Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

My Screen Life: Alessandro Ravani di Rai Com su Clint Eastwood, Andor e come si rilassa | Caratteristiche

My Screen Life: Alessandro Ravani di Rai Com su Clint Eastwood, Andor e come si rilassa |  Caratteristiche

Nato a Firenze e residente a Roma, Alessandro Ravani è un veterano di Rai Com, entrato a far parte della divisione vendite cinematografiche e televisive dell’emittente nazionale italiana 15 anni fa.

Ora lavora come direttore commerciale, supervisionando vendite e acquisizioni, lavorando con titoli tra cui Matteo Garrone Dogman e Gabriele Mainetti panico. Il catalogo dell’azienda comprende circa 600 lungometraggi, 700 film classici e 8000 ore televisive.

Com’è il tuo ufficio?
È di fronte alla sede Rai di Via Teulada a Roma, dove sono stati prodotti alcuni dei programmi più famosi d’Italia. È al 5° piano, un po’ disordinato, pieno di libri e appunti. C’è un bel balcone per godersi il bellissimo tramonto romano.

Qual è la prima cosa che fai quando arrivi in ​​ufficio?
Controllo i miei appuntamenti e prendo un caffè con i miei colleghi per andare con la giornata di lavoro.

Qual è stato il tuo primo lavoro nell’industria cinematografica?
Ho sempre lavorato nella distribuzione. Ho iniziato con l’home video e sono passato a 360° in una collaborazione di coproduzione. È impossibile raggiungere una conoscenza completa dell’industria cinematografica. È molto complicato. Si adatta costantemente agli sviluppi tecnologici e ai cambiamenti della società sviluppando generi diversi.

Chi ti ha aiutato di più quando eri il primo?
Sono stato in contatto con colleghi e personalità del mondo culturale italiano che è impossibile dimenticare. Andrea Camilleri, che ha scritto i romanzi di Montalbano, e il conduttore televisivo italiano Piero Angela per esempio. C’è sempre qualcosa da imparare da loro.

Qual era il tuo film preferito crescendo?
Ho adorato i film di Mario Monicelli, uno dei più grandi maestri della commedia italiana. Sarcastico, disilluso, ma pieno di passione civica. Tra i favoriti c’era miei amici (Ichi Mi, 1975) su un gruppo di amici a Firenze. Un saluto alla leggerezza e alla gioia di vivere.

READ  Soldati dell'esercito americano in Italia riportano la torta di compleanno di una donna italiana dopo 77 anni | Articolo - Merce

Cosa ami di più del tuo lavoro?
Apprezzo il ritorno ai mercatini e ai festival, permettendoci di dialogare in un contesto internazionale che è sempre fonte di motivazione e innovazione.

Cosa ti entusiasma del futuro del lavoro?
cambiano. Siamo in una fase di transizione. C’è molta eccitazione in termini di comprensione di dove stiamo andando. La nascita di artisti del calibro di Netflix e Amazon è stata particolarmente interessante. Tuttavia, la conoscenza del mercato locale dei principali paesi europei è di fondamentale importanza. Sono le emittenti pubbliche e private che hanno le conoscenze in termini di creatività e investimento in questi spazi.

Qual è la sfida più grande che deve affrontare il business?
Ancora una volta, è un cambiamento. Siamo in continua evoluzione e questo richiede conoscenza e presenza in molti mercati.

Chi è la persona più famosa nel tuo libro dei contatti?
Il grande Roberto Baggio. Ho lavorato con lui su un progetto diretto da Stefano Mordini [Io Che Sarò Roberto Baggio, a documentary series about the Italian footballer].

Di cosa sei più orgoglioso professionalmente?
dalla mia squadra. Promuovere la cultura italiana all’estero.

Chi vorresti incontrare di più?
Clint Eastwood. Un grande attore e anche un grande regista.

Qual è il tuo festival preferito?
I grandi festival sono tutti importanti, quindi è una domanda difficile. Venezia ha un fascino particolare, sia per la storia che per il fascino del luogo.

Dove vuoi essere tra cinque anni?
Dove sono ora, e sono ancora felice.

Che lavoro faresti se non lavorassi nel film?
Insegnante.

che libro stai leggendo?
Il caso Alaska Sanders di Joel Decker. Non mi aspettavo di essere sorpreso – la mia attenzione stava iniziando a diminuire perché la struttura e la trama erano simili ai suoi lavori precedenti, ma Dear Joel ha fatto un sussulto improvviso. Come al solito, tutto fila liscio e tutti i pezzi si incastrano.

READ  Nei film: Lady Gaga prende vita in House Of Gucci; The King's Man è l'epopea del periodo caotico

Qual è la serie TV che tutti dovrebbero guardare quest’anno?
Andor su Disney+.

Cosa fai per rilassarti?
Sto andando a correre. Si rilassa e può essere fatto ovunque, con poco impegno di tempo.

Dove vai a rilassarti?
In riva al mare in Grecia, è il mio posto preferito.

Chi ti interpreterà nel tuo curriculum e chi ti dirigerà?
Adam Sandler e diretto da Tim Burton.