Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Robert Sanchez: il nuovo numero 1 del Chelsea continuerà a credere in vista del trasferimento allo Stamford Bridge | notizie di calcio

Robert Sanchez: il nuovo numero 1 del Chelsea continuerà a credere in vista del trasferimento allo Stamford Bridge |  notizie di calcio

Il numero uno del Chelsea, Robert Sanchez, parla del lavoro con Mauricio Pochettino, della perdita del posto al Brighton e del perché il trasferimento allo Stamford Bridge è stato il tonico perfetto;
Guarda Bournemouth e Chelsea in diretta su Sky Sports Premier League dalle 13:00 di domenica, la partita inizia alle 14:00

di Ron Walker, giornalista di calcio digitale @ronabi


17:33 ora del Regno Unito, domenica 17 settembre 2023

“A volte le cose non funzionano tra giocatore, club e allenatore, questo è il calcio”, afferma Robert Sanchez, il nuovo numero 1 del Chelsea.

L’ascesa, la caduta e poi l’ascesa di uno dei giovani portieri più ricercati della Premier League è stata piuttosto notevole negli ultimi 12 mesi.

Non molto tempo fa, si parlava di Sanchez come di una delle stelle nascenti della Premier League, un lungo con un eccellente controllo in area, un potente stoppatore e a suo agio con la palla tra i piedi. Il portiere moderno a tutto tondo.

Ma la brutta esperienza all’Amex della scorsa stagione, strettamente legata allo stile altamente direttivo del nuovo allenatore Roberto De Zerbi, ha fatto crollare tutto. I ricordi sono pochi nel calcio e nel giro di pochi mesi, dopo aver perso il posto contro Jason Steele a marzo, le azioni del 25enne crollarono.

L’offerta di 25 milioni di sterline accettata dal Brighton dal Chelsea ad agosto non avrebbe potuto essere accettata un anno fa. Si dice che il Bayern Monaco sia rimasto sorpreso dal prezzo e abbia cercato di fare una mossa.

Ora, di nuovo sotto i riflettori sotto Mauricio Pochettino e circondato da giocatori da 1 miliardo di sterline, a Sanchez è stata data la possibilità di ricostruire la reputazione per cui ha lavorato così duramente.

READ  Incontra Maria Arrigini, la splendida reporter sportiva italiana amante del bikini le cui foto “dovrebbero essere illegali”

Tra la sua prima e l’ultima presenza in Premier League con il Brighton, solo sette portieri hanno mantenuto la porta inviolata più volte. Solo Alisson ed Ederson hanno completato più passaggi, e solo Nick Pope ed Emi Martinez sono riusciti a effettuare più passaggi.

Questa è un’edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

Queste non sono cattive statistiche sui portieri. La fiducia degli altri in lui è diminuita, ma Sanchez ha parlato a lungo del senso di fiducia in se stesso che inizialmente lo ha aiutato a spodestare il preferito dai fan Matt Ryan come numero 1 del Brighton, e ora lo ha visto superare l’altro lato di un periodo difficile pochi mesi prima. prendendo il sopravvento. Trasferimento a Londra.

“Se non credi in te stesso, chi lo farà?” Chiesto Sky Sport, Mezzo sorridente, alla base di allenamento del Chelsea a Cobham. “Penso di aver fatto bene la scorsa stagione.

“Lui [De Zerbi] Avevo il mio punto di vista sulla squadra, per un motivo o per l’altro non dipendeva da me per decidere che tipo di portiere voleva e ha deciso di andare con un altro portiere. [Jason Steele].

“Si è adattato meglio a quello che voleva fare e sono felice per lui, perché mi ha sostenuto per due anni e mezzo quando ero il portiere e ora ha la sua occasione”.

De Zerbe aveva accennato a qualcosa di simile quando lasciò Sanchez per la prima volta a marzo. Sebbene l’italiano non abbia mai approfondito i dettagli, il successo di Steele sulla palla con il suo stile carismatico lo ha reso chiaro.

Domenica 17 settembre alle 13:00

Anche la forma di Sanchez ha sofferto prima di perdere il posto. La scorsa stagione ha subito cinque gol rispetto alle aspettative, ma non è diventato un cattivo giocatore da un giorno all’altro.

