Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Metà dell’Italia entra nel carcere fino a lunedì e Pasqua, 16 marzo. Elenco delle aree rosse

Molte parti d’Italia sono state chiuse lunedì 16 marzo a causa dell’aumento del numero di casi Covit-19. Il decreto è stato firmato dal primo ministro italiano Mario Draghi e impone severe restrizioni a metà del Paese. Queste misure sono valide fino al weekend di Pasqua, quando tutta l’Italia diventerà una zona rossa.

ok DifensoreL’ordine dice che ci sono aree ad alto rischio per la diffusione del Govt-19, dove sono registrati più di 250 casi a settimana per 100.000 abitanti. Pertanto, a partire da lunedì, le parti entrano in uno stato bloccato: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Veneto, Piemonte, Marche Provincia di Trento. Sono collegati da province Campagna e Bolzano, Che è già nella zona rossa. Abruzzo, Calabria, Liguria, Molise, Buglia, Sicilia, Umbria e Asta sono vicini alla zona degli aranci, scrive anche la fonte.

La decisione delle autorità porterà alla chiusura di scuole e bar e ristoranti nelle zone rosse il 16 marzo. I viaggi saranno limitati alle esigenze di lavoro, all’acquisto di prodotti di base e alle emergenze sanitarie.

L’ordine è stato firmato dal 15 marzo al 6 aprile. Le autorità italiane hanno deciso di includere l’intero Paese nella zona rossa durante le vacanze di Pasqua. L’unica zona esclusa è la Sardegna.

Tra il 3 e il 5 aprile l’Italia è tutta nella “zona rossa” della Pasqua

L’Italia ha annunciato venerdì quasi 27.000 nuovi casi governativi e 380 morti. Il tasso di infezione è aumentato al 7,2%. Secondo il ministero della Salute, nelle ultime 24 ore si sono verificati 26.824 nuovi contagi, contro i 25.673 di giovedì. Altri 380 pazienti sono morti, rispetto ai 373 di giovedì.

READ  L'Italia è stata eliminata dal Campionato Europeo U21 U21

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 369.636 test molecolari e antigeni. Il tasso positivo è stato del 7,2% venerdì e del 6,9% giovedì. In totale, 2.914 persone sono in terapia intensiva.

“In Italia, l’epidemia è di nuovo in aumento, e in altri paesi europei è in calo. Nel nostro Paese è la sesta settimana consecutiva che il tasso di contagio è in aumento. Possiamo solo vedere una diminuzione in Umbria e Bolzano, ma qui ci sono restrizioni da qualche settimana “, ha detto Silvio, responsabile dell’Istituto Superiore di Sanità. Ha detto Brusafero.

Ha aggiunto che c’erano più infezioni tra i bambini di età superiore ai 10 anni.

Tutta l’Italia entrerà nella “zona rossa” durante la festa di Pasqua dal 3 al 5 aprile. Saranno aperti solo i negozi essenziali e ristoranti e bar non saranno in grado di servire i clienti.

Autore: A.A.