Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Questa è la tua mente nell’arte: come la musica, la danza e la poesia possono aiutare la tua mente: istantanee

Questa è la tua mente nell’arte: come la musica, la danza e la poesia possono aiutare la tua mente: istantanee

Un crescente corpo di ricerca sta studiando gli effetti di potere dell’arte sul cervello.

DrAfter123 / Getty Images


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

DrAfter123 / Getty Images

Un crescente corpo di ricerca sta studiando gli effetti di potere dell’arte sul cervello.

DrAfter123 / Getty Images

Per dare un senso alle scienze dure, Michael Covey Eason si rivolge spesso all’arte.

Quando fatica a capire il sistema immunitario o una malattia rara, la musica e la poesia gli servono da ancoraggio.

“Mi aiuta a calmarmi e a scegliere attivamente su cosa concentrarmi”, afferma Eason, studente del secondo anno al Medical College of Wisconsin.

Eason, che è nato in Ghana, crede che il suo cervello sia più bravo ad assorbire tutta questa scienza a causa degli anni trascorsi suonando la tromba e studiando musicisti afrobeat come Fela Kuti.

“Ci deve essere una sorta di maggiore connessione [art] Si presta al cervello”, dice Eason.

Questa idea – che l’arte ha un effetto misurabile sul cervello e sulla sua struttura – ha il sostegno di un numero crescente di persone studi scientifici.

“La creatività crea nuove connessioni e nuove sinapsi”, afferma Ivy Ross, Vice President of Device Design di Google e coautrice del nuovo libro. Il tuo cervello sull’arte: come le arti ci trasformano.

Ross è coautore del libro con Suzanne Magasamine, direttrice dell’International Arts and Mind Lab presso la Johns Hopkins University School of Medicine. Magsamen dice che l’effetto dell’arte sul cervello è più drammatico nei bambini.

READ  Il primo caso umano del virus dell'influenza aviaria H10N3 è stato confermato in Cina, ma dice che è improbabile che si diffonda ampiamente tra le persone.

“I bambini che suonano musica, la loro struttura cerebrale in realtà cambia e la loro corteccia cerebrale si gonfia”, dice Magsamin..

In il tuo cervello sull’arte, Magsamen e Ross descrivono come cambiano i circuiti neurali di una persona in risposta ad attività come l’apprendimento di una nuova canzone, un nuovo passo di danza o come interpretare un personaggio sul palco.

Spiegano anche perché un numero crescente di ricercatori crede che questi cambiamenti portino a un cervello più pronto ad acquisire una vasta gamma di abilità, tra cui matematica e scienze.

Cervello addestrato a piegarsi

Musica, danza, pittura, narrazione: tutto questo fa parte delle culture umane da decine di migliaia di anni. Di conseguenza, “siamo davvero appassionati di arte”, afferma Magsamin.

E quando facciamo arte, dice, aumentiamo la plasticità del cervello, la sua capacità di adattarsi in risposta a nuove esperienze.

“I bambini che si dedicano alle arti imparano meglio”, afferma Ross. “Gli studenti che hanno accesso all’istruzione tecnica hanno cinque volte meno probabilità di abbandonare la scuola e quattro volte più probabilità di essere riconosciuti come studenti di successo”.

Le arti possono anche insegnare le abilità cerebrali che è improbabile ottenere in una classe, dice Ross.

“Sono una ballerina da 12 anni e penso davvero che mi abbia dato un senso della forma e dello spazio negativo”, dice.

Questi circuiti cerebrali potrebbero aver aiutato la sua vasta carriera, dice, che include il design gioielleria Fa parte della collezione permanente dello Smithsonian.

Anche ballare sembra migliorare la salute mentale, afferma Magsamin.

“Anche solo 15 minuti di danza riducono lo stress e l’ansia”, dice, osservando che questa attività fa sì che il cervello rilasci ormoni del “benessere” come endorfine, serotonina e dopamina.

Misurare gli effetti dell’art

Gli educatori hanno notato il legame tra le arti e il rendimento scolastico per molti anni. Ma solo negli ultimi due decenni la tecnologia ha permesso agli scienziati di vedere alcuni cambiamenti nel cervello che ne spiegano il motivo.

Nel 2010, ad esempio, gli scienziati hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale per mostrare musicisti professionisti Aveva una maggiore plasticità Non musicisti nell’ippocampo, una regione coinvolta nella memorizzazione e nel recupero delle informazioni.

“Le arti forniscono ai bambini il tipo di sviluppo del cervello che è davvero importante per costruire forti percorsi neurali”, afferma Magsamin, compresi coloro che sono coinvolti nella concentrazione, nella memoria e nella creatività.

Eason, uno studente di medicina, potrebbe aver utilizzato alcuni di questi percorsi quando ha trovato un nuovo modo per studiare concetti difficili in chimica.

“Scrissi [poems] Sulle reazioni acido-base”, dice ridendo. Oh mio Dio, solo uno strano. “

Un voto negativo nelle arti a scuola

Nonostante la crescente evidenza che le arti possono migliorare le prestazioni in molti altri settori, attività come la musica e la pittura sono cadute in disgrazia nell’istruzione e nella nostra cultura, afferma Ross.

“Miglioriamo la produttività e mettiamo da parte le arti”, afferma. “Pensavamo che saremmo stati felici. La verità è che non lo siamo.”

READ  Gli scienziati hanno finalmente trovato la testa della stella marina: è ovunque

Quindi persone come Michael Covey Eason cercano di trovare un equilibrio.

Ora, alla fine del suo secondo anno di facoltà di medicina, Eason trascorre le sue giornate facendo scienza. Ma a volte a tarda notte scrive ancora poesie, inclusa una che termina con questa idea su come sia l’arte che il cervello creino la propria versione della realtà.

L’inganno è un’arte
L’arte di dominare il cervello.
Anche se l’arte è una bugia,
È un fatto del cervello
Anche se l’arte è un inganno,
È un fatto del cervello.
Il cervello è una bugia
Una bugia così bella, è arte.

Eason spera un giorno di scrivere poesie sui pazienti che cura. Per ora, però, è ancora principalmente un osservatore.

“Devo parlare con loro”, dice, “ma alla fine vengono per il dottore, non per me”. “Una volta che sono effettivamente in quella posizione, penso di voler portare il paziente alle poesie.”

E forse ha portato delle poesie ai suoi pazienti.