Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mi dispiace Dave, temo di aver inventato quanto segue: un tribunale australiano dichiara che i sistemi di intelligenza artificiale possono essere riconosciuti ai sensi della legge sui brevetti | Intelligenza Artificiale (AI)

Un sistema di intelligenza artificiale può essere “inventato” secondo la legge australiana sui brevetti, ha stabilito la Corte federale, in una decisione che potrebbe avere implicazioni più ampie per la proprietà intellettuale.

Professore all’Università del Surrey Ryan Abbott Lanciate più di dieci domande di brevetto in tutto il mondo, anche nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda e in Australia, per conto del Dr. Stephen Thaler con sede negli Stati Uniti. Cercano di elencare un dispositivo di intelligenza artificiale noto come Thaler noto come Dabus (Dispositivo per l’avvio indipendente della coscienza unificata) come inventore.

Le app sostenevano che Dabus, costituita da reti neurali artificiali, avesse inventato una spia di emergenza e un tipo di contenitore per alimenti, tra le altre invenzioni.

Diversi paesi, tra cui l’Australia, hanno respinto le richieste, affermando che l’uomo dovrebbe essere chiamato l’inventore. La decisione del vice commissario australiano per i brevetti nel febbraio di quest’anno ha rilevato che sebbene “inventore” non fosse definito nella legge sui brevetti quando è stato scritto nel 1991, era inteso come persona fisica, poiché le macchine potrebbero essere utilizzate dagli inventori.

Ma in una sentenza della corte federale venerdì, il giudice Jonathan Beach ha annullato la decisione e ha rinviato la questione al comitato per un riesame.

“Dal mio punto di vista, un inventore riconosciuto dalla legge può essere un sistema o un dispositivo di intelligenza artificiale”, ha affermato.

Beach ha affermato che un inventore non umano non può essere un richiedente di brevetto e, in quanto proprietario del sistema, Thaler sarebbe il proprietario di qualsiasi brevetto concesso sulle invenzioni di Dabbous.

READ  Il Regno Unito si rammarica del `` razzismo dilagante '', dopo che un rapporto ha concluso che 350.000 soldati della prima guerra mondiale non erano stati commemorati

Il giudice ha detto che questo era “coerente con la realtà della tecnologia attuale”. “È in linea con la legge ed è coerente con la promozione dell’innovazione”.

Beach ha detto che c’è bisogno di considerazione al di là della definizione del dizionario di “inventore” come umano.

“Devo impegnarmi con l’idea di base e realizzare la natura in evoluzione delle invenzioni brevettabili e dei loro creatori. Entrambi creiamo e creiamo. Perché anche le nostre creazioni non possono creare?”

L’avvocato australiano dei brevetti, il dottor Mark Summerfield, ha affermato che la sentenza di venerdì sarà probabilmente impugnata perché potrebbe avere ampie implicazioni per i brevetti in Australia.

Il riconoscimento nella legge australiana che il termine ‘inventore’ potrebbe includere una macchina non solo sarebbe in vantaggio rispetto ai dizionari, ma anche a qualsiasi uso significativo della parola in questo modo nella società in generale, o anche tra esperti qualificati nel settore.

Consentire agli inventori di macchine di avere molte conseguenze, sia prevedibili che impreviste. Consentire brevetti per invenzioni prodotte da macchine instancabili di capacità quasi illimitata, senza esercitare alcuna ingegnosità umana, giudizio o sforzo intellettuale, potrebbe semplicemente stimolare Le grandi aziende stanno costruendo “generatori di giungla di brevetti” che può solo soffocare, piuttosto che incoraggiare l’innovazione in generale”.

Dabus ottiene il suo primo brevetto In Sud Africa questa settimana.