Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché questo film spaventa il regista veterano

Perché questo film spaventa il regista veterano

Il regista italiano Paolo Sorrentino afferma che il suo nuovo film, la mano di Dio, è rimasto seduto nel suo calendario mentale, in attesa, da quando ha iniziato a dirigere. Se non è proprio la sua storia di vita, è sicuramente la sua storia di vita.

“Per chi fa il mio lavoro, è come rimandare l’andare dal dentista”, dice. Pensi: ‘Non mi va di farlo; Ho paura.’ Ma prima o poi devi farlo. Ho sempre nascosto cose personali in tutti i film che ho fatto. Quando ho compiuto 50 anni lo scorso anno, ho dato a quel fatto un significato inutile e ho deciso di affrontare per la prima volta la mia storia personale”.

La mano di Dio è un film molto personale del regista italiano Paolo Sorrentino.a lui attribuito:

Sorrentino è cresciuto a Napoli. Investe la sua storia in un ragazzo di nome Fabito (il nuovo arrivato Filippo Scotti), il cui padre Saverio (interpretato da Toni Cervello, collaboratore abituale di Sorrentino) è un eccentrico comunista che lavora in una banca, il quale, circondato dalla sua sensuale zia pneumatica, bazzica con un contrabbandiere di sigarette locale ed è convinto Improvvisamente, quando il suo bel fratello Marchino (Marlon Joubert) va con la maggior parte del resto di Napoli a fare un provino per Federico Fellini, dice che vuole fare il regista.

La maggior parte è vera, almeno secondo la memoria di Sorrentino, anche se lui dice che sua sorella nega di aver passato la maggior parte della sua adolescenza in bagno – uno scherzo ricorrente su la mano di Dio. Lui alza le spalle, “Ci sono alcune persone reali, e alcuni di loro sono inventori.” “Ciò che è reale è la sensazione di quel momento della mia vita e di quella città”.

READ  Come i siti web italiani hanno creato un romance board per il film - The Hollywood Reporter

E il titolo del film appartiene, ovviamente, alla star del calcio argentino Diego Maradona, che è venuto a giocare per il Napoli nel 1984, alla gioia internazionale. Sorrentino non lo ha incontrato ma Maradona – o in particolare le partite del Napoli – gli ha inavvertitamente salvato la vita. Il giovane Sorrentino avrebbe dovuto perdere i suoi genitori per il fine settimana, ma ha deciso di rimanere a Napoli per vedere giocare Maradona. C’è stato un terribile incidente nella casa delle vacanze. Se fosse stato lì, sarebbe sicuramente morto.

Scarica

È un’affascinante storia di destini sul lavoro, adornata con storie di famiglia e la pelle in più che ci si potrebbe aspettare da un manager grande bellezzae Giovane Papa e che essiSorrentino, il voyeur, si fa carico delle tante concupiscenze di Silvio Berlusconi. Tuttavia, queste note sono limitate dagli standard di Sorrentino. Ad esempio, di solito gli piacciono i film lussureggianti e stravaganti. in un la mano di Dio, nonostante il giovane Fabito ascolti costantemente il suo Walkman—rivela, come rivela Scotty, ai Talking Heads e ai Cure—ma non sentiamo nulla.

“La mia prima idea del film è stata quella di fare un film senza musica”, dice. “Di solito uso la musica per aumentare i sentimenti in un film. Questa volta ne ho provati molti. Forse è per questo”. È d’accordo che le canzoni evocano un periodo più efficacemente di ogni altra cosa, ma non vuole nemmeno esagerare con la nostalgia.

“Perché non è un film sugli anni ’80. È un film sulla prima vita familiare e poi sulla vita traumatica di un ragazzo che sogna di fare film. Quindi, ho evitato tutto ciò che normalmente evidenzierebbe i nostri ricordi di quel periodo – strano capelli, giacche rosa. A parte questo, il pubblico si concentra troppo su “Oh sì, ti ricordi quando?” E fa meglio a concentrarsi sui personaggi”.

READ  Eurovision 2022: guarda il regolamento delle semifinali 📺