Dicembre 7, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Obama critica Russia e Cina per “mancanza di urgenza” sul clima

Barack Obama Cina e Russia sono state prese di mira per quella che ha definito una “grave mancanza di urgenza” nel recidere i loro legami climaEmissioni in calo.
“Quando si tratta di clima”, ha detto Obama, “il tempo sta davvero scadendo”. Difensori del clima a Glasgow Durante la notte. Sebbene siano stati compiuti progressi dallo storico accordo di Parigi sul clima del 2015, non siamo neanche lontanamente dove dovremmo essere.

I suoi commenti sono arrivati ​​quando i leader della conferenza lunedì hanno riconosciuto diversi importanti punti critici dopo una settimana di colloqui. È emerso un divario di fiducia tra le nazioni ricche e quelle povere sulle questioni relative al cambiamento climatico quando i negoziati sono passati attraverso un esame di ciò che era stato fatto e di ciò che restava da fare. I paesi in via di sviluppo hanno utilizzato versioni della parola “deludente” cinque volte quando i leader lunedì hanno parlato dei progressi compiuti finora.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama parla durante il nono giorno della Cop26 a Glasgow. (GT)

La conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, in Scozia, è la prima dell’ex presidente degli Stati Uniti da quando ha contribuito al trionfo dell’accordo sul clima di Parigi del 2015, quando le nazioni si sono impegnate a ridurre i combustibili fossili e le emissioni agricole abbastanza velocemente da mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei catastrofici livelli di 1,5. NS.

Questa celebrazione è svanita, sostituita dall’ansia. Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi. Il presidente Joe Biden ha rimesso in azione l’America subito dopo essere entrato in carica quest’anno, ma gli sforzi degli Stati Uniti per combattere il cambiamento climatico sono stati ostacolati per anni dalla mossa di Trump.

“1,5 ° C sul supporto vitale in questo momento, è nell’unità di terapia intensiva”, ha affermato Alden Meyer, osservatore di lunga data dei colloqui sul clima con E3G, un think tank ambientale.

La presenza di Obama a margine dei colloqui ha cercato di ricordare ai governi l’euforia che ha circondato l’Accordo di Parigi, esortandoli ad annunciare passi più immediati e tangibili per mettere in atto l’accordo del 2015.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama sale sul palco a Glasgow. (GT)

“Gli Stati Uniti sono tornati e si muovono con più audacia”, ha detto Obama. “Gli Stati Uniti non sono soli”.

Obama ha osservato che gli sforzi degli Stati Uniti – ora il secondo peggior inquinatore climatico al mondo dopo la Cina – sono stati interrotti quando Trump si è ritirato dall’accordo sul clima.

“Non ne ero contento”, ha ammesso, ma ha aggiunto che è necessario ottimismo per salvare il pianeta.

“Ci sono momenti in cui mi sento frustrato. Ci sono momenti in cui il futuro sembra un po’ cupo. Ci sono momenti in cui dubito che l’umanità possa cooperare prima che sia troppo tardi”, ha detto Obama. “Non possiamo sopportare la disperazione”.

Nonostante l’opposizione all’interno del Partito Democratico di Biden che ha bloccato la legislazione anti-clima, Obama ha affermato di essere fiducioso che una versione dell’ambizioso pacchetto climatico di Biden da 555 miliardi di dollari (747,9 miliardi di dollari) passerà al Congresso nelle prossime settimane.

“Metterà gli Stati Uniti sulla strada giusta per raggiungere i suoi nuovi obiettivi climatici”, ha affermato.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama partecipa alla nona giornata della COP26 a Glasgow, in Scozia. (GT)

Mentre il rapporto tra i negoziatori dell’amministrazione Obama e le loro controparti cinesi nel 2015 è stato visto come spianare la strada per l’accordo globale di Parigi, Obama lunedì ha criticato il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin per non essersi uniti ad altri leader mondiali ai colloqui sul clima in Glasgow.

“È stato particolarmente deludente vedere i leader di due dei più grandi emettitori del mondo, Cina e Russia, rifiutarsi di partecipare al procedimento, e i loro piani nazionali riflettono quella che sembra essere una grave mancanza di urgenza”, ha detto Obama.

Obama ha parlato lunedì in una sessione sulle nazioni insulari del Pacifico, comprese quelle la cui esistenza è minacciata dall’innalzamento degli oceani a causa del cambiamento climatico.

“Ognuno di noi ha un ruolo da svolgere. Ognuno di noi ha del lavoro da fare. Ognuno di noi ha sacrifici da fare” nel campo del clima, ha affermato. “Ma quelli di noi che vivono in nazioni ricche e quelli di noi che hanno contribuito a far precipitare il problema … hanno un peso in più”.

Mentre informava la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP26) sui progressi della prima settimana, il presidente della COP26 Alok Sharma ha dovuto correggersi sul numero di questioni risolte, cambiando “molti” in “alcuni”.

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama accompagna John Kerry, l’inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il clima, mentre arriva a un evento durante la COP26. (AFP)

Non sono ancora stati raggiunti accordi su tre obiettivi principali della conferenza delle Nazioni Unite. Si tratta di impegni a dimezzare le emissioni entro il 2030 per mantenere l’obiettivo limite di 1,5°C dell’Accordo di Parigi sul clima; La necessità di 100 miliardi di dollari all’anno in aiuti finanziari dai paesi ricchi ai paesi poveri. E l’idea che metà di quella quantità vada ad adattarsi ai peggiori effetti del riscaldamento globale. Molte altre questioni, tra cui il commercio di carbonio e la trasparenza, rimangono irrisolte.

Molti paesi in via di sviluppo erano pessimisti. Hanno descritto i progressi come “deludenti” e non abbastanza vicini, affermando che gli annunci sulla lotta ai cambiamenti climatici sono stati elevati in quantità ma preoccupati che fossero bassi.

I rappresentanti di 77 paesi in via di sviluppo, insieme alla Cina, hanno affermato che anche questa conferenza sul clima risolve il problema degli impegni finanziari per aiutare i paesi poveri ad affrontare il cambiamento climatico, questi colloqui non possono avere successo.

Ahmedou Sibouri Toure della Guinea, parlando a nome dei paesi poveri, ha affermato che i paesi ricchi che non onorano i loro 100 miliardi di dollari promessi mostrano che questi paesi stanno assumendo solo un “impegno vuoto”.

“C’è una storia di promesse non mantenute e impegni non mantenuti da parte dei paesi sviluppati”, ha detto alla conferenza Diego Pacheco Balanza della Bolivia.

Gli scienziati dicono che l’urgenza del riscaldamento globale è tanto grande quanto comunicata dai terribili discorsi di Glasgow, dove il pianeta è a pochi anni dal punto in cui il raggiungimento degli obiettivi fissati nell’Accordo di Parigi diventa impossibile, a causa dei danni crescenti del carbone e olio. agricoltura e altre fonti di inquinamento.

Gli ultimi giorni hanno visto massicce proteste a Glasgow e in tutta Europa per un’azione più rapida nella lotta contro il riscaldamento globale.

“Avete ragione ad essere delusi”, ha detto Obama ai giovani, ma poi ha trasmesso il consiglio che sua madre gli ha dato quando era giovane.

Disse: “Non arrabbiarti. Datti da fare, vai a lavorare e cambia ciò che deve essere cambiato”. “Vota come se la tua vita dipendesse da questo, perché lo è.”

READ  Tonga segnala il suo primo caso di COVID-19