Maggio 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuovo e degno di nota a Miami? Dove mangiare a Toronto

Nuovo e degno di nota a Miami?  Dove mangiare a Toronto

Chiamali uccelli delle nevi: i ristoratori di Toronto preparano i coltelli e si dirigono a sud verso gli alloggi soleggiati di Miami.

Sullo sfondo del freddo canadese, Miami è un paradiso dell’Eden: sole costante (una piacevole tregua dai freddi inverni canadesi costanti), residenti benestanti e vicinanza a ottimi prodotti e frutti di mare.

“Adoriamo l’opportunità”, spiega Adrian Niman, che si sta appena accontentando di una nuova espansione a Miami uomini del cibo Dopo oltre un decennio di lavoro come fondatore ed executive chef. Ci sono 30 milioni di persone in Canada. Sono circa 30 milioni di tonnellatein Florida.”

“Crescere a Miami è pazzesco”, dice Charles Khaboth. CEO e fondatore di INK Entertainment Group. “La città è sotto steroidi e lo sarà per molti anni a venire. Ci sono molti locali, molta ricchezza e molta eccitazione che circonda Miami. “

I gruppi di ospitalità di Toronto fanno parte di un esodo di gente culinaria diretta a sud, aprendo nuovi luoghi che soddisfano il clima più mite e la vita notturna dai colori chiari. A unirsi alle sedi di Niman e Khabouth ci sono il gruppo alimentare di base e la salsa rossa italiana Carbone, la steakhouse coreana e Red Rooster di Marcus Samuelsson, insieme a artisti del calibro di Daniel Boulud e Jean-Georges Vongerichten. anche in Michelin invia critiche a Miami per la prima volta.

Niman’s Food Dudes attualmente gestisce una specie di impero canadese: un importante braccio di catering (l’azienda ha il monopolio dei migliori eventi della città e si rivolge a locali su larga scala come il Drake’s New Music Hall), una catena informale di pizzerie. E due prestigiosi ristoranti.

Questo mese, stanno scavando le dita dei piedi a Miami. Il duo prende le cose con calma, aprendo una cucina di catering di 2.000 piedi quadrati e lanciando il primo punto vendita negli Stati Uniti per la catena di pizzerie di Blondie (sebbene abbiano intenzione di concederlo in franchising).

“A Miami, le persone stanno investendo 10 o 15 milioni di dollari nella costruzione di nuovi ristoranti”, spiega Neiman. “È un mercato difficile da penetrare. Quindi vogliamo concentrarci sugli eventi e sui concetti di servizio espresso”. Lindsay Klein, CEO di Food Dudes, ha osservato che il ristorante arriverà dopo il nostro ingresso nel mercato.

Anche se aprire un’operazione a Miami non è così semplice come andare a sud.

Khaboth, comandante di uno degli eserciti più impressionanti della città nei ristoranti e nei luoghi di intrattenimento di Toronto, ha osservato Miami per la prima volta in 25 anni. “Siamo scesi, bussiamo alle porte e parliamo con gli agenti immobiliari. Nessuno vuole parlare con noi, canadesi? Forse anche noi veniamo dalla luna”.

Ci riprova 10 anni dopo e trova spazio per Byblos, il concept mediterraneo di INK. “Abbiamo esaminato ciò di cui Miami aveva bisogno: è piena di ristoranti e steakhouse italiani. Byblos non esisteva”.

Quando abbiamo conquistato Byblos, non conoscevamo nessuno. Gli hotel non ci invieranno ospiti. Abbiamo avuto un anno e mezzo di seria lotta. Il mio compagno era pronto a partire, ma non ho mai chiuso nessuno dei miei ristoranti. Non abbiamo mai smesso. Avevamo ottimo cibo e ottimo servizio – abbiamo trasferito dieci membri del nostro personale. Ci sono voluti 18 mesi prima che il ristorante prendesse piede nel mercato”. È stato come voltare pagina. Abbiamo ricevuto recensioni fantastiche e referenze straordinarie: Jbeil è diventato un punto fermo.” Il ristorante continua a essere uno dei migliori di Miami, con i suoi fratelli che stanno rapidamente arrivando alla corona.

Da allora ha aperto altri due ristoranti al Celino South Beach Hotel, seguito da Amal questa primavera. Khaboth guarda a Los Angeles come il suo prossimo passo.

Per i giocatori fuori città, il successo non è semplice come piantare un concept canadese di successo. “Devi adattare tutto fino all’uniforme”, spiega Khaboth. “Fa caldo qui – stiamo cambiando il tessuto dell’uniforme e molti dei piatti serviti a Toronto non sopportano il caldo di Miami”. Sono richiesti vini più chiari e diverse tavolozze di colori; Mentre la sala da pranzo di Sofia a Toronto è radicata nel bordeaux, Miami aveva bisogno di un rosa acceso.

Mentre The Food Dudes ha mantenuto una crescita costante durante la pandemia: la città è rimasta severa sulle misure pandemiche. L’Ontario ha trascorso la maggior parte dell’inverno confinato a cenare all’aperto, con tempo sotto lo zero, nientemeno.

“Dato il modo in cui Miami sta affrontando la pandemia, possiamo continuare a operare”, afferma Nieman. Può inviare personale, gestire eventi e matrimoni a pieno regime.

“Le alte stagioni di Miami sono una di fronte all’altra”, spiega Klein. “L’alta stagione va da dicembre a marzo – abbiamo sempre avuto comunque il primo trimestre di ogni anno – e la loro bassa stagione è la primavera e l’estate a causa del caldo. Per noi è un’espansione complementare”.

Per non parlare di Toronto è un mercato turbolento in cui lavorare, in particolare negli ultimi anni. Il costo del lavoro è inferiore (il salario minimo generale in Ontario è di C $ 15) e i pasti al coperto sono ancora limitati; I ristoranti dell’Ontario sono stati in gran parte chiusi o limitati al servizio nel patio (un’idea agghiacciante in un clima settentrionale) per la maggior parte della pandemia. “Mi preoccupo per i già piccoli margini di profitto nel nostro settore”, afferma Nieman. “Gli affari stanno aumentando. I prezzi stanno aumentando. E puoi addebitare solo così tanto in questo mercato. ” Osserva che l’inflazione in Canada sta anche causando un aumento dei prezzi della carne, dei prodotti secchi e dei prodotti lattiero-caseari, “oltre alle proteste contro gli autotrasporti”.

C’è anche il fattore denaro. Art Basel, Miami Food and Wine; Sono proseguiti i prelievi di contanti da Miami.

“A Miami, metti una banconota d’oro da $ 1.000 su una bistecca e si muoverà”, dice Khaboth. A Toronto, pensa che potresti vendere qualche settimana. a Miami? Si esaurirà ogni notte.

Niemann nota la differenza. “Le relazioni con i consumatori a Miami sono molto più preziose per gli eventi: sono più intelligenti. Si esibiscono, spendono di più. Faremo un bar mitzvah a marzo e le persone sono disposte a pagare molto di più che a Toronto — da 2 a 3 volte lo stesso importo. Inoltre, l’occupazione Qui costa meno e non c’è molta carenza di manodopera per i pendolari”.

Creativamente, i migliori di Toronto sono disposti a capovolgere la sceneggiatura delle loro controparti meridionali, ma dal punto di vista degli affari, i vicini settentrionali di Miami hanno ottime ragioni per farlo.

READ  Netflix pubblica Sorrentino La mano di Dio