Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mary Kom si reca in Italia per evitare le restrizioni ai viaggi sportivi di Tokyo

Il sei volte campione del mondo M.C. Mary Kom ha deciso di unirsi alla squadra di boxe alle altre Olimpiadi dell’India In Italia per la formazione Per evitare ulteriori restrizioni per i viaggiatori da qui a Tokyo nel bel mezzo dell’epidemia di COVID-19.

Mary Kom partirà per Assisi tra un paio di giorni per unirsi agli altri otto pugili olimpici che da lì partiranno per Tokyo.

La medaglia di bronzo olimpica di Londra si è allenata presso l’Army Sports Institute di Pune dal 23 luglio. “Ho cambiato i miei piani. Sono tornata a Delhi e partirò per l’Italia domani o dopodomani. Restrizioni di isolamento per i viaggiatori dall’India. Voglio evitarle”, ha detto Mary Kom, 38 anni. PTI.

LEGGI ANCHE – PMI nomina Simranjit Kaur e Kaurav Rao Solanki per gli Arjuna Awards

“Dopo un allenamento così duro per così tanto tempo, non c’è motivo di correre rischi come il difficile isolamento può spezzare il ritmo”, ha detto.

Sarà accompagnato dal suo personal trainer Chot Lal Yadav e da un fisioterapista.

Test COVID giornalieri

Una settimana prima della partenza per Tokyo, il governo giapponese ha chiesto ad atleti e funzionari indiani di sottoporsi a test giornalieri per il COVID-19 e di non contattare nessuno di un altro paese per tre giorni all’arrivo.

Regole rigorose progettate per 10 paesi diversi dall’India, tuttavia, non si applicano a coloro che atterrano a Tokyo da siti di addestramento come l’Italia.

La squadra indiana di boxe, partita per Assisi all’inizio di questo mese, avrebbe dovuto tornare in India il 10 luglio e poi partire per Tokyo una settimana prima dell’inizio della partita.

READ  I pugili indiani d'élite possono allenarsi in Italia prima delle Olimpiadi | Notizie di boxe

LEGGI ANCHE – Neeraj Chopra si ritira dal Lucerna come miglior atleta

L’Associazione olimpica indiana (IOA) ha chiesto al Comitato organizzatore dei Giochi di Tokyo di consentire allentamenti nel protocollo di test Covid-19, citando disturbi logistici che potrebbero verificarsi prima della partenza di atleti e funzionari.

Le autorità giapponesi si sono rifiutate di ridurre il numero di test pre-partenza richiesti, ma hanno offerto un po’ di relax negli aggiornamenti medici che gli atleti devono compilare online.

“L’etica è molto difficile da adattare e non vuoi occuparti di cose extra quando cerchi di concentrarti sulla tua performance”, ha detto Mary Kom.

Nove pugili indiani senza precedenti – cinque uomini e quattro donne – si sono qualificati per le Olimpiadi di Tokyo.