Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Migliaia di persone fuggono dopo l’eruzione di un vulcano nella Repubblica Democratica del Congo

Migliaia di persone sono fuggite dopo un’eruzione vulcanica nella Repubblica Democratica del Congo quando la lava è arrivata dal Monte Nyiragongo nella città orientale di Goma domenica mattina presto.

Anche prima dell’annuncio ufficiale, le persone nella città di due milioni di persone hanno iniziato a riempire le strade e portare ciò che potevano mentre si dirigevano fuori città, poiché l’ultima grande esplosione ha ucciso 250 persone.

I funzionari hanno detto che la lava è arrivata all’aeroporto di Goma City, alla periferia della capitale, sulle rive del lago Kivu, anche se i residenti hanno detto che si era fermata alla periferia della struttura.

“La situazione si sta deteriorando”, ha detto al suo staff in una nota un funzionario del Parco nazionale Virunga, dove si trova il vulcano.

Relazionato: Il vulcano islandese ha eruttato per la prima volta in 6.000 anni

Relazionato: La madre di una vittima del vulcano loda uno sconosciuto sconosciuto

“La lava si sta muovendo molto rapidamente”, ha detto Courtney Bembridge, corrispondente della BBC.

Ha rivelato che la nuova faglia che si è aperta verso l’aeroporto si rivelerà difficile da portare aiuti e rifornimenti per aiutare chi ne ha bisogno.

“La lava ha appena coperto queste strade e un po ‘di visibilità sta dimostrando che la lava che si sta diffondendo si sta muovendo molto rapidamente”.

La signora Bembridge ha detto che i danni o le morti non erano chiari, ma “la lava scorre ancora verso il centro della città”.

Sabato, il ministro delle Comunicazioni Patrick Miya ha confermato che il piano di evacuazione sarebbe stato attivato, aggiungendo: “Il governo sta discutendo le misure urgenti che devono essere prese in questo momento”. Nel frattempo, il presidente congolese Felix Tshisekedi ha detto che “interromperà la sua permanenza in Europa per tornare a casa domenica per sovrintendere al coordinamento degli aiuti”.

READ  La famiglia reale si prepara, la regina Elisabetta, a riprendere i doveri reali

Entro l’inizio di domenica, almeno 3.000 persone erano arrivate nel vicino Ruanda, secondo la Radio nazionale del paese, citando i dati sull’immigrazione.

La Rwandan Broadcasting Agency ha twittato le foto di coloro che arrivano nella regione di Rubavu, aggiungendo che “saranno ospitati in scuole e luoghi di culto che sono stati attrezzati”.

Le prime partenze da Goma sono arrivate anche prima della conferma ufficiale che il Monte Nyiragongo è esploso intorno alle 19:00 di sabato, rilasciando fumi rossi nel cielo notturno.

I residenti hanno segnalato l’odore di zolfo nell’aria e hanno guardato il cielo diventare rosso.

“Il flusso scorre anche in città”, ha detto domenica un funzionario del parco Virunga, aggiungendo che è probabile che la lava raggiunga le rive del lago Kivu.

Ha detto che “l’eruzione del vulcano Nyiragongo è simile all’eruzione del vulcano nel 2002” e ha invitato tutti i residenti nei pressi dell’aeroporto a “evacuare senza indugio”.

A questo punto, ha detto, “altri quartieri della città non erano in pericolo” poiché era improbabile che la lava raggiungesse quelle aree.

L’elettricità era già stata interrotta in gran parte della città quando centinaia di residenti hanno iniziato a lasciare le loro case.

Alcuni si sono diretti dall’estremità meridionale della città verso un punto di confine vicino al Ruanda, mentre altri si sono diretti a ovest verso Sake, nella vicina regione congolese di Masisi.

“Il cielo è diventato rosso”, ha detto la residente Karen Mbala. Francia Agenzia di stampa Per telefono.

“C’è odore di zolfo. In lontananza si possono vedere fiamme giganti uscire dalla montagna.

“Ma non c’è stato alcun terremoto”, ha aggiunto.

READ  Ha rivelato la telefonata alla regina Elisabetta II, in Australia

L’elettricità è stata interrotta domenica scorsa in gran parte della città, poiché migliaia di persone – gravate da materassi, cibo e pacchi – si stavano dirigendo verso il confine con il Ruanda.

Nella sua macchina, un uomo e la sua famiglia hanno detto: “Ci sono molte persone per strada, molte macchine, è una via di fuga”. Francia Agenzia di stampa.

Ha detto: “Si muove a passo di lumaca, su tre o quattro corsie”, aggiungendo: “Ci sono bambini, donne e anziani che camminano a piedi e sta arrivando la pioggia. È complicato”.

Goma ospita un grande contingente di forze di pace e personale MONUSCO, la missione delle Nazioni Unite nel paese, nonché una base per molte ONG e organizzazioni internazionali.

Diversi Monusco e aerei privati ​​sono decollati la sera, secondo una fonte aeroportuale, e un residente locale ha aggiunto di aver assistito anche all’insolita attività notturna.

In un rapporto pubblicato il 10 maggio, il Goma Vulcanology Observatory ha avvertito che l’attività sismica intorno al vulcano è aumentata e richiede uno stretto monitoraggio.

L’ultima volta che il Nyiragongo è esploso è stato il 17 gennaio 2002, uccidendo più di 250 persone e coprendo quasi la parte orientale di Goma con la lava, compresa metà della pista di atterraggio dell’aeroporto. Più di 120.000 persone sono rimaste senza casa.

Durante questa esplosione, la maggior parte delle vittime erano ammalati o anziani abbandonati al loro destino nelle zone settentrionali della città con in corso anche alcuni saccheggi.