Agosto 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché Trump guadagna più fedeltà di Biden

Diamo un’occhiata a quei sondaggi, Jack. Sebbene ciò che la commissione del 6 gennaio ha rivelato abbia iniziato a erodere il sostegno a Donald Trump all’interno del Partito Repubblicano, specialmente tra i repubblicani con istruzione universitaria, c’è una spaccatura sorprendente tra i due partiti. Più repubblicani sono entusiasti della candidatura di Trump per un secondo mandato nel 2024 di quanti democratici siano entusiasti che Biden faccia lo stesso.

La metà dei repubblicani ultimamente The New York Times / Siena College Il sondaggio ha affermato che Trump è il loro candidato preferito. E il secondo classificato, il governatore della Florida Ron DeSantis, ha avuto il sostegno di un quarto degli elettori del Partito Repubblicano. Il sondaggio stesso lo ha mostrato perfettamente 64% dei Democratici È preferibile che Biden non cerchi un secondo mandato.

Non c’è da stupirsi che Biden sia sconvolto.

Questi numeri sono, ovviamente, un riflesso parziale della debolezza politica di Biden, ma solo in parte. A un livello più profondo, sono una nuova manifestazione di un vecchio fenomeno: i democratici tendono ad essere meno fedeli ai loro leader rispetto ai repubblicani e hanno meno probabilità di essere presi dal fervore.

Questa tendenza abbraccia decenni e le cause probabilmente rientrano in tre categorie sovrapposte. Il primo è la natura dell’agenda democratica. In secondo luogo, la natura dell’alleanza democratica. Il terzo è la natura della mente democratica.

I conservatori di solito hanno basse richieste e basse aspettative dal governo. Ci sono alcune clausole non negoziabili che i leader del GOP devono soddisfare: i sostenitori delle imprese richiedono basi basse, gli attivisti sociali chiedono opposizione all’aborto legale. Ma, soprattutto sotto Trump, ciò che i partigiani vogliono più di ogni altra cosa è un leader che dia voce al disprezzo che provano per i liberali, i media e le diverse élite culturali. Questo è un nastro che Trump ha cancellato facilmente.

READ  Il leader locale avverte che la devastazione dell'Amazzonia potrebbe scatenare "apocalisse"

Al contrario, i progressisti hanno forti richieste di un governo attivo. C’è un lungo elenco di elementi specifici che vogliono mettere in atto, ampliando il ruolo del governo nell’assistenza sanitaria, nell’istruzione, nella parità di reddito e nella transizione verso un futuro energetico a basse emissioni di carbonio. Questo è un ostacolo che Biden non può rimuovere facilmente, soprattutto senza una forte maggioranza democratica al Congresso.

È anche meno probabile che la stessa Alleanza Democratica faccia svenire i suoi presidenti, specialmente uno con talenti oratori così modesti come Biden. Il motore sempre più dominante del partito sono gli elettori con un’istruzione universitaria urbana e suburbana. Le opinioni di questi elettori sono state plasmate nelle università e negli ambienti professionali dei colletti bianchi dove lo scetticismo, il giudizio indipendente e persino le sfide dirette all’autorità sono normali. Rende anche normale guardare Biden, o arrabbiarsi per la sua decisione di fare o meno.

Questo tocca qualcosa di più profondo sui progressisti: possono essere collegati in modo diverso, in modi estranei al sostegno acritico dei leader di partito. Ricercatori accademici, come lo psicologo sociale Jonathan Haidt, hanno scoperto come i conservatori apprezzino naturalmente valori come la lealtà e il rispetto per l’autorità mentre i liberali gravitano in modo più enfatico su valori come la libertà e l’equità. Anche nella scelta di un animale domestico, Haidt ha scritto nel suo libro del 2012, “mente schietta” I conservatori come le razze di cani fedeli e i liberali vogliono razze gentili.

