Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Come sarebbe un pianeta simile alla Terra in Alpha Centauri?

Ingrandisci / Rappresentazione artistica di un pianeta simile alla Terra in un sistema stellare vicino.

Ora sappiamo che il nostro vicino più prossimo, Proxima Centauri, lo è Ospita almeno due pianeti. Ma non siamo sicuri se ci siano pianeti vicino ad Alpha Centauri, un sistema binario appena oltre. Tuttavia, se fossero lì, ora sappiamo come potrebbero essere. nuova ricerca Usa i dati di modellazione e la spettroscopia delle stelle del sistema per stimare cosa potrebbe essersi formato un pianeta roccioso nella zona abitabile del sistema.

Per stimare la composizione di questo ipotetico pianeta, soprannominato α-Cen-Earth, il team ha sviluppato quello che chiamano un modello di devolatizzazione. Per iniziare, hanno esaminato le quantità di elementi volatili (idrogeno, carbonio, ossigeno, ecc.) e di elementi non volatili (come ferro e silicio) nel Sole e sulla Terra, e hanno esaminato le differenze.

Armato di questi dati, il team ha quindi esaminato i dati della spettroscopia ad alta risoluzione sugli elementi nelle stelle α Centauri A e α Centauri B, che hanno fornito loro informazioni su 22 elementi. Con il loro modello e questi dati, possono stimare le probabili composizioni di un ipotetico pianeta roccioso nella zona abitabile del sistema. “Ottieni un modello della composizione chimica dei pianeti rocciosi che sarebbero nella zona abitabile”, ha detto ad Ars Charley Lineweaver, uno degli autori dell’articolo.

Mostrami di che pasta sei fatto

È probabile che α-Cen-Earth, se presente, sia geochimicamente simile alla Terra, con un mantello probabilmente dominato dai silicati. Ma potrebbe contenere più grafite e diamante, grazie al suo rapporto carbonio-ossigeno più elevato, secondo Lineweaver.

READ  La NASA inizia uno sforzo di mesi per focalizzare il telescopio spaziale James Webb | astronomia

La capacità di accumulo dell’acqua del pianeta potrebbe anche essere simile al nucleo terrestre, ma avrebbe anche un’attività geologica inferiore, forse priva del tutto della tettonica a placche, e un nucleo di ferro più piccolo. “Il pianeta che ne risulterà sarà interessante in termini di mineralogia e abbondanza di roccia rispetto, ad esempio, al metano e ai carburi, alla grafite e forse anche al diamante nel nucleo”, ha affermato Lineweaver.

Secondo Lineweaver, il modello può essere applicato anche ad altri ipotetici pianeti. Ha aggiunto che, personalmente, sospetta che i pianeti rocciosi siano più comuni in altri sistemi solari di quanto abbiamo scoperto finora – non che non esistano, è solo che la nostra capacità di rilevarli è alquanto limitata.

È possibile, tuttavia, che α-Cen-Earth – o qualsiasi altro pianeta – possa differire dal modello perché i meteoriti che contengono altri elementi spesso entrano in collisione con i pianeti, il che potrebbe influire sulla loro composizione chimica complessiva. Tuttavia, il modello del team potrebbe aiutare i futuri ricercatori a identificare i pianeti abitabili, ha affermato Lineweaver.

Giornale astrofisico, 2022. DOI: 10.3847 / 1538-4357 / ac4e8c (Informazioni sui DOI)