Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

NOTIZIE IN DIRETTA: Florida Pension Fund fa causa al consiglio di amministrazione di Twitter per l’acquisto di Musk

Il proprietario di British Airways prevede di tornare ai profitti in questo trimestre poiché l’industria dei viaggi si riprenderà dal peggior impatto della pandemia e le compagnie aeree si stanno affrettando ad espandere le proprie operazioni per soddisfare la domanda di aviazione.

L’International Airlines Group, che possiede compagnie aeree tra cui British Airways, Aer Lingus e Iberia, venerdì ha accolto con favore il ritorno “robusto” dei viaggi d’affari, che ha raggiunto i livelli più alti dall’inizio della pandemia. Ha detto che non c’è stato “nessun impatto evidente” della guerra in Ucraina sulle riserve.

La società ha affermato che prevede di registrare un utile operativo nel secondo trimestre e per l’intero anno, il che porterebbe dietro due anni e perdite di oltre 10 miliardi di euro.

IAG è diventata la terza compagnia aerea europea, che opera un mix di voli a corto e lungo raggio, a segnalare un’estate forte dopo gli aggiornamenti simili in forte espansione di Air France-KLM e Lufthansa questa settimana.

“La domanda è in forte ripresa”, ha affermato Luis Gallego, CEO di IAG.

L’industria aerea ha lottato per riprendere le operazioni e British Airways è stata costretta a cancellare centinaia di voli e ridurre gli orari fino a giugno a causa della carenza di personale.

Gallego ha accusato le sfide “globali”, ma ha affermato che l’obiettivo di BA era “migliorare le operazioni e l’esperienza del cliente e aumentare la flessibilità operativa”.

IAG ha delineato piani per aumentare i suoi orari all’80% dei livelli pre-pandemia in questo trimestre e all’85% nei tre mesi successivi, compreso il ripristino di quasi tutta la sua normale capacità sulle rotte transatlantiche quest’estate.

READ  La Virgin Galactic di Richard Branson ritarda i voli spaziali commerciali

Il gruppo di compagnie aeree ha registrato una perdita operativa al netto delle imposte e degli elementi eccezionali di 787 milioni di euro nel primo trimestre, in calo di 1,1 miliardi di euro rispetto all’anno precedente. I ricavi sono saliti a 3,4 miliardi di euro da 968 milioni di euro e la liquidità è leggermente aumentata a 8,2 miliardi di euro.

Le azioni IAG sono scese del 5% nelle prime contrattazioni londinesi di venerdì. Hanno perso circa un terzo del loro valore negli ultimi 12 mesi.