Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Paolo Di Paolo: L’uomo che catturò il glamour e la determinazione dell’Italia del dopoguerra | Fotografia

gL’Amour, con le sue qualità enigmatiche, pragmatiche e bonarie, è notoriamente difficile da definire, ma le foto del 97enne Paolo Di Paolo forniscono indizi visivi definitivi. Per 14 anni, tra gli anni ’50 e ’60, ha realizzato fotografie del dopoguerra Italia Era anche una società agricola che correva verso l’industrializzazione.

I reportage di Di Paolo, di star del cinema, scrittori, registi del cinema italiano, operai agricoli e industriali, poveri – tutti in uno spirito di simpatica curiosità – trovavano di tanto in tanto spazio la madreOndoun popolare settimanale politico intellettuale di 12 pagine, annovera tra i collaboratori Thomas Mann e George Orwell.

La carriera di Di Paolo è ora in fase di rivisitazione, grazie in parte al direttore creativo della casa di moda italiana Valentino Pierpaolo Piccioli, designer dell’anno ai British Fashion Awards 2022, e all’ex stilista di Gucci Alessandro Michele, che ha sostenuto la prima mostra del lavoro di Di Paolo per Four anni fa, ma soprattutto a sua figlia, Sylvia, che ha un posto di rilievo in Il tesoro della sua giovinezzaun nuovo avvincente documentario del fotografo e regista Bruce Weber.

Il film segue la breve carriera di Di Paolo durante la quale ha ritratto l’élite delle arti e della letteratura di Roma – “per divertimento”, ha detto – così come gli strati della società italiana del dopoguerra. Lungo la strada, l’ex studente di filosofia – che aveva umili origini nel piccolo paese di Larino, nel dipartimento sud-orientale del Molise – ha applicato l’obiettivo ad Anna Magnani sulla spiaggia con il figlio disabile. Kim Novak stira nella sua camera d’albergo; Brigitte Bardot che scende le scale a Spoleto; e Charlotte Rampling che indossa un cappotto da pastore sul set La Sardegna è rapita Nel 1966. Spedito da la madreOndo In un tour a nuoto della Toscana con il poeta e poi regista Pier Paolo Pasolini, ha invitato Marcello Mastroianni, Ezra Pound, Tennessee Williams e amici.

Il tesoro della sua giovinezza – trailer

“Il suo stile fotografico era molto spontaneo, diverso da quello di un fotografo”, dice sua figlia, Silvia Di Paolo, che lavora anche nell’archivio del fotografo. “Si considerava un dilettante e le persone si sentivano a proprio agio con lui. Non ha mai cercato di fomentare alcuna situazione”.

Ma una relazione interrotta con un anonimo cigno della società rumena e un photo editor che gli chiese nel 1968 di portargli “un po’ di spezie”—simbolo di uno stile più aggressivo di paparazzo—spezzano l’incantesimo. Ha appeso al chiodo la sua pellicola Leica, ha messo nel caveau 250.000 negativi, fogli di contatto e riviste, poi ha lavorato per 40 anni come art director per i carabinieri, la polizia provinciale italiana. Sylvia non ha mai saputo che suo padre fosse un fotografo, cioè fino a quando non si è imbattuta nei suoi negativi in ​​uno scantinato alla fine degli anni ’90, un evento che ha portato alla sua riscoperta. “Voleva rimuovere ogni ricordo perché lasciare la fotografia è stata una decisione così straziante per lui”, dice. L’esorcismo di Di Paolo è andato così lontano, dice sua figlia, che non ci sono foto di famiglia.

Ritratto in bianco e nero di Paolo Di Paolo anziano, vestito con un cappotto a quadri, con la figlia adulta Silvia che gli appoggia la testa sulla spalla
Paolo Di Paolo con la figlia Silvia, fotografati da Bruce Weber.

