Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’ex consigliere Donald Trump Steve Bannon archivia il caso in un processo per oltraggio senza chiamare testimoni

La difesa nel processo a Steve Bannon ha interrotto il suo caso senza chiamare testimoni e ha chiesto al giudice di assolverlo.

Il signor Bannon è accusato di disprezzo del Congresso per aver sfidato un mandato di comparizione della commissione che indaga sull’attacco dell’anno scorso al Campidoglio degli Stati Uniti.

Il consigliere dell’ex presidente Donald Trump, il signor Bannon, 68 anni, si è dichiarato non colpevole di due reati minori.

È stato incriminato dopo aver respinto una citazione di un comitato ristretto della Camera che richiedeva testimonianze e documenti nell’ambito delle sue indagini sulle rivolte del 6 gennaio 2021 da persone che cercavano di invertire la sconfitta di Trump nelle elezioni del 2020.

Il giorno dopo che l’accusa aveva interrotto il suo caso, dopo aver chiamato solo due testimoni nel corso di due giorni, David Schoen, uno degli avvocati di Bannon, ha detto al giudice distrettuale degli Stati Uniti Carl Nichols che la difesa non avrebbe fornito testimonianze.

Le deliberazioni conclusive di entrambe le parti dovrebbero iniziare venerdì e la giuria dovrebbe iniziare le deliberazioni in quel momento.

La difesa ha difeso le petizioni chiedendo al giudice Nichols di assolvere il signor Bannon, sostenendo che l’accusa non è riuscita a dimostrare il suo caso, o ha respinto le accuse perché all’imputato era stato impedito di chiamare i politici seduti nel pannello come testimoni, minando il suo diritto a un processo equo.

Tali suggerimenti sono comuni e raramente concessi.

Il giudice Nichols, in una nota del tribunale, ha affermato che intendeva pronunciarsi su entrambe le domande dopo che la giuria aveva raggiunto un verdetto.

Evan Corcoran, un altro avvocato del signor Bannon, ha detto al giudice: “Il governo ha fondato il suo caso e non ha presentato prove che una persona ragionevole potrebbe trovare oltre ogni ragionevole dubbio che il signor Bannon sia colpevole di disprezzo del Congresso”. .

Il procuratore Amanda Vaughn ha respinto questo, dicendo: “Il governo ha fornito prove sufficienti”.

Schoen ha detto che l’avvocato del giudice Nichols, Bannon, era stato “gravemente compromesso nella loro capacità di presentare una difesa” a causa di alcune delle sentenze preliminari del giudice che limitano i tipi di argomentazioni che Bannon può fare davanti a una giuria.

Il giudice Nichols ha risposto che alcune delle sue sentenze erano vincolate da precedenti legali che “non credo siano validi”.

Il signor Schoen ha detto che il signor Bannon ha scelto di non testimoniare al processo a causa delle restrizioni che il giudice aveva imposto alla difesa.

Videochiamata Bannon
La principale difesa del signor Bannon al processo era che riteneva che i termini della citazione fossero flessibili.(AFP: Sarah Seilbiger)

A Bannon è stato impedito di dire che credeva che le sue comunicazioni con Trump fossero soggette a un principio legale chiamato privilegio esecutivo che poteva mantenere segrete alcune comunicazioni presidenziali.

Il giudice Nichols ha anche impedito al sig. Bannon di sostenere di aver fatto affidamento sulla consulenza legale di un avvocato nel suo rifiuto di conformarsi.

La principale difesa di Bannon al processo era che riteneva che le date di citazione fossero flessibili e soggette a negoziazione tra i suoi avvocati e il comitato.

Christine Amerling, un membro anziano della commissione, ha testimoniato che Bannon ha ignorato le scadenze fissate nella citazione, non ha chiesto proroga e ha offerto un motivo non valido per contestarlo, rivendicando il privilegio esecutivo.

Giovedì Corcoran ha detto al giudice che, sebbene la signora Amerling abbia testimoniato che le date di citazione non erano flessibili, non è stata in grado di spiegare perché o chi ha scelto quelle date.

I sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio e hanno attaccato la polizia nel tentativo fallito di impedire la ratifica ufficiale del Congresso della sua perdita nelle elezioni del 2020 a favore di Joe Biden, che Trump ha falsamente affermato essere il risultato di diffuse brogli elettorali.

Bannon è stato un consigliere chiave della campagna presidenziale di Trump del 2016, poi nel 2017 è stato capo stratega alla Casa Bianca.

Il signor Bannon ha parlato solo una volta in tribunale durante il processo.

“Sì, vostro onore”, ha detto, quando il giudice Nichols gli ha chiesto se era d’accordo a non testimoniare.

Tuttavia, fuori dall’aula, il signor Bannon lo ha rilasciato davanti alle telecamere.

Ha detto ai giornalisti che potrebbe aver testimoniato in diversi casi “più di chiunque altro nell’amministrazione Trump” e che in quei casi gli avvocati hanno negoziato e lavorato su di essi “ogni volta”.

“Un’ultima cosa: sono dalla parte di Trump e della Costituzione”, ha aggiunto Bannon.

Reuters

READ  "Le persone sono troppo attaccate alle loro auto": dove stanno andando i trasporti ad Auckland? | Nuova Zelanda