Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Morrison: Il progetto di accordo di sicurezza della Cina con le Isole Salomone non ha chiuso un occhio sull’Australia, le Isole Salomone

Scott Morrison afferma che l’Australia non è stata sorpresa da un progetto di accordo sulla sicurezza tra la Cina e Isole Salomoneche secondo gli esperti mostrava un intento “bianco e nero” di espandere l’influenza nel Pacifico.

Il progetto consentirà Cina a una base navale della Marina militare nel Pacifico a meno di 2.000 km dalla costa australiana, ma alcuni esperti, tra cui Jonathan Brake del Lowy Institute, hanno avvertito che sembrava più una “lista dei desideri” cinese che un accordo finale. .

Mentre il documento deve ancora essere passato attraverso il gabinetto della nazione del Pacifico, il governo delle Isole Salomone ha confermato venerdì che cerca di “espandere la sua cooperazione in materia di sicurezza e sviluppo con più paesi”, citando Australia e Cina come i suoi “partner chiave”.

A novembre, L’Australia ha inviato più di 100 membri del personale della polizia e delle forze di difesa alle Isole Salomone per aiutare a sedare i disordini, ma si trovò anche in concorrenza con la Cina Ha accettato di inviare la polizia.

Le Isole Salomone hanno spostato le relazioni diplomatiche da Taiwan a Pechino nel 2019Ciò ha alimentato il malcontento, che ha portato a rivolte nella capitale, Honiara.

Venerdì, Morrison ha detto ai giornalisti a Sydney che l’Australia era un “leader” nella regione e, avendo aumentato il suo contributo per gli aiuti da $ 1,12 miliardi a $ 1,7 miliardi, è “il più grande fornitore di assistenza allo sviluppo nel Pacifico”.

Il primo ministro australiano ha affermato che la spinta della Cina per un accordo di sicurezza con le Isole Salomone evidenzia “la continua pressione e … spinta che sta arrivando nella regione da interessi che non sono in linea con l’Australia e non sono in linea con gli interessi del Pacifico .”

Morrison ha osservato che l’Australia ha negoziato un accordo di sicurezza bilaterale con le Isole Salomone nel 2017 ed è sempre il “primo contatto” quando si verifica una crisi.

“Ora, ci sono altri che potrebbero cercare di fingere influenza e cercare una sorta di punto d’appoggio nella regione”, ha detto.

Iscriviti per ricevere ogni mattina le notizie più importanti da Guardian Australia.

“Quindi, penso che questi recenti sviluppi e l’incertezza e l’instabilità nelle Isole Salomone evidenzino ancora una volta perché è così importante che ci siamo appoggiati tanto duramente come abbiamo fatto”.

Morrison ha detto che l’Australia “vedrà come [the draft agreement] alla domanda sulla possibilità di una base navale cinese molto vicino all’Australia, Morrison ha risposto che l’Australia voleva un “Indo-Pacifico libero e aperto”.

“Condividiamo i nostri valori familiari del Pacifico, condividiamo la cultura ei principi di democrazia e libertà, e queste sono cose molto importanti per la gente delle isole del Pacifico”.

In una dichiarazione di venerdì, il governo delle Isole Salomone sembrava cercare di rassicurare l’Australia, sottolineando che “le Isole Salomone apprezzano l’accordo di sicurezza del 2017 con l’Australia” e definendolo “il primo accordo di sicurezza per un paese del Pacifico”.

Le Isole Salomone continuano a mantenere il loro accordo di sicurezza con l’Australia mentre sviluppano e approfondiscono le sue relazioni con tutti i partner, inclusa la Cina.

Tuttavia, il governo ha aggiunto che “sta lavorando per espandere la sua cooperazione in materia di sicurezza e sviluppo con più paesi”.

In un segno importante, la dichiarazione del governo a un certo punto si riferiva all’Australia e alla Cina come “le Isole Salomone sono partner chiave”.

Il governo ha affermato che l’accordo con la Cina ha una “dimensione di sviluppo, che copre le esigenze umanitarie del paese e mantiene lo stato di diritto” ed è necessario dato che “il paese si trova in un punto caldo globale in cui l’impatto del cambiamento climatico è tre volte quella del cambiamento climatico al ritmo globale”.

“Si cerca una maggiore cooperazione allo sviluppo all’interno e all’esterno del Paese per garantire che il Paese sia riportato sulla strada giusta, soprattutto in questo momento difficile con l’impatto del COVID-19 sulla vita delle persone, costruendo l’economia compresi i danni causati dal recente rivolte, saccheggi e benessere della popolazione”.

Brick, direttore del Programma Isole del Pacifico del Lowy Institute, ha detto al Guardian Australia che occorre prestare attenzione alla bozza di accordo, che “mi legge come una lista dei desideri stilata dalla Cina” e non è stata ancora “negoziata seriamente” dalle Salomone Isole.

“Il governo australiano ha una visione molto più rigida delle intenzioni della Cina; questo tipo di documento non sarebbe una sorpresa”, ha affermato.

Brick ha suggerito anni dopo che la Cina ha dichiarato di essere un “attore benigno” nonostante la sua crescente rivalità geopolitica, il progetto di accordo è la prova dell’intento “bianco e nero” della Cina.

“Nel senso che ha fatto un favore al governo australiano e danneggiato la Cina, perché rimuove l’ambiguità strategica e rivela quell’intento”.

Ma Brik ha detto che l’Australia dovrebbe essere “in allerta ma non allarmata” perché la costruzione di un porto nelle Isole Salomone richiederebbe diversi decenni.

“Ci sono tutti i tipi di impegno che la Cina può fare per farsi strada in una presenza militare”, ha detto.

“Prendi quell’accordo, inizia con la polizia, e forse il prossimo passo è creare una struttura a duplice uso per la Guardia Costiera, e poi costruire un deposito di carburante”.

“Poiché accade gradualmente, accade senza troppe preoccupazioni.

“Se… ad ogni turno, l’allarme suona e attira l’attenzione internazionale e costringe le Isole Salomone a rispondere, riduce la probabilità che passino al passaggio successivo”.

In precedenza, il leader laburista, Anthony Albanese, aveva affermato che se i rapporti sull’accordo fossero corretti “questo avrebbe reali ripercussioni per la regione, ed è preoccupante”.

“L’Australia deve essere il partner preferito nel Pacifico”, ha detto ai giornalisti a Shelharbour. “Siamo stati così per molto tempo.

“Quando questo governo è salito al potere e ha ritirato i finanziamenti, in termini di aiuti e presenza nel Pacifico, è stato un errore di calcolo”, ha detto.

Abbiamo intensificato il Pacifico in termini di retorica. Questa è una buona cosa. Dobbiamo essere sicuri di avere a che fare con la zona”.

READ  Il regista della cerimonia di apertura, Kentaro Kobayashi, è stato licenziato