Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mondiali 2022: come hanno reagito i qatarioti al torneo nella loro terra?



Cnn

Reem Al-Haddad ricorda ancora quanto fosse entusiasta quando il Qatar ottenne il diritto di ospitare Coppa del Mondo 2022.

Al-Haddad ha pianto di gioia mentre guardava l’ex presidente della FIFA Sepp Blatter aprire una busta che rivelava il nome del Qatar in diretta televisiva nel 2010.

Tenere una delle più grandi competizioni sportive del mondo nel paese del lutto era inimmaginabile all’epoca, e più di un decennio dopo, con il torneo in pieno svolgimento, era ora incredibile.

Ma quando è cresciuta e il torneo si è avvicinato, El Haddad ha capito che, oltre allo sport, questa era un’opportunità per mostrare il suo paese e la regione che ama così tanto.

“La Coppa del Mondo è sempre stata nei paesi occidentali. Non abbiamo davvero avuto la possibilità di sperimentarlo nei nostri paesi “, ha detto alla CNN, parlando al Virginia Commonwealth University College of the Arts in Qatar.

“È davvero sorprendente che persone provenienti da tutto il mondo siano esposte alla cultura araba.

“Quando le persone vengono in Qatar, potrebbe essere più facile per le persone accettare le differenze e capire quanto siamo diversi e come una cosa, come il calcio, può unirci tutti”.

La storia del lutto è una delle tante storie incluse in Programma OBIETTIVI – Una serie collaborativa di un anno che mira a raccontare le storie non raccontate di questa Coppa del Mondo.

Mentre gran parte della narrativa su Qatar 2022 si è concentrata su questioni fuori dal campo – da Trattamento dei lavoratori migranti per me Leggi sull’omosessualità In campagna – il programma “GOALS”, in collaborazione con The Sports Creative, Fondazione del QatarIt, Generation Amazing e Salaam Stores, mirano a raccontare storie di persone che vivono e lavorano in Qatar.

Tutti gli individui hanno offerto volontariamente il loro tempo perché volevano raccontare le loro storie senza alcuna influenza da parte dello stato, secondo il coordinatore del programma GOAL Click.

Al-Haddad sembrava timida quando ha iniziato a parlare con la CNN, ma il suo comportamento cambia quando l’argomento passa al calcio. I suoi occhi si riempiono di eccitazione e parla con sicurezza dell’impatto positivo che spera che il torneo avrà sul Qatar.

Il 23enne non ha sempre amato il calcio. È una passione che si è sviluppata nel tempo e, con essa, è diventata un fascino per una nuova società e cultura.

Dice che ora sta utilizzando le sue piattaforme di social media per pubblicare foto di persone della sua comunità che giocano a calcio e spera che l’amore della nazione per il gioco continui a crescere.

Analisi: Zakaria crede che gli sport professionistici siano intrinsecamente politici

Al-Haddad è ben consapevole dei problemi che hanno oscurato la Coppa del Mondo.

Il Guardian ha riferito l’anno scorso che 6.500 provengono dall’Asia meridionale lavoratori migranti È morto in Qatar da quando il paese ha vinto la Coppa del Mondo nel 2010, la maggior parte dei quali era impegnata in lavori poco pagati e pericolosi, spesso svolti in condizioni soffocanti.

Il rapporto non ha collegato tutti i 6.500 morti ai progetti infrastrutturali della Coppa del Mondo e non è stato verificato in modo indipendente dalla CNN.

Tuttavia, il presidente della Coppa del Mondo dell’anno scorso Hassan Al Thawadi ha contestato la cifra e ha detto a Becky Anderson della CNN che la cifra del Guardian era un “titolo sensazionale” e fuorviante e che il rapporto mancava di contesto. La questione ha ottenuto un rinnovato appello in seguito un’intervista Al Thawadi ha presentato Piers Morgan durante il torneo.

