Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Senza mascherina e ‘a basso rischio’, l’Italia saluta un traguardo importante

Lunedì tutta l’Italia è diventata una zona senza mascherine e “a basso rischio” per il coronavirus, segnando una pietra miliare per il primo paese europeo a colpire la pandemia globale nel febbraio 2020.

In un decreto entrato in vigore lunedì, il ministero della Salute ha classificato per la prima volta ciascuna delle 20 regioni italiane come “bianche”, indicando un rischio basso, secondo il sistema di classificazione con codice colore del paese che valuta i rischi di Covid-19.

Ciò significa che le maschere per il viso non saranno più obbligatorie nelle aree esterne: una buona notizia in tutto il paese poiché si prevede che l’ondata di caldo in corso spingerà le temperature sopra i 40°C (104F) in alcune regioni meridionali questa settimana.

Un tempo simbolo della crisi del coronavirus in Occidente – le immagini di camion dell’esercito che trasportano bare da un’obitorio straripante nella città settentrionale di Bergamo sono state viste in tutto il mondo – l’Italia ha visto una serie di contagi e morti nelle ultime settimane.

Secondo il governo, un terzo della popolazione italiana di età superiore ai 12 anni era stata vaccinata domenica, ovvero 17.572.505 persone.

Ai turisti dell’Unione Europea, della Gran Bretagna, degli Stati Uniti, del Canada e del Giappone è stato a lungo vietato l’ingresso nel paese e ora sono tornati dopo che il governo ha annullato l’obbligo di quarantena per i visitatori vaccinati o per coloro che sono risultati negativi.

Nonostante i progressi, il ministro della Salute Roberto Speranza ha invitato gli italiani alla vigilanza.

“E’ un risultato incoraggiante, ma servono ancora prudenza e prudenza, soprattutto a causa delle nuove variabili”, ha scritto Esperanza dopo aver firmato il decreto sabato. “La battaglia non è ancora stata vinta”.

READ  Il consiglio comunale di Vancouver approva una proposta di sezione "pedonale prima" di Commercial Drive

Dopo un lungo periodo di blocco regionale totale o parziale iniziato a novembre per combattere una seconda ondata di infezioni da coronavirus, le restrizioni sono state allentate in tutta Italia alla fine del mese scorso. L’intero paese è stato reso una “zona gialla”, che ha portato più libertà ma ha mantenuto un coprifuoco per tutta la notte che ha ridotto gli orari di apertura dei ristoranti.

Con il governo che ha gradualmente rimosso le restrizioni nel corso di giugno, l’unico limite, a partire da lunedì, è stato la Valle d’Aosta, una piccola regione alpina nel nord-ovest.

In Italia più di 127.000 persone sono morte per complicazioni legate al Covid-19, mentre più di quattro milioni sono state contagiate.