Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La donna dietro a gestire la cucina in uno dei migliori programmi TV dell’anno, Bear, non pensa che Hospo dovrebbe essere così tossico

La donna dietro a gestire la cucina in uno dei migliori programmi TV dell'anno, Bear, non pensa che Hospo dovrebbe essere così tossico

Per tutti coloro che hanno lavorato nell’ospitalità, L’orso A volte spaventosamente vicino a casa. C’è uno chef sfacciato e violento; lo stress provoca ansia. Un ritmo incessante che sembra tirare fuori il peggio in assoluto dalle persone. È tutto gestito in una vecchia paninoteca di Chicago chiamata The Beef, dove il piatto principale è il classico panino al manzo italiano di Chicago.

L’orso Il protagonista Jeremy Allen White nei panni di Carmen “Carme” Berzato, che eredita il ristorante dopo che suo fratello Michael è morto inaspettatamente, lasciandolo ad affrontare i debiti e il caos di The Beef.

Carmen è una chef di cucina raffinata che ha lavorato in ristoranti stellati Michelin che si concentrano sulla perfezione. È anche uno dei camminatori feriti del settore la cui carriera è stata truccata da enormi pressioni e abusi. Può accennare a un futuro in cui la cucina è fiorente e le persone convivono con essa, ma non sa come arrivarci. Invece, The Beef è un mondo frenetico di caos, tensione e manipolazione tossica.

L’orso È stato un successo inaspettato per FX Production, con una seconda stagione probabilmente per il 2023. Gran parte di quel successo è dovuto a Courtney Storer.

Storer ha avuto una carriera di grande successo come chef, incluso il ruolo di direttore culinario presso il ristorante italiano Jon & Vinny’s a Los Angeles. per L’orso Era una produttrice culinaria, lavorando con il suo creatore Chris Storer (suo fratello) per assicurarsi che riflettesse perfettamente la cultura della cucina.

“Ho ricevuto molti input a livello micro e macro, a livello quotidiano, oltre a come sarebbe stata la cucina, come sarebbe il cibo [and] Che tipo di piatti mostreremo in linea”, afferma Storer grande taglio.

Altre star dello show includono Ebon Moss Bachrash (Ritchie), Ayo Edeberry (Sydney) e Lisa Colon-Zias (Tina), nessuna delle quali ha una vera esperienza nelle cucine commerciali. L’unica persona che mangia i calchi lo è Il famoso chef canadese Matty Matheson (È anche un produttore dello show), ma il suo personaggio non cucina nemmeno.

READ  Natale: 'Un raggio di luce' in Dark Omicron Times: il mondo risuona a Natale tra restrizioni e cancellazioni

“Gli attori erano davvero bravi a guardare”, dice Storer. “Ho lavorato molto con IU e le ho fatto guardare come mi muovevo in cucina, portandomi in giro senza che le persone mi aiutassero. Ma non volevamo mettere in scena uno spettacolo in cui tutto sembrava perfetto. Puoi vedere tutti che si muovono e oscillare, e le loro abilità si completano a vicenda. Comandante di Sydney Bene, le abilità con i coltelli di Karmi sono migliori: ognuno gioca con i propri punti di forza.”

La formazione degli attori per persuadere in cucina era un elemento del lavoro di Storer. L’altro era il cibo.

Storer e il suo team erano dietro le ottime riprese del cibo in preparazione: enormi pezzi di mandrino scottati in padella prima di essere arrostiti nel forno; Piccata di pollo lucida e dorata condita con capperi, aglio e burro, condita con limone; perfetto purè di patate di Tina; E i panini di manzo italiani perfetti a Chicago.

“Il panino è molto popolare a Chicago. È arrivato [in the 1930s] Ai tempi in cui le famiglie italo-americane usavano tagli di carne economici e ingredienti piegati per sfamare così tante persone”, ci racconta.

