Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Possiamo riportare il mammut lanoso?

Il team di scienziati guidato da George Church, un genetista della Harvard Medical School, utilizzerà l’ingegneria genetica per sviluppare un elefante resistente al freddo, o “elefante polare”. Diverse notizie hanno indicato che la società ha ricevuto 15 milioni di dollari in finanziamenti di avviamento.

Il team ha selezionato più di 50 tratti che miglioreranno la capacità dell’elefante asiatico di resistere al freddo. Questi includono cappotti ispidi, orecchie più piccole e forme adattate al freddo di emoglobina e produzione eccessiva di tessuto adiposo.

L’idea è di utilizzare questi geni e con l’aiuto della tecnologia CRISPR, vengono inseriti nel genoma dell’elefante asiatico. Il team creerà quindi un embrione con i tratti di un mammut lanoso.

L’embrione sarà trapiantato in un surrogato di elefante africano. La gravidanza avverrà nel grembo dell’elefante intorno ai 18-22 mesi e nascerà un ibrido “elefante polare”.

Ma perché il mammut lanoso e perché ora?

Colossal afferma sul suo sito Web che uno degli obiettivi principali del rilancio del mammut è restituire le foreste ormai defunte alle praterie naturali artiche, il che aiuterà con le emissioni di carbonio.

La tundra, ora una foresta muschiosa, un tempo era una prateria e il team ha affermato che riportare indietro il mammut potrebbe aiutare a ripristinare l’ecosistema della steppa (pascoli non forestali) e aiutare a “invertire il rapido riscaldamento climatico”.

Hanno detto che il mammut pastore aiuterà a ristabilire l’ecosistema delle praterie e prevenire lo scioglimento e il rilascio di gas serra ora intrappolati nel permafrost dell’Artico.

Dr. George Church ha detto IndianExpress.com Per sequestrare il carbonio, impedendo la fuoriuscita del metano e portando nuova anidride carbonica nel terreno ghiacciato, i modelli hanno dimostrato che sarebbero necessari circa 100 elefanti nell’Artico.

READ  Musk afferma che Starship potrebbe essere pronta per il lancio orbitale il prossimo mese, ma la revisione della FAA continua - Spaceflight Now

Avremo bisogno di un’area compresa tra uno e tre milioni di chilometri quadrati inizialmente per avere un impatto. Ma dato che ci sono circa 20 milioni di chilometri quadrati nell’Artico, questa è una piccola parte”.

Quando nasce un “elefante artico”?

Ben Lamm, fondatore e CEO di Colossal Biosciences, ha detto ai giornalisti che si potrebbe vedere la prima generazione di vitelli “elefante artico” entro quattro o sei anni. “Il nostro obiettivo è di poco più di un decennio prima di ottenere una reintroduzione completa”, ha aggiunto.

Lam ha affermato che il piano a breve termine include lo sviluppo di tecniche di allevamento veterinario in particolare per le specie in via di estinzione e per gli ambienti e gli ecosistemi in pericolo.

“Guarda questo come il programma Apollo. Quando l’umanità è andata sulla luna, in realtà abbiamo sviluppato molte tecnologie interessanti, comprese quelle che ci consentono di avere questa conversazione oggi. E quindi pensiamo che ci siano molte applicazioni per le tecnologie che usciranno da questi uteri artificiali, la modifica di A multi che può essere utilizzata per proteggere le specie in via di estinzione, in agricoltura e per uso veterinario”, ha aggiunto.

Domande etiche

Il professor Adrian M. Lister del Dipartimento di vertebrati e antropologia del Museo di storia naturale di Londra ha dichiarato a IndianExpress.com che questo piano solleva molte questioni etiche, “soprattutto perché stiamo parlando di un animale sociale altamente intelligente, non di un animale da laboratorio come un moscerino della frutta o un verme nematode”.

Ha aggiunto che è molto probabile che ci saranno molti esperimenti falliti (aborti spontanei o nascite malformate) prima che sia possibile una gravidanza di successo e una prole efficace.

READ  L'alto funzionario sanitario di New Orleans ha emesso un avvertimento sulla variante delta

“In secondo luogo, sappiamo davvero abbastanza sugli adattamenti dell’elefante per assicurarci di poterlo equipaggiare completamente per la vita nell’Artico? Questo è un animale tropicale che vive nella luce del giorno e nel sistema climatico tropicale, mangiando alti alberi tropicali ed erbe. Potrebbero essere in grado di progettare un mantello più spesso e uno strato grasso, sull’esempio, ma potrebbero esserci molte altre modifiche fisiologiche o biochimiche necessarie di cui non siamo a conoscenza.Questi animali prospererebbero in un ambiente così esotico? “, ha chiesto.