READ  La stella della Juventus Paul Pogba potrebbe dover partecipare ai Mondiali del 2022 in Qatar

“Mi sono trovato molto a mio agio”, aggiunge. “Conosco il mio livello come portiere. So che giocherò in un modo o nell’altro da qualche parte, quindi mi sono semplicemente rilassato e ho aspettato la mia opportunità”.

Avrebbe immaginato di sedersi qui come numero uno del Chelsea all’inizio dell’estate? “Probabilmente non avrei potuto prevederlo”, ride.

“Si sentono cose mentre la finestra di trasferimento va avanti, e quando il Chelsea mi ha chiamato, non ho potuto dire di no. Quello che mi hanno dato, e il piano che avevano, era incredibile.”

Aiuta il fatto che Levi Colwell, che è stato uno dei sostenitori della difesa del Brighton la scorsa stagione, sia già tornato al Chelsea, club natale, e sarà un volto familiare ad aspettarlo a Cobham.

E non era l’unico. Ben Roberts, allenatore dei portieri di Sanchez per tutta la sua carriera al Brighton, si è trasferito allo Stamford Bridge con Graham Potter l’anno scorso ed è rimasto dopo il breve periodo dell’allenatore. C’era anche la tentazione di lavorare con Mauricio Pochettino.


immagine:
Sanchez e Levi Colwell si sono riuniti allo Stamford Bridge dopo aver giocato insieme a Brighton la scorsa stagione

“Qui sembra tutto un vero ambiente familiare”, dice. “C’era Ben [Roberts] E il rapporto che ho avuto con lui, Moises Caicedo, [Marc] Cucurella, Levi [Colwill]un paio di persone di lingua spagnola.

“Ben conosce il mio livello, pensa sempre che io sia uno dei migliori e mi ha aiutato in questo passo: ha messo una buona parola e mi ha aiutato a portarmi al Chelsea. Lo amo, ho avuto un rapporto fantastico con lui .” Per sette anni volevo venire qui e lavorare con lui.

READ  È morto all’età di 76 anni Alberto Mandolesi, icona del giornalismo sportivo italiano. Malang Post News

“Sono anni che gioco contro tanti giocatori, ho anche parlato un po’ con l’allenatore e so che tipo di allenatore è.

“Sa quando dirti che devi fare meglio e quando abbracciarti e abbracciarti. È un grande allenatore tatticamente, ma soprattutto nella gestione dei giocatori, conosce ogni giocatore individualmente e ognuno è diverso , e tira fuori il meglio di noi.”

Ricostruire la reputazione di Sanchez come uno dei migliori giocatori della Premier League richiederà più tempo del suo ritorno in prima squadra. Ciò non aiuta le aspettative di una squadra ancora in piedi davanti al mondo, e Pochettino sta ancora manipolando la formazione.

Ha assistito in prima persona alle virtù del tempo e della pazienza sotto Potter all’Amex, anche se sa, come l’allenatore ha scoperto in prima persona ad aprile, che quelle qualità scarseggiano allo Stamford Bridge.

“Abbiamo un grande allenatore, un ottimo staff e grandi giocatori individuali, ma è una squadra giovane”, dice. “La gente ne ha sentito parlare spesso, ma i giocatori vengono da situazioni diverse, questa è una novità per loro e abbiamo bisogno di tempo.

“Stiamo migliorando più velocemente che possiamo, sappiamo che vogliamo vincere ma ci vuole tempo. Vincere è la cosa più importante, ci dà le migliori sensazioni, ma ci arriveremo”.

La tanto necessaria iniezione di energia potrebbe arrivare questa domenica al Vitality Stadium, in diretta Sky Sportcontro una squadra di Bournemouth che non ha ottenuto alcuna vittoria in questa stagione.

Qualunque sia l’esito, almeno per Sanchez, non sarà dovuto a mancanza di fiducia.

Guarda la partita Bournemouth-Chelsea trasmessa in diretta SkySport Premier League Dalle 13 di domenica, la partita inizierà alle 14