Per preparare il panino, prendi una bistecca e arrostiscila a fuoco medio con erbe, spezie e sugo. Dopo che si sarà raffreddato, potete affettarlo e scaldarlo con l’au jus (brodo leggero), prima di servirlo su un rotolo amoroso con giardiniera (un composto di verdure sott’olio imbevute di olio d’oliva).

Quando Karmi offre il suo primo boccone del panino nello show, la sua reazione è autentica. “Tutto era caldo e fresco. “Volevamo che gli attori avessero un assaggio delle cose e si sentissero reali”, dice Storer.

READ  Beyoncé guida le nomination ai Grammy Awards 2023

molti aspetti L’orso È una biografia. Come Chef Sydney, Storer ha svolto il lavoro di autista di consegne UPS. Come Carme, ho lavorato nelle migliori cucine sotto pressione estrema. Ha lottato con problemi di salute mentale, che di recente l’hanno portata alla decisione di lasciare una corsa di sette anni da Jon & Vinny’s nel mezzo della pandemia.

“Ho corso a un ritmo pazzesco. Jon & Vinny ha avuto così tanto successo. Ho lavorato con persone fantastiche, ma avevo bisogno di rallentare e prendermi una pausa, e darmi spazio creativo per calmarmi dall’ansia e depressione che stavo vivendo”.

Storer voleva dare al pubblico una prospettiva su quanto sia difficile il settore, ma pensa anche che non debba essere così.

“Ci sono ristoranti in cui la tensione energetica non è aggressiva. Volevamo mostrare come la cucina può andare in entrambi i modi: può avere un ritmo davvero buono o può andare fuori dai bar. E l’altro lato è questa famiglia che crei dentro il ristorante, dove le persone si siedono insieme al tavolo A e un pasto in famiglia L’orsoVedi la tensione, ma sono anche amichevoli e quando le cose si fanno difficili, si mostrano a vicenda”.

Lo spettacolo affronta anche un problema che affligge i quartieri della classe operaia nelle città di tutto il mondo: cosa succede quando aziende come The Beef subiscono pressioni a causa della gentrificazione?

In un episodio, Richie si rammarica dei cambiamenti nella loro zona dopo la chiusura del bar nell’angolo. “Non ci sono mai andato, ma mi è piaciuto sapere che era lì”, dice.

“Ritchie è un buon esempio di qualcuno in cui il lavoro è tutto ciò che sa. Si guarda intorno, bloccato in una fessura, chiedendosi dove si inserisce”, dice Storer.

READ  I fratelli Sibu onorano il cibo italiano fin dall'infanzia

Ma non sono solo i negozi mom-and-pop vecchi di decenni che stanno registrando aumenti degli affitti e cambiamenti demografici, sono gli chef come lo Storer che potrebbero cercare di aprire le proprie attività. “Devo chiedermi: posso aprire un’azienda e finanziarla da solo? È quasi impossibile. Ora è difficile competere con le grandi aziende che sono cresciute e hanno molto potere”.

L’orso Esamina la salute mentale e la disfunzione nelle famiglie, il tutto sullo sfondo di un ristorante in cui l’ambiente ad alta pressione amplifica ogni alto e basso. Questo ambiente Storer ha imparato molto da solo.

“Come donna gay in cucina, ho avuto molti preconcetti, le persone mi sottovalutano e non mi prendono sul serio. Sentivo che se fossi stata troppo amichevole la gente avrebbe pensato che stessi scherzando, e se fossi stata troppo aggressiva la gente mi chiamerebbe una “B”. “Per me è davvero importante essere onesta su chi sono e cercare di essere qualcuno a cui le persone possono ispirarsi per trovare ispirazione”, dice. “Attraverso lo show, abbiamo fatto luce su un mondo che conosco così bene e sono così felice che le persone lo stiano scavando”.

Stagione 1 di L’orso Va in onda su Disney+ e una seconda stagione è in lavorazione.

Incorpora il tweet