In effetti, gli elettori democratici di Biden che cercano di radunarsi non sono più cani che gatti, e non è facile prendersene cura. Un nuovo sondaggio NPR/PBS NewsHour/Marist mostra che Biden ha ottenuto l’approvazione del 75% dei democratici, un livello inferiore a quello che Trump ha ottenuto dai repubblicani durante la sua presidenza, quando in genere godeva del sostegno del Partito Repubblicano negli anni ’80 o ’90.

READ  Parti del lago Tahoe chiuse dopo che i test hanno confermato la peste degli scoiattoli

Nel 2020, Trump ha ispirato abbastanza ossessione bipartisan – nonostante le lacune di responsabilità nell’adempimento delle promesse elettorali, una maggioranza persa al Congresso, una lunga lista di dichiarazioni e comportamenti irregolari e bassi indici di approvazione tra il pubblico in generale – che è riuscito ad aumentare il suo votazione. Totale dal 2016 oltre 11 milioni di elettori.

Da parte sua, Biden non è riuscito a ottenere il suo programma nazionale “Build Back Better” nel Senato 50-50, a volte trasmettendo un senso di profondità di qualcuno nella fase autunnale della vita. Ma ha anche picchiato l’uomo che la maggior parte dei suoi sostenitori crede sia uno dei politici più pericolosi nella storia degli Stati Uniti. Ha superato un’ampia iniziativa infrastrutturale nel suo primo anno. Ha rianimato le alleanze per formare una potente alleanza per sostenere la resistenza dell’Ucraina all’invasione di Vladimir Putin. Guida l’economia, sebbene afflitta dall’inflazione, e funziona a pieno regime. Eppure ispira una tale debole dedizione da parte dei Democratici che anche il raro caso di ciò che Biden ha incontrato la sua ossessione – in questo caso da un 22enne con un feed Twitter di dimensioni decenti regolarmente ritwittato – il capo del personale della Casa Bianca Ron Klein – questo il settimana fare notizie.

La scomoda verità per Biden è che i democratici moderni, come specie, non sono solo un’ossessione. I repubblicani, come specie, lo sono.

L’eccezione parziale a questo fenomeno è stata Barack Obama. Soprattutto nella sua campagna del 2008, ha effettivamente beneficiato della dedizione dei suoi sostenitori, alcuni dei quali lo hanno investito in possibilità quasi spirituali. Quando è entrato in carica, era tornato ad essere visto, anche dal suo stesso partito, da una prospettiva laica. Era soggetto ad ansia e congetture da parte del suo partito, che ha accolto anche Bill Clinton.

READ  Una battuta d'arresto per il piano del miliardario Peter Thiel di costruire un lodge di lusso nella remota Nuova Zelanda | Nuova Zelanda

Sebbene entrambi i presidenti abbiano vinto un secondo mandato, nessuno dei due ha beneficiato del tipo di afflusso squalificato dal loro partito che Ronald Reagan (come Biden, che affronta dubbi sulla sua età) gli ha fatto vincere quasi il 59% dei voti nella sua rielezione. E nessuno dei democratici ha goduto del tipo di apoteosi post-presidenziale che i repubblicani hanno insistito su Reagan, chiamandolo come edifici e aeroporti. Un altro repubblicano, George W. Bush, ha vinto la rielezione nel 2004, nonostante gli scarsi indici di approvazione del pubblico che sono stati sconfitti dalle battute d’arresto e dagli errori di calcolo della guerra in Iraq. Questo perché ha invocato un’intensità di dedizione da parte dei repubblicani che Biden probabilmente non avrebbe ispirato tra i democratici.

Il Vecchia castagna resa popolare da Bill Clinton è che i repubblicani fanno la fila mentre i democratici vogliono innamorarsi. Tuttavia, sempre più spesso i repubblicani si innamorano e si allineano con i leader in cima alla classifica del GOP. Biden affronta la realtà – basata su demografia, ideologia e psicologia – che il suo partito non è affatto innamorato e se si candida alla rielezione, lo asseconderà con disprezzo o per niente.