Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Riflettori regionali sui prestiti in difficoltà: Grecia, Italia, Spagna e oltre | Bianco e custodia LLP

Le banche europee continuano a sfidare le aspettative: nessun paese ha visto un aumento del rapporto tra prestiti deteriorati e settore bancario nel 2021, con la stragrande maggioranza che ha segnalato un miglioramento.

Sebbene la pandemia non sia riuscita a produrre livelli elevati di debito tossico, anche il settore bancario europeo ha continuato i suoi sforzi per ridurre gli attuali volumi di prestiti deteriorati. La tendenza è stata particolarmente forte in Grecia e in Italia, dove le banche hanno beneficiato bene di regimi statali che offrono generose garanzie su ampie tranche di crediti inesigibili.

Tuttavia, le disposizioni altrove sono state limitate, con l’attività che si è spostata sul mercato secondario. Ciò potrebbe essere temporaneo, poiché alcune banche hanno segnalato maggiori accantonamenti nel 2021. L’impatto a lungo termine della pandemia è ancora tutt’altro che chiaro ed è possibile un aumento dei crediti inesigibili nei settori più vulnerabili dell’economia, compresi il commercio al dettaglio e l’intrattenimento . e turismo. Mentre le banche europee hanno un’esposizione diretta limitata agli eventi in Ucraina e Russia, inizieranno a manifestarsi gli effetti più ampi della situazione.

Nel frattempo, il rapporto medio dei prestiti in sofferenza delle banche nell’area economica europea è sceso dal 2,5% al ​​2% nel 2021, secondo l’EBA.

Visualizza immagine completa: NPL europei: contratti totali firmati nel 2021 per Paese (PDF)

Entro la fine del 2021, i quattro maggiori istituti di credito del paese in Grecia hanno riferito di avere crediti deteriorati per circa 16 miliardi di euro nei loro bilanci.

Grecia: avanti veloce

Il settore bancario greco continua a compiere progressi verso la normalità, sostenuto dall’Hercules Asset Protection Scheme (HAPS) del governo, modellato sulla Garanzia Cartolarizzazione Sofferenze (GACS) dell’Italia. Attraverso HAPS, lo stato garantisce grandi banconote cartolarizzate sui prestiti mentre gli investitori acquistano mezzanine e mini-bond.

Il successo di HAPS ha visto la percentuale di prestiti bancari greci classificati come deteriorati scendere da un massimo di quasi il 50% nel 2016 al 25,5% all’inizio del 2021 e solo al 7% entro la fine dell’anno.

In totale, l’anno scorso gli istituti di credito greci hanno scaricato quasi 41 miliardi di euro di prestiti deteriorati, secondo Debtwire ABS Europe. Delle operazioni che hanno contribuito a questo totale, sette riguardavano cartolarizzazioni effettuate tramite HAPS.

Questi includevano il progetto Galaxy NPL da 10,8 miliardi di euro di Alpha Bank, in cui Davidson Kempner ha acquistato il 51% di mezzanine e banconote piccole, Sunrise I da 7,2 miliardi di euro dalla Piraeus Bank che effettuava transazioni con Intrum e Serengeti e la transazione Project Frontier della Banca nazionale greca di 6 euro Miliardi di euro con Bain Capital Credit, Fortress Investment Group e doValue.

Al di fuori di HAPS, gli affari nel 2021 tendono ad essere più piccoli, anche se Alpha Bank e Attica Bank hanno completato ciascuna transazioni da 1,3 miliardi di euro.

Gran parte del duro lavoro delle banche in Grecia è stato completato. Entro la fine del 2021, i quattro maggiori istituti di credito del paese hanno riferito di avere prestiti deteriorati per un valore di quasi 16 miliardi di euro nei loro bilanci, significativamente meno rispetto all’anno precedente.

