Maggio 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Hubble cattura le tempeste ruggenti del gigante e la luna vulcanica Io

Hubble cattura le tempeste ruggenti del gigante e la luna vulcanica Io

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha catturato nuove immagini di Giove dal 5 al 6 gennaio 2024, rivelando modelli meteorologici dinamici e tempeste notevoli come la Grande Macchia Rossa e la Macchia Rossa Junior. Le osservazioni fanno parte del programma annuale Outer Planet Atmospheres Legacy, che ha anche evidenziato l'attività vulcanica di Io e le caratteristiche della superficie. Credito immagine: NASA, ESA, STScI, Amy Simon (NASA-GSFC)

Uragani, wind shear e violente tempeste muovono l'atmosfera di Giove

I pianeti extrasolari giganti più grandi e vicini, GioveLe nuvole colorate presentano un caleidoscopio di forme e colori in continua evoluzione. Questo è un pianeta dove il tempo tempestoso è sempre presente: uragani, anticicloni, wind shear e la più grande tempesta del sistema solare, la Grande Macchia Rossa.

Giove non ha una superficie solida ed è permanentemente coperto da grandi nubi di cristalli di ghiaccio di ammoniaca spessi solo circa 30 miglia in un'atmosfera profonda decine di migliaia di miglia che conferisce al pianeta il suo aspetto striato.

Le bande sono prodotte dall'aria che scorre in diverse direzioni a diverse latitudini a velocità che si avvicinano alle 350 miglia all'ora. Le aree di colore chiaro in cui l'atmosfera aumenta sono chiamate regioni. Le aree scure in cui cade l'aria sono chiamate cinture. Quando questi flussi opposti interagiscono, compaiono tempeste e perturbazioni.

Hubble monitora questi cambiamenti dinamici ogni anno con una chiarezza senza precedenti e ci sono sempre nuove sorprese. Le numerose grandi tempeste e piccole nuvole bianche viste nelle ultime immagini di Hubble sono la prova di molta attività che si sta verificando nell'atmosfera di Giove in questo momento.

Immagine della bussola di Hubble del 2024 di Giove

Giove è circondato da strisce di marrone-arancio, grigio chiaro, giallo tenue e sfumature crema. Molte grandi tempeste e piccole nuvole bianche punteggiano il pianeta. La tempesta più grande, la Grande Macchia Rossa, è la caratteristica più evidente nel terzo inferiore sinistro di questa vista. In basso a destra c'è un anticiclone più piccolo e rossastro, Red Spot Jr. Un altro piccolo anticiclone è mostrato in rosso vicino alla parte medio-alta dell'immagine. Nel centro in alto a destra dell'immagine, appaiono una coppia di tempeste una accanto all'altra: un tornado rosso scuro a forma di triangolo e un anticiclone rossastro. All'estremità sinistra dell'immagine c'è la piccola luna di Giove, Io. Il colore arancione variegato è il punto in cui compaiono i depositi di flusso vulcanico sulla superficie di Io. Credito immagine: NASA, ESA, Amy Simon (NASA-GSFC)

Il telescopio spaziale Hubble segue il clima tempestoso di Giove

Il gigantesco pianeta Giove rivisitato, in tutta la sua diversa gloria NASA'S Telescopio spaziale Hubble In queste ultime immagini, scattate il 5-6 gennaio 2024, sono visibili entrambi i lati del pianeta. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno alla luce del sole Programma per il patrimonio atmosferico del pianeta esterno (OPAL). Questo perché questi grandi mondi sono circondati da nuvole e nebbia sollevate da venti violenti, causando un caleidoscopio di modelli meteorologici in continua evoluzione.

READ  Gli scienziati avvertono che l’Oceano Atlantico potrebbe essere inghiottito da un “anello di fuoco”

[left image] – La classica Grande Macchia Rossa è prominente nell'atmosfera di Giove ed è abbastanza grande da inghiottire la Terra. In basso a destra, a una latitudine più meridionale, c'è una caratteristica a volte chiamata Macchia Rossa Jr. Questo anticiclone è stato il risultato della fusione delle tempeste del 1998 e del 2000, ed è apparso rosso per la prima volta nel 2006 per poi tornare ad un colore beige pallido negli anni successivi. Quest'anno è di nuovo un po' più rosso. La fonte del colore rosso è sconosciuta ma potrebbe includere una combinazione di composti chimici: zolfo, fosforo o materiali organici. Rimanendo nelle loro corsie, ma muovendosi in direzioni opposte, passa Red Spot Jr.. Con la Grande Macchia Rossa circa ogni due anni. Un altro piccolo anticiclone rosso appare più a nord.

