Agosto 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sono stati rivelati i piani per convertire l’ex ristorante italiano Ask di Northampton in un bar

Sono stati rivelati i piani per convertire un ex ristorante italiano Ask a Northampton in un bar.

Le proposte sono state presentate dalla signora Poupinel al Consiglio del West Northamptonshire per l’approvazione.

I documenti di pianificazione dicono che l’azienda offrirà sia cibo che bevande e utilizzerà l’area esterna in St Giles Square per ospitare 13 tavoli, nove panche pieghevoli da picnic e ombrelloni.

Partecipazione Alla nostra newsletter quotidiana

le notizie Taglia il rumore

L'edificio di Mr. Grants in St Giles Square era precedentemente un Ask Italian
L’edificio di Mr. Grants in St Giles Square era precedentemente un Ask Italian

Secondo i documenti, all’interno dell’edificio protetto di Classe II a tre piani, saranno effettuati “rifacimenti minori”.

I nostri orari di apertura saranno dalle 9:00 alle 12:00 tutti i giorni della settimana.

La signora Poppinell ha dichiarato nei documenti di pianificazione: “La piccola impresa proposta ringiovanirà l’edificio nel suo insieme, facendo un uso migliore dello spazio esistente e migliorando le strutture esistenti offerte.

“Pertanto, lo sviluppo proposto andrà a beneficio della comunità locale, garantendo al tempo stesso che l’edificio sia preservato come bene storico per un uso futuro a lungo termine”.

Nei documenti di pianificazione, la signora Poppinell ha descritto la sua attuale azienda di bevande, Vins and Bieres, come “una cantina, un bar, ma soprattutto un luogo di scambio, esperienze e incontri. Il luogo perfetto per condividere bei momenti sui buoni prodotti. Persone vieni qui per un drink e goditi i tuoi drink preferiti sul posto o da portare via”.

Ask Italian deve ancora riaprire dopo aver allentato le restrizioni di blocco all’inizio di quest’anno e l’edificio è Attualmente “in mostra”Secondo Perry Real Estate.

READ  Esperti cinesi ed europei hanno affermato che la salute è prima di tutto un diritto umano