Anche le prospettive rimangono relativamente favorevoli, con scarse prove di un boom post-pandemia dei crediti deteriorati. Le banche greche hanno preso un accantonamento netto di 6,2 miliardi di euro nel 2021 solo in previsione, ma sembrano pronte a evitare grandi battute d’arresto.

I più alti accordi di NPL firmati in Grecia nel 2021 in volume

Visualizza immagine completa: i migliori contratti NPL firmati in Grecia nel 2021 per volume (PDF)

READ  Blackstone riporta profitti eccezionali, ma prevede un rallentamento degli accordi

Il volume dei crediti deteriorati nelle maggiori banche greche entro la fine del 2021 (miliardi di euro)Guarda il quadro completo: Il volume dei crediti deteriorati nelle più importanti banche greche a fine 2021 (miliardi di euro) NPL (PDF)

Italia: cauto ottimismo

Le banche italiane hanno ridotto il loro stock di sofferenze negli ultimi 12 mesi, con l’aiuto di un’estensione di un anno della Garanzia Cartolarizzazione Sofferenze (GACS) sostenuta dallo stato. Lo schema, che opera in modo simile al programma HAPS greco, doveva scadere nel giugno 2021, ma la Commissione europea ha sostenuto la sua proroga fino a giugno 2022.

L’estensione del GACS ha consentito alle banche italiane di ridurre l’onere dei prestiti deteriorati dal 4 per cento al 3,1 per cento dei propri prestiti nel corso dell’anno. Il settore ha scaricato prestiti in sofferenza per un valore totale di 19,5 miliardi di euro nel 2021, comprese le vendite di portafogli non rimborsabili (UTP) per circa 600 milioni di euro, secondo Debtwire ABS Europe. Circa la metà di questo totale è stata contabilizzata da cessioni GACS.

Tra questi, la cartolarizzazione di crediti deteriorati Intesa Sanpaolo e BPER per 3,1 miliardi di euro, nonché la cartolarizzazione NPL di Iccrea Banca di un portafoglio immobiliare in affitto per 1,3 miliardi di euro, portando il numero totale di operazioni completate tramite GACS negli ultimi cinque anni a più di 40 – un totale di quasi 100 miliardi di euro.

Anche il mercato secondario italiano continua ad essere attivo, con operazioni pionieristiche l’anno scorso tra cui la vendita del portafoglio di 2,8 miliardi di euro di Cerberus a Banca Ifis.

Tuttavia, la preoccupazione può insinuarsi nel mercato sull’andamento delle transazioni italiane. Operazioni scadenti come 4Mori Sardegna, Leviticus SPV, Maggese, Belvedere SPV e Popolare Bari NPLs 2016 hanno registrato rapporti di gruppo da punti percentuali bassi a medi a una cifra, così come Siena NPL 2018 del gigante Monte Paschi di Siena.

Alcuni analisti sono nervosi. Ad esempio, Scope ha recentemente declassato le principali obbligazioni a 17 su 26 operazioni distressed, con un declassamento medio di due notch. Tuttavia, secondo Debtwire ABS Europe, diversi accordi superiori hanno aumentato i rapporti di raccolta. Diana SPV è aumentata dal 41,15% al ​​di sopra del piano industriale al 58,1% e Futura 2019 è migliorata dal 21,38% al 37,67%. Nel mezzo, sono state osservate grandi oscillazioni per Yoda SPV, che è migliorato di 10 punti percentuali al 9% rispetto al piano aziendale, e Juno 1, che è passato dal 10,1% al di sopra del piano aziendale al 6,33% al di sotto.

In un punto positivo, Sirio NPL di UBI ha costantemente sovraperformato il suo piano aziendale iniziale, espandendolo a marzo 2022 con un’acquisizione totale del 110,43% rispetto al piano aziendale e un rapporto di redditività del 145,83%.