[right image] – L’attività temporalesca è visibile anche nell’emisfero opposto. Una coppia di tempeste, un ciclone rosso intenso e un anticiclone rossastro, appaiono uno accanto all'altro a destra del centro. Sembra così rosso che a prima vista sembra che Giove si sia sbucciato un ginocchio. Queste tempeste ruotano in direzioni opposte, indicando uno schema alternato di sistemi di alta e bassa pressione. Durante un uragano, si formano onde che si alzano ai bordi con nuvole che scendono al centro, facendo diradare la nebbia atmosferica.


Fonte: NASA Goddard Space Flight Center, produttore principale: Paul Morris

Si prevede che le tempeste rimbalzeranno una di fronte all'altra perché la loro rotazione opposta in senso orario e antiorario le fa sì che si respingano a vicenda. “Numerose grandi tempeste e piccole nuvole bianche sono il segno distintivo di gran parte dell'attività che si verifica nell'atmosfera di Giove in questo momento”, ha affermato Amy Simon, leader del progetto Opal del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

READ  Uno studio afferma che più di un terzo delle morti per calore sono legate al cambiamento climatico

Verso il bordo sinistro dell'immagine c'è la luna galileiana più interna, Io – il corpo più attivo dal punto di vista vulcanico nel sistema solare, nonostante le sue piccole dimensioni (solo leggermente più grande della luna terrestre). Hubble risolve i depositi di flusso vulcanico sulla superficie. La sensibilità di Hubble alle lunghezze d'onda blu e viola rivela chiaramente interessanti caratteristiche superficiali. Nel 1979 la NASA Viaggiatore 1 La navicella spaziale ha scoperto l'aspetto simile a una pizza e l'attività vulcanica di Io, sorprendendo gli scienziati planetari perché è una piccola luna. Hubble riprese da dove la Voyager si era interrotta osservando il turbolento Io anno dopo anno.


Le immagini del telescopio spaziale Hubble utilizzate in questa visualizzazione scientifica animata mostrano una rotazione completa del pianeta gigante Giove. Questo non è un film in tempo reale. Invece, le riprese di Hubble del pianeta colorato, scattate il 5-6 gennaio 2024, vengono disegnate su una sfera e il modello viene quindi ruotato nell'animazione. La velocità di rotazione effettiva del pianeta è di circa 10 ore, che può essere facilmente mappata osservando la Grande Macchia Rossa che va e viene ad ogni rotazione completa. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno nell'ambito dell'Exoplanet Legacy Program (OPAL). Credito immagine: NASA, ESA, Amy Simon (NASA-GSFC), Joseph DePasquale (STScI)

Il telescopio spaziale Hubble è in funzione da più di tre decenni e continua a fare scoperte rivoluzionarie che modellano la nostra comprensione fondamentale dell’universo. Hubble è un progetto di cooperazione internazionale tra la NASA e l'Agenzia spaziale europea (ESA).Agenzia spaziale europea). Il telescopio è gestito dal Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. Goddard conduce anche operazioni di missione con Lockheed Martin Space a Denver, in Colorado. Lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, conduce operazioni scientifiche Hubble e Webb per la NASA. STScI è gestito per la NASA dall'Association of Universities for Research in Astronomy, a Washington, DC

Opale di Giove 2024

Questa serie di 12 pannelli di immagini del telescopio spaziale Hubble, scattate dal 5 al 6 gennaio 2024, mostrano istantanee dell'orbita completa del pianeta gigante Giove. La Grande Macchia Rossa può essere utilizzata per misurare la vera velocità di rotazione del pianeta, che è di circa 10 ore. Il satellite galileiano più interno, Io, è visibile in diversi scatti, insieme alla sua ombra che attraversa le cime delle nubi di Giove. Hubble osserva Giove e altri pianeti del sistema solare esterno ogni anno nell'ambito dell'Exoplanet Legacy Program (OPAL). Credito: Amy Simon (NASA-GSFC)