Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Morta a 56 anni la dottoressa Barbara Murphy, esperta di trapianti di rene

La dottoressa Barbara Murphy, un’importante nefrologa specializzata in ricerche avanzate incentrate sulla previsione e la diagnosi dell’esito dei trapianti di rene, è morta mercoledì al Mount Sinai Hospital di Manhattan, dove lavora dal 1997. Aveva 56 anni.

Suo marito, Peter Fogarty, ha affermato che la causa era il glioblastoma, una forma aggressiva di cancro al cervello.

La dott.ssa Murphy ha unito la sua passione per la ricerca nell’immunologia del trapianto di rene al suo ruolo, dal 2012, di presidente del dipartimento di medicina presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai e il suo più ampio sistema sanitario. È stata la prima donna invitata a dirigere un dipartimento di medicina presso un centro medico accademico a New York City.

Il dottor Dennis S. Charney, il preside della Icahn School, al telefono: “Nel baseball si parla di giocatori di cinque strumenti”. “Non so quanti strumenti avesse, ma era un manager molto potente, un grande ricercatore e un grande mentore per così tante persone”.

La dottoressa Murphy, che era irlandese, ha sviluppato il suo interesse per il trapianto di rene mentre frequentava la scuola di medicina presso il Royal College of Surgeons di Dublino. Sono stato particolarmente attratto dal modo in cui l’intervento ha cambiato la vita dei pazienti.

“Mi piacerebbe vedere come stanno bene i pazienti dopo”, La rivista irlandese ha raccontato all’America nel 2016. “Durante i miei anni in questa professione, l’interazione tra un donatore vivente e un ricevente nella sala di risveglio continua a rendermi orgoglioso di essere un medico e di svolgere un ruolo in un momento così positivo”.

Dopo essersi arruolata al Monte Sinai nel 1997, si è unita ad altri ricercatori che studiano il ruolo dell’HIV nelle malattie renali e ha contribuito a dimostrare la fattibilità dei trapianti di rene per i pazienti con HIV. In un discorso tenuto all’Imperial College nel 2018, ha affermato che c’era stato Criticare questi trapianti – come se ci fosse una “gerarchia morale quando si tratta di reni donati”.

READ  La NASA prevede di perseverare nel rover per provare il prossimo campione di roccia marziana, dopo il crollo del primo tentativo

“Due settimane fa, abbiamo ricevuto un’e-mail da uno dei nostri pazienti, che ci ringraziava per il suo 15° compleanno per un trapianto di rene”, ha aggiunto.

Recentemente, la ricerca della dottoressa Murphy nel suo laboratorio al Monte Sinai si è concentrata sulla genetica e sulla genomica per prevedere l’esito dei trapianti e la causa di alcuni rigetti renali.

Nei risultati riportati su The Lancet nel 2016Lei e i suoi colleghi hanno affermato di aver identificato una serie di 13 geni che predicevano quali pazienti avrebbero successivamente sviluppato la fibrosi, un segno distintivo della malattia renale cronica e alla fine un danno irreversibile all’organo trapiantato. La capacità di prevedere quali pazienti sono a rischio consentirebbe al trattamento di prevenire la fibrosi, hanno scritto.

La sua ricerca è concessa in licenza a due società. Uno, Verici DX, che è ancora in fase di convalida pre-commerciale, sta sviluppando test di firma dell’RNA per determinare come un paziente risponderà e risponderà a un trapianto. L’altra società, Renalytix, utilizza un algoritmo guidato dall’intelligenza artificiale per determinare il punteggio di rischio di malattia renale dei pazienti. Il Dr. Murphy ha fatto parte dei consigli di amministrazione di entrambe le società.

“Barbara è stata la fondatrice di Ferrucci”, ha detto al telefono Sarah Barrington, amministratore delegato dell’azienda. “Il suo laboratorio continuerà a fornire nuove scoperte dalla sua ricerca di base”, ha aggiunto.

Barbara Therese Murphy è nata il 15 ottobre 1964 a Dublino sud. Suo padre, John, possedeva una compagnia di trasporto aereo e sua madre, Ann (Duffy) Murphy, lavorava con lui e disegnava anche abiti da sposa.

READ  Quattro casi del ceppo di coronavirus "Delta Plus" sono stati trovati in Israele'

All’età di quattro anni ha dovuto superare un severo giudizio da parte di un insegnante.

Il Dr. Murphy ha ricordato in un discorso all’Irish America Healthcare Awards Dinner nel 2016: “La mia insegnante di scuola elementare ha detto a mia madre che ero stupido e che non sarei stato proprio niente, e per di più non dovresti provarci”. I miei genitori hanno perseverato”.

Dopo aver conseguito la laurea in medicina presso l’Imperial College nel 1989, ha completato anche la residenza e la borsa di studio in nefrologia presso il Beaumont Hospital di Dublino. È stata anche ricercatrice in nefrologia nel dipartimento di nefrologia del Brigham and Women’s Hospital di Boston, dove si è formata in immunologia dei trapianti.

Il Dr. Murphy è stato nominato sul Monte Sinai nel 1997 come Direttore del Trapianto di Rene dal Dr. Paul Klotman, allora Capo del Dipartimento di Nefrologia. L’ha promossa alla sua precedente posizione nel 2003 dopo essere diventato capo del Dipartimento di Medicina di Icahn.

“Ha mostrato molte speranze per un trapianto di rene, che si stava manifestando in quel momento”, Dott. Klotman, ora presidente del Baylor College of Medicine di Houston, per telefono. “Nel corso degli anni ho sviluppato buone capacità di leadership: era molto organizzata e orientata al compito”.

Nella primavera del 2020, il dottor Murphy, come altri medici, ha notato con preoccupazione che il Covid-19 era molto più di una semplice malattia respiratoria. Ha causato un aumento dei casi di insufficienza renale che ha portato a una carenza di macchine, forniture e personale per la dialisi di emergenza.

READ  SpaceX lancia formiche, avocado e un robot su una stazione spaziale

Il numero di pazienti che necessitano di dialisi “più del numero di pazienti che normalmente facciamo”, Ha detto al New York Times.

Una delle risposte del Monte Sinai alla pandemia di maggio è stata l’apertura Centro di cura post covidper i pazienti guariti dal virus. In quel periodo, il Monte Sinai ha curato più di 8.000 pazienti con diagnosi di Covid-19.

“Barbara è stata determinante nel plasmare il centro ed è stata coinvolta nel follow-up in relazione alle malattie renali causate da Covid”, ha affermato il dott. Charney.

La dott.ssa Murphy è stata insignita del Young Investigator Award in Basic Sciences dall’American Society of Transplantation nel 2003 ed è stata premiata come miglior nefrologo dall’American Kidney Fund nel 2011. Alla sua morte, Era un presidente eletto Dalla Società Americana di Nefrologia.

Oltre a suo marito, lascia il figlio Gavin. sua sorella, la dottoressa Celine Murphy, è una cardiologa che si occupa di medicina del lavoro; Suo fratello, il dottor Kieran Murphy è un neuroradiologo interventista. e i suoi genitori.

La dottoressa Murphy ha detto di aver imparato una lezione indelebile sulla necessità di una forte relazione medico-paziente mentre era ancora alla scuola di medicina.

“Le borse di studio da sole non erano sufficienti”, ha detto agli Ireland America Awards. “Esempio: se abbiamo avuto un paziente con artrite reumatoide e ci siamo stretti la mano e sono andati fuori di testa, non importa quanto sappiamo della malattia o come trattarla, abbiamo fallito il nostro test perché non abbiamo preso il paziente considerazione del benessere generale”.