Guardando al futuro, è difficile prevedere i livelli di attività in Italia. Secondo quanto riferito, il governo italiano sta esercitando pressioni sulla Commissione europea per un’ulteriore proroga del GACS, possibilmente fino a due anni. Mentre le banche italiane hanno dismesso 19,5 miliardi di euro di crediti deteriorati nel 2021, queste istituzioni avevano ancora quasi 42 miliardi di euro di crediti inesigibili in bilancio e avevano accantonamenti netti per 5,5 miliardi di euro nel 2021.

Nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni, la Spagna ha ancora uno dei maggiori stock di crediti deteriorati in Europa.
Le quattro maggiori banche del paese hanno 68,5 miliardi di euro di crediti inesigibili nei loro bilanci.

Spagna: vendite in rallentamento… per ora

La maggior parte delle banche spagnole ora controlla i propri rapporti di prestiti deteriorati, il flusso delle transazioni primarie è rallentato, ma le transazioni secondarie da parte di acquirenti in fase iniziale sono in aumento, così come le vendite e le assicurazioni per rifare i portafogli ipotecari e i contratti di servizi giganti.

READ  Stornaras della Banca centrale europea ritiene che le scommesse sull'aumento dei tassi di interesse sugli investitori non siano giustificate

L’EBA riferisce che i rapporti sui prestiti deteriorati nel settore bancario del paese sono rimasti stabili nel 2021, con il 3% del debito classificato come deteriorato entro la fine dell’anno, rispetto al 3,1% di 12 mesi prima.

Le cessioni di prestiti in sofferenza sono state pari a quasi 7 miliardi di euro nel 2021. Tra gli accordi degni di nota c’erano lo scarico da parte di Sarp di un portafoglio di prestiti per sviluppatori da 1,6 miliardi di euro a Procobro e CaixaBank, la vendita del suo portafoglio residenziale in difficoltà da 578 milioni di euro a KKR.

Banco Santander ha completato cinque disinvestimenti, tra cui la vendita per 650 milioni di euro del portafoglio Project Talos NPL a Marathon Asset Management e la cessione di due portafogli alberghieri spagnoli.

Sul mercato secondario, Debtwire ABS Europe segnala che alcune cartolarizzazioni spagnole rimangono deludenti, anche se l’anno scorso ha visto un modesto miglioramento in Prosil Acquisition (Salduero), i cui gruppi sono aumentati di un punto al 50,5% rispetto al piano industriale a fine anno. Tuttavia, Retiro Securities è crollato dal 13,3% al 27,1% alla fine di gennaio.

Nonostante i progressi compiuti negli ultimi anni, la Spagna ha ancora uno dei maggiori stock di crediti deteriorati in Europa. Le quattro maggiori banche del Paese hanno 68,5 miliardi di euro di crediti inesigibili nei loro bilanci, nonostante le disposizioni dello scorso anno per 6,9 miliardi di euro.

Inoltre, gli accantonamenti sono aumentati notevolmente negli ultimi 12 mesi, con le quattro grandi banche che hanno stanziato 12,4 miliardi di euro netti nel 2021 per i crediti deteriorati. Banco Santander ha ricevuto un accantonamento netto di 7,4 miliardi di euro, mentre BBVA ha ricevuto 3 miliardi di euro. Ciò potrebbe gonfiare la pipeline dell’attività commerciale nei prossimi mesi e anni.

Il resto d’Europa: un’attività più modesta

La Francia, una delle maggiori economie dell’UE, continua a segnalare un ambiente favorevole ai prestiti deteriorati, senza alcun segno di un imminente aumento delle vulnerabilità e di una limitata attività di negoziazione nel mercato privato.

Il tasso di prestiti deteriorati del settore bancario francese era dell’1,9% alla fine del 2021, in calo rispetto al 2,1% dell’anno precedente. Tuttavia, le quattro maggiori banche del paese hanno quasi 80 miliardi di euro di crediti deteriorati nei loro bilanci, quindi è possibile prevedere ulteriori disposizioni nei prossimi anni. Questo numero si è contratto di soli 4,3 miliardi di euro nel 2021 e le quattro banche hanno aumentato i propri accantonamenti di un importo netto di 7,3 miliardi di euro nel corso dell’anno.

