Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Oltre il Piano Mattei: la politica italiana per la ricerca dell’Africa

Oltre il Piano Mattei: la politica italiana per la ricerca dell’Africa

Governo italiano il 28 e 29 gennaio sarà tenuto L'atteso vertice africano, dove il premier Giorgia Meloni presenterà un piano strategico per il continente. Il piano prende il nome da Enrico Mattei, il direttore generale italiano che, negli anni Cinquanta, Chiamata L’Italia dovrebbe sostenere i governi nordafricani nello sviluppo delle loro economie e nello sviluppo delle loro risorse naturali. Settant'anni dopo, lo è anche Melonie un'offerta Il Piano Mattei è considerato il fiore all'occhiello della sua politica estera, che mira a rinnovare ancora una volta l'approccio dell'Italia al continente africano. Ma allo stato attuale delle cose, il piano è lungi dall’essere completo.

Guardando all’anno a venire, l’Italia non può permettersi di essere ambigua riguardo alla sua politica africana 40 per cento Il suo gas proviene da produttori africani e questo numero è solo specifico Si alza; quello Condividere Nel Sahel e nel Nord Africa, la mitigazione della crescente instabilità e dell’intervento straniero è stata talvolta trascurata; Sebbene l’80% degli arrivi irregolari in Italia provenga dai porti nordafricani, i tentativi di Roma di cooperare in materia di migrazione sono in gran parte falliti. È improbabile che la crisi climatica ed energetica, l’instabilità politica e la migrazione irregolare scompaiano presto. Mentre il governo italiano fornisce i dettagli del Piano Mattei, farebbe bene a spostare la sua politica africana dalla reazione all’azione, rafforzando la cooperazione con le capitali africane per affrontare questi interessi reciproci a lungo termine.

Enrico Mattei vedeva l’Africa come il nuovo campo di battaglia tra Oriente e Occidente. In una certa misura, potrebbe essere ancora così: dal Sudan al Mali, la Russia ha intensificato il suo impegno in Africa, mentre la Belt and Road Initiative della Cina ha rafforzato il suo impegno in Africa. Aumento L'influenza del paese in tutto il continente. In passato era l'approccio Utilizzato dall'ItaliaLe misure di contenimento, e l’Occidente in generale, si basavano sul contenimento, non sugli interessi reciproci o sulla cooperazione paritaria – e molti africani lo ricordano con disprezzo. Ciò è aiutato dal fatto che l’Italia non ha mai affrontato adeguatamente il proprio passato coloniale e ha ampiamente ignorato la propria responsabilità morale nel correggere i torti commessi nelle ex colonie. Tale diffusa ignoranza costituisce un terreno fertile perché Meloni possa inquadrare il Piano Mati come non predatorio nei confronti delle sue controparti africane, nonostante la mancanza di prove per dimostrarlo. Invece, il successo di nuove iniziative tra l’Italia e il continente africano richiede una profonda consapevolezza storica e un acuto intuito nell’affrontarle.

READ  La Banca centrale europea raddoppia temporaneamente i suoi normali acquisti di obbligazioni nell'uscita dalla crisi

Meloni non è il primo primo ministro italiano a concentrarsi sul rafforzamento delle relazioni con l’Africa. Nel 2007 fu Romano Brodi Il primo presidente del Consiglio italiano Per visitare l'Unione Africana. Successivamente Matteo Renzi ha raddoppiato i suoi sforzi. Tra il 2014 e il 2016 lo è stato Annunciare Ha aperto cinque nuove ambasciate nel continente, ha approvato una nuova legge sugli aiuti allo sviluppo e ha visitato sette capitali africane con l’obiettivo di stimolare la cooperazione, gli investimenti e rafforzare le relazioni. Tuttavia, a differenza dei suoi predecessori, la Meloni sembra aver capito che affinché l’impegno italiano in Africa dia frutti in termini di influenza, può farlo solo attraverso una strategia pluriennale supportata da strumenti politici specifici.

Ma sfortunatamente, lungi dal realizzarne la necessità, i contenuti della strategia e degli strumenti politici rimangono un mistero. Finora il governo ha fatto proprio questo Rilasciato Decreto di sborsare 3 milioni di euro per istituire una struttura per la gestione del piano. Al momento è chiaro che il presidente sarà Palazzo Chigi, ma questa non è una novità. Come per molti altri dossier, Meloni è andato oltre gli strumenti tradizionalmente utilizzati e probabilmente meglio attrezzati come la Farnesina – il Ministero degli Affari Esteri italiano – così come l’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e gli strumenti di programmazione e coordinamento stabiliti dal Codice di sviluppo. cooperazione. Di questo passo, ci vorranno almeno sei mesi per avviare la nuova struttura del Piano Mati, e nel frattempo strategia, obiettivi e finanziamenti restano sconosciuti.

