Giugno 16, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sabato Di Sarno fa il suo debutto su Gucci sotto l’occhio attento di star come Julia Roberts

Sabato Di Sarno fa il suo debutto su Gucci sotto l’occhio attento di star come Julia Roberts

Pubblicato il 22 settembre 2023 alle 14:45 ET

Le modelle indossano creazioni parte della collezione donna Primavera/Estate 2024 di Gucci, presentata a Milano, Italia, venerdì 22 settembre 2023. (AP Photo/Luca Bruno)


MILANO – Sabato Di Sarno vuole che le persone si innamorino di nuovo di Gucci, chiamando la sua prima collezione “Gucci Ancora”, italiano per “Gucci Again”.

Il titolo è un toccante riconoscimento delle sfide affrontate dal designer quarantenne, arrivato in Gucci quest’estate da Valentino, dove ha lavorato per 14 anni dopo aver lavorato presso Prada e Dolce & Gabbana.

La domanda è: Di Sarno potrà ripetere ciò che il suo predecessore Alessandro Michele è riuscito a ottenere, attirando il pubblico verso Gucci, facendo salire i ricavi a un tasso di crescita sostenibile a doppia cifra per il proprietario francese Kering? Fino all’inevitabile declino.

Il debutto di Di Sarno venerdì, nove mesi dopo la sua nomina in seguito alla scioccante partenza di Michele, è stato il più atteso nel calendario della moda femminile della settimana della moda milanese della prossima primavera ed estate.

Il brusio è stato sufficiente per riempire la prima fila di celebrità di Hollywood tra cui Julia Roberts e Ryan Gosling.

Cosa non era la collezione: non era apertamente sexy in modo sexy, come avveniva nell’era di Tom Ford. Non era eclettico, come la visione romantica e gender-fluid di Michele. Entrambi sono stati periodi fiorenti nella storia centenaria del marchio, fondato da Guccio Gucci dopo un periodo come rappresentante di servizi a Londra.

In una recente intervista, Di Sarno ha espresso la sua ammirazione per l’architettura brutalista, indicando il suo amore per le cose semplici, e la sua collezione era esattamente questo.

READ  Beach House Theatre presenta la commedia in stile italiano - Peace Arch News

Il logo Gucci è distribuito con parsimonia. La striscia Gucci ha fatto delle grandi apparizioni.

Una semplice giacca grigia ha convinto una fashionista a stare in terza fila per una foto. È questa la salvezza che il mondo della moda stava aspettando? O si trattava piuttosto della modernità dell’assenza, della promessa della semplicità?

C’è molto da amare per una Gen Z sicura del proprio corpo, senza essere spinta verso la sensualità.

Vale a dire: le magliette bianche, altro brand di successo, sono abbinate a pantaloncini cortissimi e cintura Doppia G. C’erano pantaloncini in maglia per bambini e una polo abbinata con dettagli a righe Gucci, indossati senza pretese. Questo mini reggiseno in pelle goffrata era abbinato a una gonna midi abbinata. Una serie di abiti graziosi e dall’aspetto semplice avevano un fascino semplice e scultoreo.

Invece delle scarpe a tacco alto che erano popolari negli anni ’90, la maggior parte dei look erano abbinati a mocassini.

La frangia era uno dei pochi abbellimenti di De Sarno, che aggiungeva movimento a un paio di gonne. Le scarpe durante il lockdown sembrano piene di abbellimenti, alcuni dei quali ricordano gli stivali foderati di pelliccia di Michelle. Una serie di turni da sera erano decorati con strass.

Una previsione di pioggia ha costretto lo spettacolo ad abbandonare le strade acciottolate di Brera, circondate dall’architettura stoica di Milano, un ambiente che avrebbe dato al look un’atmosfera da strada. Invece, si è tenuto in uno showroom squadrato e nero presso il Gucci Center, ai margini della città, che non è riuscito a trasmettere emozioni.

READ  Paul Cares ha aiutato a sostenere i giovani interessati alla cucina e alla musica

The title is a touching admission of the challenges facing the 40-year-old designer, who joined Gucci this summer from Valentino, where he worked for 14 years after stints at Prada and Dolce & Gabbana.

The question is: can De Sarno do again what his predecessor Alessandro Michele was able to achieve by exciting the public to swarm to Gucci, pacing revenues at a sustained double-digit growth for French owner, Kering? Until the inevitable dip.

De Sarno's debut Friday, nine months after being hired in the wake of Michele's surprise departure, was the most anticipated on the Milan Fashion Week calendar for next spring and summer womenswear.

The furor was enough to fill the front row with Hollywood A-listers including Julia Roberts and Ryan Gosling.

What the collection wasn't: It wasn't overtly sexy in a sultry way, like in the Tom Ford-era. Nor was it eclectic, like Michele's romantic, gender-fluid vision. Both marked boom periods in the 100-year history of the brand founded by Guccio Gucci after a stint as a bellhop in London.

In one recent interview, De Sarno professed admiration for Brutalist architecture, suggesting a love of the essential, and his collection was exactly that.

The Gucci logo was sparingly deployed. The Gucci stripe made a few cameo appearances.

A simple gray sweatshirt excited one fashionista to stand up in the third row to grab a photo. Is this the deliverance the fashion world has been waiting for? Or was it more the novelty of absence, the promise of simplicity?

There's lots for a body-confident Gen-Z to love, without being pushed toward sensuality.

READ  Un film di propaganda russa sulla guerra in Ucraina è stato cancellato in una città italiana

To wit: White tanks, which another brand has done to great success, paired with very short shorts and a double-G logo belt. There was a baby-knit culotte and matching polo with Gucci stripe detailing, worn without pretension. A tiny leather bra top in embossed leather was paired with a matching midi skirt. A series of pretty shift dresses had a simple, sculptural appeal.

Instead of the stilettoes of the 1990s, most looks were paired with platform loafers.

Fringe was one of De Sarno's few adornments, casting movement on a pair of skirts. Shoes in the closing looks rustled with tinsel -- some of which were reminiscent of Michele's fur-lined loafers. And a series of shifts for the evening were decorated with rhinestones.

A forecast of rain forced the show from the cobblestoned streets of Brera, flanked by Milan's stoic architecture -- a setting that would have imbued the looks with their street sense. Instead, it was held in a boxy black showroom in Gucci's Hub on the edge of the city that failed to transmit emotion.

-->