Giugno 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Robert De Niro sceglie i suoi film preferiti di Marlon Brando

Robert De Niro sceglie i suoi film preferiti di Marlon Brando

(Crediti: lontano / Alamy)

film

A questo punto, Robert De Niro non ha quasi bisogno di presentazioni. da Il padrino parte seconda A irlandesi, il gigante del cinema americano ha presentato più di 50 anni di recitazione, lavorando con registi famosi come Martin Scorsese, Quentin Tarantino, David O. Russell.

De Niro fa parte del cinema classico da così tanto tempo ed è considerato un eroe da così tante giovani generazioni di attori che è difficile immaginare che una volta lo stesso De Niro fosse un giovane ambizioso che desiderava ardentemente un eroe per conto suo. Tuttavia, c’è stata una generazione di film e attori che è venuta prima del peso massimo di Hollywood che gli ha dato quella scintilla e l’entusiasmo per perseguire una carriera nel cinema.

De Niro ha parlato in un’intervista con Kenneth Branagh su chi ha trovato particolarmente stimolante e ha detto: “Gli attori che pensavo fossero i più interessanti erano James Dean, Marlon Brando, Montgomery Clift, Kim Stanley e Greta Garbo”.

annuncio

annuncio

Questi attori erano iconici durante l’età d’oro di Hollywood e alcuni di loro sono passati dai film muti in bianco e nero ai film widescreen a colori con cui abbiamo più familiarità oggi. Di tutti, c’è un attore con cui De Niro condivide più somiglianze e incarna uno spirito simile di forte mascolinità bilanciata con sensibilità: Marlon Brando.

Ampiamente considerato uno dei più grandi attori del 20° secolo e famigerato per il suo personaggio oscuro e magnetico sia fuori che dentro la telecamera, non sorprende che De Niro abbia pensato molto a Brando. Quando i Golden Globes nel 2013 gli hanno chiesto di distillare i suoi film preferiti di tutti i tempi in una selezione di tre, l’italo-americano ha scelto due di questi film con Brando e ci ha mostrato i suoi classici più amati.

READ  Roma città aperta: sullo schermo il grande salto di Roberto Rossellini verso il realismo

Marlon Brando ha preferito i film di Robert De Niro

Un tram chiamato desiderioDiretto da Elia Kazan nel 1951, l’omonima commedia di Tennessee Williams è stata trasformata in un film pluripremiato e acclamato dalla critica. Il film si concentra sulle tensioni che sorgono quando un’insegnante di classe superiore attraversa un periodo difficile e deve trasferirsi a New Orleans per vivere con la sorella e il cognato ostile. Interpretando il selvaggio, ringhioso e sospettoso Stanley, la performance di Brando nel film alla fine lo ha presentato al pubblico mainstream e lo ha catapultato sotto i riflettori globali.

Sul lungomareUn altro sforzo di Elia Kazan, questa volta pubblicato nel 1955, il 12 volte nominato e otto volte vincitore dell’Oscar vedeva Brando come un ex pugile che lottava per affrontare la corruzione sindacale sullo sfondo dei moli del New Jersey. . Una famosa scena verso la fine mostra il personaggio di Terry Malloy, Brando, che lamenta lo status che sentiva gli fosse stato tolto: “Avrei potuto essere un concorrente! Avrei potuto essere qualcuno”. Il potere di questo momento si è diffuso nel cinema e ha influenzato così tanto De Niro che ha spinto Martin Scorsese a cambiare il discorso di chiusura del film Toro scatenato includere.