I suoi preferiti includono uno scatto dei ragazzi su una collina a Roma, un altro gruppo che guarda in macchina mentre suo padre e Pasolini stanno guidando un’auto sportiva; L’attrice Capucine balla a una festa a Venezia, un ballo a Palazzo Rospigliosi a Roma sembra, dice, una scena di festa in Visconti. Tigre; e Passeggiate in Sardegna. “È un momento storico insostituibile, anche perché c’è tanto movimento nella cultura, nel cinema e nell’economia”, dice Silvia.

“Anche le persone più povere avevano un’eleganza sottile che non abbiamo oggi.”

Quindi, Piccioli di Valentino, che era venuto a vedere uno spettacolo Mondo Perdotto sponsorizzato da Gucci del lavoro di Di Paolo a Roma, ha invitato Di Paolo a girare il backstage di uno degli spettacoli di Valentino.

“Nel mondo della moda, non dicono mai che qualcuno nello stesso campo stia facendo qualcosa di molto speciale, quindi ne sono rimasto molto colpito”, dice Di Paolo. “L’allegria è una cosa, ma le immagini sono anche molto intime e private, e questo ti porta a un diverso livello di ispirazione. Penso che entrambe rispondessero all’umanità”.

Fondamentale, forse, è che le storie raccontate da Di Paolo non fossero complicate dal commercio o schierate verso un’ideologia o una proiezione dell’immaginazione. “Oggi sappiamo quasi tutto delle persone, e questo ha contribuito a distruggere ogni senso di inaccessibilità”, dice sua figlia. Lo diceva anche mio padre La dolce vita Era una specie di bugia inventata da Federico Fellini perché nessuna attrice o attore passeggiava per Via Veneto perché la gente aspettava di vedere qualcuno di famoso”.

Charlotte Rampling posa in modo seducente in una pelliccia, raggomitolata su un divano
L’attrice Charlotte Rampling in Sardegna, 1968. Fotografia: Paolo Di Paolo/Maxci

L’attrice e ambientalista Isabella Rossellini, che all’epoca stava crescendo in Italia, dice:

“Stilisticamente, ora la guardiamo con glamour, ma all’epoca non la vedevamo in quel modo. L’Italia prima della guerra era un paese molto povero, e dopo divenne un paese industriale. Il periodo era pieno di speranza, il le porte erano aperte e tutto era possibile e i talenti si rivelavano.””.

La mancanza di artificio è stata celebrata nel film di Weber, che da allora molti considerano il suo lavoro più forte perdiamoci, Il Un documentario del 1988 sulla vita del trombettista Chet Baker invita al confronto. Secondo Weber, Di Paolo potrebbe essere per l’Italia ciò che Henri Cartier-Bresson è stato per la Francia o Cecil Beaton per la Gran Bretagna. “Si capiva che Di Paolo era un amico dei suoi sudditi”, dice Rossellini. Anche Bruce lo fa: presta molta attenzione al reportage perché tende ad avere un maggiore impatto emotivo.Il fascino sta nel talento e nell’arguzia, non nell’abbigliamento elegante o nel gesto, e il fotografo deve relazionarsi e conquistare il fiducia del soggetto, specialmente delle stelle che sono soggette a sorveglianza e auditing.

Weber ha scoperto per la prima volta il lavoro di Di Paolo quando è entrato in un negozio di fotografia a Roma nel 2012 ed è stato avvicinato dal proprietario. “Non sapevo che avrei fatto un film, perché a volte non lo fai, e inizi a scattare foto ea pensarci”, dice. Meglio conosciuto come fotografo di moda, Weber, come Diane Arbus, ha studiato con Lisette Model, che ha ridefinito la fotografia documentaria in America. “Mostrami un albero, ma mostrami qualcosa che l’albero sta attraversando”, ha detto la modella ai suoi studenti.

“Conoscere Di Paolo, e come e perché ha scattato quelle foto, è stato come tornare di nuovo a scuola”, dice Weber. “I lavori che sopravvivono dopo che Di Paolo ha abbandonato la fotografia sono immagini della storia che cambia in Italia, ed è questo che penso sia bello”.

READ  L'American Dream Mall ha finalmente una moderna food court, oltre a un prezioso slancio per gli affitti