La Francia ha visto un solo contratto di prestito deteriorato nel 2021, che è stato gradualmente eliminato da 200 milioni di euro di crediti inesigibili alle piccole e medie imprese da Société Générale, acquisita da iQera.

READ  I ristoranti pop-up potrebbero continuare a spuntare mentre il COVID vede una rinascita

Anche nel Regno Unito, il mercato primario delle cessioni di crediti deteriorati rimane debole, con un solo affare significativo l’anno scorso, la vendita di 400 milioni di sterline del centro commerciale Project Mercatus di NatWest a un gruppo di investitori, tra cui Attestor e Octane Capital Partners ed Ellandi. .

Sembra improbabile che i flussi di accordi aumenteranno nel prossimo futuro, poiché le quattro maggiori banche del Regno Unito hanno tagliato i loro accantonamenti inesigibili di oltre 4,5 miliardi di euro lo scorso anno. Di conseguenza, alla fine dell’anno i rapporti sui prestiti deteriorati erano in media solo dell’1,7%.

L’Irlanda continua a registrare livelli elevati di attività, con 20,7 miliardi di euro di prestiti deteriorati e non core venduti nel 2021, sebbene l’attenzione si sia spostata sulle cessioni di prestiti da parte di prestatori esterni al di fuori della giurisdizione, come KBC e NatWest. Le tre maggiori banche irlandesi hanno ancora prestiti in sofferenza e prestiti non core con un valore contabile totale di 7,9 miliardi di euro nei loro bilanci, nonostante un calo di circa 1,7 miliardi di euro lo scorso anno. Anche la percentuale di crediti deteriorati del settore è diminuita dal 3,7% al 2,8% nel 2021.

Nel frattempo, il settore bancario tedesco continua a vantare uno dei rapporti NPL più bassi in Europa, con l’EBA che ha riportato una cifra dell’1,1% a fine 2021, in leggero calo rispetto all’1,2% di inizio anno. Le due maggiori banche del paese avevano 14,7 miliardi di euro di crediti deteriorati nei loro bilanci alla fine dell’anno, in calo di 329 milioni di euro anno su anno. Gli accantonamenti sono aumentati di 395 milioni di euro netti nel 2021, ma lo scorso anno le banche tedesche non hanno registrato vendite di portafogli di prestiti deteriorati.

Un altro paese degno di nota è Cipro, dove la Banca di Cipro ha annunciato la vendita di Helix 3 per un valore di 698 milioni di euro di prestiti deteriorati a Pimco nel novembre 2021. La cessione di questo portafoglio di 20.000 prestiti ha consentito alla banca di portare il suo prestito deteriorato rapporto sceso all’8,6 per cento, con Il numero è stato portato a una cifra un anno prima del previsto.

In effetti, mentre il settore bancario a Cipro è piccolo nel contesto dell’Europa nel suo insieme, soffre del grave problema dei prestiti deteriorati. Il suo rapporto di prestiti deteriorati è diminuito nell’ultimo anno, ma rimane stabile al 4,1%, uno dei più alti del continente.

Il paese è anche più esposto alla Russia di altri. Ad esempio, RCB ha dovuto affrontare il controllo delle autorità di regolamentazione a causa della sua associazione con la banca russa VTB, che possedeva una grande partecipazione in RCB fino all’inizio di quest’anno. Ha recentemente venduto un portafoglio di 556 milioni di euro di crediti deteriorati alla banca greca.

Inoltre, i libri di prestito ciprioti si profilano all’orizzonte per le banche di altre giurisdizioni. Nel febbraio 2022, la greca Alpha Bank ha annunciato la vendita di un portafoglio di prestiti e immobili ciprioti a Cerberus: il valore del portafoglio del progetto Sky ammontava a 2,4 miliardi di euro.

[View source.]