Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nel quarto anniversario del coronavirus le famiglie ricordano le bandiere del centro commerciale

Quando ai genitori di Nicholas Montemarano è stato diagnosticato il coronavirus pochi giorni prima di Natale 2020, era molto preoccupato per suo padre, che aveva condizioni preesistenti.

Il medico ha dato a Caterina Montemarano, 79 anni, Steroidi e antibiotici e l'hanno rimandata a casa, ma la sua temperatura è aumentata ed è stata ricoverata in un ospedale dell'Indiana la vigilia di Capodanno.

Ma entro il 6 gennaio 2021 il medico ha chiamato la famiglia. Nicholas Montemarano guidò per 600 miglia dalla sua casa a Lancaster, Pennsylvania, preoccupato per sua madre quando scoppiò la ribellione Campidoglio degli Stati Uniti. Per un po’ la sua salute sembrò migliorare, ma presto i medici le consigliarono le cure palliative.

Il 15 gennaio i medici hanno permesso a Montemarano e alla sorella gemella, infermiera, di coprirsi con i dispositivi di protezione individuale e di restare lì per l'ultimo giorno di vita della madre.

Ha aggiunto: “Non riesco a immaginare quanto sarebbe stato difficile e lo sarebbe ancora se non potessimo stare con lei”. Egli ha detto.

La famiglia ha celebrato una messa alla quale hanno partecipato 10 persone, tra cui la moglie e il figlio. Catherine Montemarano, segretaria legale, devota nonna cattolica di tre figli, sostiene i bambini adottati in tutto il mondo, scrivendo lettere e inviando foto.

Mesi dopo, venne a conoscenza del progetto Flags da un gruppo di supporto virtuale e ne registrò uno online, scrivendo: “Ci manchi mamma”. Si è diretto nella capitale con la sua famiglia.

Ha iniziato a piangere non appena si è avvicinato alla struttura e ha visto il cartello del bilancio delle vittime, e non si è fermato finché non ha trovato la sua bandiera.

READ  La gigantesca luna fragola illumina il cielo ed è la luna più bassa dell'anno

“Era come se stessi visitando la tomba di mia madre”, ha detto. “Ci ha dato uno spazio tangibile e un luogo in cui piangere collettivamente”.

Si sedettero sull'erba e salutarono la folla Un luogo dove si possono versare lacrime senza che nessuno si chieda il perché. “Lo sapevano tutti”, ha detto.

Fino alla morte della madre, Montemarano fu professore di scrittura creativa al Franklin and Marshall College e romanziere. Ha scritto quasi esclusivamente narrativa. In meno di un mese si ritrovò con il suo diario.

Ha detto che scrivere il libro “If There Are Any Heavens”, pubblicato nel luglio 2022, lo ha aiutato a guarire.

“Per le persone che hanno perso i propri cari, non torneremo mai alla normalità”, ha detto.