Al-Haddad cerca di trovare le parole che meglio riassumono i suoi sentimenti riguardo alle questioni fuori dal campo.

“Come con ogni nazione, possiamo imparare dai nostri errori”, ha detto al-Haddad. La crescita è lenta, non istantanea.

C’è una riluttanza a parlare di più delle questioni relative ai diritti umani, preferendo invece parlare di come la Coppa del Mondo possa unire le persone.

È una situazione condivisa da molte persone in tutta Doha, poiché alcuni locali e fan sono frustrati dalle continue domande su argomenti che sentono di non poter controllare.

Anche Haya Al-Thani, come Al-Haddad, fa parte del programma GOALS.

La 32enne è una donna sicura di sé e carismatica che lavora per Teach For Qatar, un’organizzazione locale che lavora per risolvere i problemi che gli studenti possono incontrare a scuola.

Prima del suo nuovo ruolo, è stata insegnante per due anni e afferma che le lezioni di gentilezza che insegnava ai suoi figli possono essere applicate alla narrazione della Coppa del Mondo di quest’anno.

Sebbene riconosca che le cose devono cambiare nel Paese, afferma che le critiche al Qatar sono state troppe e vuole affrontare le questioni con più rispetto.

“Penso che le persone minino la gentilezza. La gente pensa che sia secondaria. Pensano che abbiamo cose più grandi, più politiche su cui concentrarci e che la gentilezza venga dopo”.

“Sento che tutto ciò che fai, se incorniciato con rispetto e gentilezza, fa molta strada.

“Sii solo rispettoso e gentile, anche quando le conversazioni sono dure. Quando sei una persona per bene […] La conversazione è stata più produttiva.

“Penso che sia uno dei motivi principali per cui le persone lo fanno [in Qatar] Si è messa sulla difensiva perché sembrava sempre un attacco. Non sembra un dialogo”.

Oltre un milione di fan provenienti da tutto il mondo si sono recati a Doha, in Qatar, per assistere al torneo.

L’amore di Al Thani per il calcio è iniziato nel 2002 ed è stato ispirato da un giocatore in particolare, il leggendario difensore italiano Paolo Maldini.

Maldini all’epoca giocava per il Milan e le sue distintive strisce rossonere richiamavano quelle della squadra locale di Al Thani, l’Al Rayyan.

Ricorda ancora di aver guardato la Coppa del Mondo del 2002 da casa, tifando per l’Italia prima che i padroni di casa della Corea del Sud li eliminassero agli ottavi. Ha anche imparato un po’ di italiano nel caso avesse incontrato Maldini.

La sua passione per il calcio si è intrecciata con la passione della sua famiglia per il gioco ed è rimasta sbalordita dal fatto che la Coppa del Mondo fosse tornata a casa.

Ha aggiunto: “Questa persona che ha visto la Coppa del Mondo da dietro lo schermo non avrebbe mai creduto che l’avrebbe vissuta nella realtà”.

Come molti dei suoi amici e della sua famiglia, Al Thani ha avuto anni in cui alzarsi in tempi difficili per guardare alcuni dei più grandi tornei in Sud America ed Europa.

Ricorda di essere rimasta alzata fino all’una di notte per guardare la finale di Champions League o fino alle 4 del mattino per guardare le partite di Coppa America.

“Abbiamo gli allarmi impostati e tutti stanno urlando dietro gli schermi. Nessuno si lamenterà dei tempi perché dobbiamo adattarci a quel tempo”, ha aggiunto.

“Sta accadendo proprio qui in questo momento, ci svegliamo ed è nel nostro programma. Non sono privato del sonno. È un’esperienza surreale.”

“Per mio padre e mia zia, è ancora più sorprendente. Le persone sono semplicemente sbalordite. Suonavamo ‘l’altro’ ma ora è qui. È una bella esperienza da vivere. Sono così grato”.

READ  Ferrari bloccata in folle