE in alcune aree, sono state senza dubbio un fattore nel rafforzare l’intransigenza dell’UE. Questa combinazione di fattori sembra escludere uno sforzo finale da concludere quest’anno.

L’alternativa è che l’Australia dovrà impegnarsi nuovamente con la nuova Commissione europea e il Parlamento europeo, entrambi i quali dovrebbero entrare in carica dopo le elezioni del 2024, ovvero al più presto alla fine del prossimo anno. Ma data la probabilità di un ritorno a un maggiore nazionalismo economico negli Stati Uniti alla fine del 2024, è difficile essere ottimisti su un cambiamento nella politica commerciale dell’UE che renderebbe un accordo con l’Australia più fattibile allora di quanto lo sia oggi.