Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Onde gravitazionali che fanno a pezzi interi pianeti?

Onde gravitazionali che fanno a pezzi interi pianeti?

di Zack Zagranis | aggiornato

Mentre la maggior parte dei nerd si accontenta di discutere se Batman possa o meno sfidare Wolverine in un combattimento, ci stanno Società dei pianeti morti Impegnato con domande più grandi come, un’onda gravitazionale può fare a pezzi un intero pianeta? L’ultimo episodio di nuovo mondoIl suo podcast adotta un approccio divino all’universo e cerca di capire se è possibile spostare i corpi celesti come gli scacchi su una scacchiera, sarebbe possibile mettere due buchi neri vicino a un pianeta in modo tale che le onde gravitazionali risultanti possano piegarsi loro come il pezzo di pane di una scimmia.

Se le onde gravitazionali teoriche vibrassero alla giusta frequenza, potrebbero potenzialmente far espandere la Terra oltre i suoi limiti fino a romperla in pezzi più piccoli.

Il ricercatore di onde gravitazionali Christopher Perry si unisce ai presentatori Chelsea White e Leah Crane Società del pianeta mortoL’episodio finale discute la sua area di competenza e se le onde gravitazionali possono o meno sostituire efficacemente la Morte Nera.

Cosa causa le onde gravitazionali?

Le onde gravitazionali sono generalmente causate da qualcosa di molto massiccio e denso, come un buco nero, che si scontra con un altro buco nero. Le risultanti increspature cosmiche o “onde” si irradiano verso l’esterno, sconvolgendo lo spazio-tempo mentre avanza. Data la distanza della maggior parte di questi disastri spaziali dalle onde che raggiungono la Terra, sono così piccoli che possono essere rilevati solo con strumenti altamente specializzati.

Rappresentazione artistica delle onde gravitazionali

I tre podcaster hanno iniziato con la premessa: “È possibile creare un’onda gravitazionale abbastanza forte da essere percepita dagli umani?” Ma la conversazione si è rapidamente evoluta su come creare onde abbastanza grandi da distruggere la Terra o, come ha detto Chelsea, “Sì, o il sistema solare, o tutto, ovunque”. Secondo Perry, il primo problema sarà distinguere tra onde gravitazionali e normali onde gravitazionali.

Alla fine, il consenso sembra essere che puoi usare un’onda gravitazionale per distruggere un pianeta – o anche un intero sistema solare se lo desideri – ma le condizioni alla base di un’onda del genere non sarebbero mai potute accadere naturalmente.

“Quando sei molto vicino a una sorgente di onde gravitazionali, almeno le onde gravitazionali di cui stiamo parlando, diciamo, due buchi neri che orbitano l’uno intorno all’altro, lo spazio-tempo è davvero gonfio, quindi non è così facile distinguere l’onda dalla stessa gravità sottostante”, ha spiegato Perry.

READ  Un'opportunità senza precedenti per indagare sul prossimo visitatore interstellare con il telescopio spaziale Webb

Alla fine Perry decide di tremare come chiave per far smembrare la Terra. Se le onde gravitazionali teoriche vibrassero alla giusta frequenza, potrebbero potenzialmente far espandere la Terra oltre i suoi limiti fino a romperla in pezzi più piccoli. La conversazione si trasforma da lì in una teorica sinfonia cosmica di buchi neri posti in determinate posizioni e frequenze, che generano onde a diverse altezze.

Perry crede che tu possa inviare questo segnale in qualsiasi direzione nello spazio e diventerà un’orchestra dal suono meraviglioso di pura distruzione.

Alla fine, il consenso sembra essere che puoi usare un’onda gravitazionale per distruggere un pianeta – o anche un intero sistema solare se lo desideri – ma le condizioni alla base di un’onda del genere non sarebbero mai potute accadere naturalmente.

Solo se uno avesse lo stesso controllo sull’universo di Mestiere del Maine Il giocatore ha il suo piccolo mondo, può una scena in cui possono essere generate onde gravitazionali che distruggono il pianeta.

In altre parole, non aggiungere ancora “selvaggiamente separati da un’enorme onda gravitazionale” alla tua cartella del bingo 2023.