Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Qual è la variante Deltacron per Covid e dove è stata trovata? | Corona virus

Cos’è il deltacron?

Come suggerisce Portmanteau, un Deltacron è una variante di Covid che contiene sia elementi Delta che Omicron, in altre parole, contiene geni di entrambe le varianti, il che lo rende noto come un virus ricombinante.

“Questi ricombinanti si verificano quando più di una variante infetta e si replica nella stessa persona, nelle stesse cellule”, afferma il professor Lawrence Young, virologo dell’Università di Warwick. “Deltacron è un prodotto delle varianti Delta e Omicron prevalenti nella stessa popolazione”.

questa settimana, feliceuna comunità globale di scienziati che condividono informazioni sui virus, ha pubblicato che la prima prova evidente di questa variante è stata condivisa dall’Istituto Pasteur in Francia.

Dove è stata trovata questa variante?

Gisaid afferma che la variante è stata identificata in diverse regioni della Francia e sembra essere in circolazione dall’inizio dell’anno. “Genomi con tratti simili sono stati identificati in Danimarca e nei Paesi Bassi”, afferma Gesside.

Ci sono state anche segnalazioni di un Deltacron È stato scoperto negli Stati UnitiCirca 30 casi sono stati rilevati nel Regno Unito, secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA). Il quotidiano i ha affermato che i primi casi di trasmissione da persona a persona di Deltacron nel Regno Unito sono stati Dovrebbe essere confermato questa settimana.

Il dottor Etienne Simon Laurier dell’Istituto Pasteur ha avvertito della possibilità di diversi virus ricombinanti costituiti da delta e omicron.

“Quello che vediamo in Francia e Danimarca/Paesi Bassi sembra molto simile e potrebbe essere lo stesso ricombinante (con gli stessi virus parentali) trasmesso”, ha affermato. Ma, ha aggiunto, i potenziali ricombinanti delta-micron riportati in paesi tra cui il Regno Unito e gli Stati Uniti sembrano combinare parti diverse dei virus parentali e quindi differiscono dal Deltacron visto in Francia.

READ  Con il decimo volo, la creatività ha sorvolato oltre un miglio sulla superficie di Marte

“Potremmo aver bisogno di trovare un nome diverso per fare riferimento a questo ricombinante, o iniziare ad aggiungere un numero”, ha detto.

Come dovremmo preoccuparci?

Gli esperti si sono affrettati a sottolineare che le varianti ricombinanti non sono rare e Deltacron non è il primo e non sarà l’ultimo a succedere a Covid.

“Questo accade quando siamo nel periodo di transizione da una variabile dominante all’altra, di solito una curiosità scientifica ma non molto di più”, afferma il dottor Jeffrey Barrett, che in precedenza ha guidato l’iniziativa di genomica Covid-19 presso il Wellcome Trust Sanger Institute.

Con solo pochi casi Deltacron identificati finora, tuttavia, non ci sono ancora dati sufficienti sulla gravità della variante o sulla protezione dei vaccini.

Somaya Swaminathan, scienziato capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha twittato martedì: “Sappiamo che possono verificarsi eventi ricombinanti, nell’uomo o negli animali, con molte varianti circolanti di #SarsCoV2. È necessario attendere esperimenti per caratterizzare questo virus. Importanza di sequenziamento e analisi e condivisione rapida di dati mentre affrontiamo questa pandemia”.

Young è d’accordo. “Dobbiamo monitorare il comportamento di questo ricombinante in termini di trasmissibilità e capacità di sfuggire alla protezione immunitaria indotta dal vaccino”, afferma. Questo aiuta anche a rafforzare la necessità di mantenere la sorveglianza genetica. Poiché il virus continua a diffondersi, in particolare nelle popolazioni non vaccinate e nelle persone la cui immunità è compromessa dal vaccino, è molto probabile che vedremo più varianti, comprese quelle da ricombinazione”.

Ma questo non significa che la variante sia motivo di panico: secondo l’UKHSA, la variante non mostra un tasso di crescita allarmante.

“È stato visto nel Regno Unito parecchie volte e finora sembra essere molto raro in qualsiasi parte del mondo, con solo poche dozzine di sequenze su milioni di Omicron”, afferma Barrett. “Quindi non penso che ci sia nulla di cui preoccuparsi al momento, anche se sono sicuro che continuerà a guardare”.

READ  Ecco cosa dovresti fare dopo un test COVID positivo, secondo il CDC - NBC Chicago

Le precedenti onde Delta e Omicron, così come i vaccini, significano che è probabile che ci sia almeno una certa protezione contro questa variante.