Per quanto riguarda la strategia, il Primo Ministro Annunci Indica che il Piano Mati mira a stimolare gli investimenti nel continente, con particolare attenzione all’approvvigionamento energetico. Questa mi sembra una visione un po’ superata. Avviare una politica africana di investimenti nell’energia fossile con pressioni sull’economia italiana affinché disinvesta dai combustibili fossili sembra nella migliore delle ipotesi incoerente e richiede una riflessione più attenta. Il piano di Mattei dovrebbe invece concentrarsi sullo sviluppo di forniture energetiche più a prova di futuro a beneficio dell’Italia e del suo paese partner, in modo simile, ad esempio, al nuovo accordo sull’idrogeno verde dell’UE con la Namibia.

READ  La banca italiana BPER migliora la sua offerta a Carige

Avviare una politica africana di investimenti nell’energia fossile con pressioni sull’economia italiana affinché si svezzi dai combustibili fossili sembra nella migliore delle ipotesi incoerente e richiede una riflessione più attenta.

Tuttavia, innanzitutto, molti dei paesi africani con cui l’Italia è maggiormente collegata – sia attraverso comunità di migranti, come il Senegal, sia attraverso un coinvolgimento storico come l’Etiopia e il Mozambico – hanno bisogno di qualcosa di più dei semplici accordi energetici e, in alcuni casi, si potrebbe non essere nella posizione di farlo. Per inserirli. In effetti, alcuni paesi del Sahel, del Nord Africa e del Corno d’Africa stanno cominciando ad emergere Crescere canta Dal conflitto interno. In questi casi, potrebbe essere difficile ottenere investimenti privati ​​nei mercati energetici nella regione del Sahel, che ha assistito a otto colpi di stato negli ultimi tre anni, oltre alla mancanza di capacità dello Stato di facilitare e attuare un simile accordo.

Qui i politici italiani devono iniziare a investire negli sforzi di mediazione. Un simile approccio sarebbe vantaggioso per gli interessi italiani, che sono principalmente preoccupati per la stabilità dei paesi africani vicini, soprattutto per quanto riguarda i flussi migratori e la neutralizzazione dell’influenza russa e cinese. Si tratta di un ambito in cui l’Italia, avvalendosi delle capacità sia della Farnesina che della società civile (es. Sant’Egidio), è stata in grado di ottenere risultati notevoli in passato (es. Accordo di pace È stato firmato nel 1992 tra il Fronte di liberazione del Mozambico e la Renamo, ponendo fine alla guerra civile trentennale del Mozambico. In futuro, il governo di Roma farebbe bene a mettere nuovamente a sua disposizione questi strumenti di cooperazione allo sviluppo.

READ  L'Italia ha bisogno di replicare i punti di forza di Iron Lady per rilanciare la sua economia

Per quanto riguarda i finanziamenti, l’Italia si trova ad affrontare a Bilancio difficile Le risorse sono generalmente scarse. Ma senza soldi non si può fare nulla, soprattutto una politica concreta nei confronti di 23 volte la popolazione italiana. I paesi africani hanno partecipato a numerosi vertici internazionali negli ultimi due decenni, a partire dal Forum sulla cooperazione Cina-AfricaOra è all'ottavo anno Partenariato tra Africa e Unione EuropeaDove erano stati promessi grandi piani di aiuto. Senza risorse adeguate, il piano italiano impallidirà rapidamente al confronto. Per evitare di apparire inaffidabile, l'interesse dichiarato di Roma nel continente deve essere sostenuto da adeguati stanziamenti di bilancio. Meloni, che fu tra le sue prime iniziative Tagliare i soldi Per la cooperazione in aiuti esteri nel bilancio 2023, all’Italia dovrebbe invece essere concesso un programma pluriennale di stanziamenti che consentirebbe al Paese l’accesso alle Nazioni Unite. Obiettivo Destinare lo 0,7% del Pil agli aiuti allo sviluppo entro il 2030.

Infine una nota sul nome del piano: la nostalgia può essere una trappola. Un nome italiano antifascista, pragmatico e visionario può essere evocativo, ma l’Italia e l’Africa non sono più Enrico Mattei. Non può esistere una politica italiana verso l’Africa senza o contro l’Europa. Il grande progetto italiano per l'Africa può realizzarsi solo grazie alla collaborazione con l'Unione Europea Progetti Mediazione e stabilizzazione in Africa A questo proposito, il governo di Roma dovrebbe assumere ulteriori impegni attraverso la Commissione Europea per rafforzare gli sforzi di mediazione nei conflitti africani. Ma coordinare gli sforzi di mediazione richiede finanziamenti, tenacia, buone relazioni con le altre capitali europee (a cominciare da Parigi) e un impegno politico sostenuto, piuttosto che idee generali che potrebbero scomparire dopo una campagna elettorale. Sarà un test e un’opportunità per l’Italia e l’Europa.

Il Consiglio europeo per le relazioni estere non assume posizioni collettive. Le pubblicazioni ECFR rappresentano esclusivamente le opinioni dei singoli autori.