Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Marina Rafael si è recata a Firenze e ha imparato l’italiano per lanciare il suo marchio omonimo

Marina Raffaele È la sesta generazione della famiglia Swarovski e aveva solo 20 anni quando ha lanciato la sua collezione di borse nel 2019. Dopo essersi laureata in gestione aziendale al King’s College di Londra, da allora ha creato un marchio invidiabile, fondato sui principi di artigianalità, qualità e design elegante.

Hai avuto parecchie collaborazioni con il brand – Doina Ciobanu e Alex Rivière, per esempio – come scegli con chi lavorare e qual è il processo di collaborazione? E spesso lavori con persone famose sui social media… In che modo i social media aiutano ciò che fai come marchio? Per me è molto importante condividere persone che condividono una visione creativa e un’etica del lavoro comuni. Sono sempre stato affascinato da tutti i diversi elementi dell’arte e del design, ed è emozionante poter collaborare con individui incredibilmente talentuosi la cui estetica unica porta qualcosa di nuovo al mio marchio.

Durante la pandemia, molti marchi di lusso hanno reindirizzato la loro attenzione sui social media per promuovere le loro prossime collezioni. Per noi, questa è stata una grande opportunità per mostrare il nostro recente lavoro di collaborazione, ma anche per entrare in contatto con il nostro pubblico, entrare in contatto con gli acquirenti e aumentare la nostra presenza online. Lavorando a stretto contatto con questi incredibili influencer, ho avuto l’opportunità di ottenere informazioni sul tipo di contenuti e immagini che ottengono il maggior coinvolgimento.

Hai un vero focus sulla sostenibilità: dimmi come si collega questo ai materiali che procuri e al tuo processo di progettazione generale? Personalmente, credo che la moda sostenibile sia il futuro. Con questo in mente, la sostenibilità è sempre stata un valore fondamentale in Marina Rafael, motivo per cui ci sforziamo costantemente di migliorare tutte le operazioni e di aderire a standard moderni e rispettosi dell’ambiente. Fin dall’inizio, abbiamo puntato a una politica dei rifiuti quasi zero: riciclaggio, riciclaggio dei materiali e concia consapevole di piccole quantità di pelle, cercando costantemente modi innovativi per ridurre la nostra impronta di carbonio. Inoltre, la nostra missione è creare prodotti che resistano alla prova del tempo e possano essere tramandati di generazione in generazione.

Ho letto un’intervista in cui parlavo di voler realizzare borse pratiche, versatili e facili da indossare con qualsiasi outfit – e suona come una sfida! Come farai per raggiungere questo obiettivo? Da dove inizi? Apprezziamo la praticità tanto quanto lo stile. Quando disegno una collezione, scelgo uno stile accattivante, silhouette pulite e materiali innovativi, con un focus primario sulla funzione e lo scopo della borsa. Indipendentemente dalla stagione, realizziamo sempre borse abbastanza spaziose da contenere tutti i tuoi oggetti essenziali. E molti dei nostri stili si traducono facilmente da un look chic da giorno a una serata glamour. Infine, la maggior parte delle nostre borse può essere indossata in vari modi, come una borsa a tracolla, a tracolla o anche come marsupio.

Ho letto un’altra intervista in cui hai definito le tue prime 10 borse un “disastro” – perché? Cosa è successo e cosa ti ha insegnato? Tornando ai miei vecchi set, provo sempre un profondo senso di nostalgia! Quando stavo lavorando ai miei primi prototipi in assoluto, ero molto giovane e stavo appena iniziando il mio percorso creativo, quindi non ero ancora in grado di stabilire la mia identità di designer e imprenditore. Ci è voluto quasi un anno per perfezionare le mie prime borse e ho continuato a lavorare finché non sono stato felice e fiducioso del risultato.

Ho visitato la nostra fabbrica a Firenze, ho imparato molto sull’artigianato tradizionale e ho scoperto nuovi materiali innovativi, che ho poi applicato nel mio processo di progettazione. Una delle mie priorità era anche imparare l’italiano, in modo da poter comunicare meglio con i fornitori, i potenziali acquirenti e le comunità locali che lavorano per realizzare la nostra visione.

Hai detto: “A volte le persone mi guardano dall’alto in basso perché sono così giovane e vengo da un background che mi ha supportato” – ora che ho messo insieme più gruppi e l’attività è un successo, la situazione sta iniziando a svanire o stai ancora affrontando resistenza?Essere un giovane designer è sicuramente una bella sfida, in quanto non si compete solo con marchi nuovi e unici, ma anche con case di moda affermate. Avevo solo 20 anni quando ho iniziato la mia carriera, quindi una delle sfide più grandi è stata semplicemente convincere i rivenditori e fare pressione sulla mia carriera.

In termini di background familiare, Swarovski ha indubbiamente influenzato il mio lavoro e la filosofia del mio marchio, e sono grato per tutti i valori che mi hanno instillato. Tuttavia, mentre essere un giovane designer può essere visto come un difetto in alcuni ambienti, l’ho sempre trovato un vantaggio. Ho un percorso più lungo verso il successo, perché costruire il mio marchio è il mio obiettivo principale, sono desideroso di continuare ad imparare e posso adattarmi facilmente.

Qual è il miglior consiglio che tu abbia mai ricevuto? Uno dei suggerimenti che ho trovato molto utile quando ho lanciato il mio marchio è stato quello di rimanere appassionato, appassionato e fedele ai valori fondamentali del tuo marchio. È fin troppo facile che le critiche si lascino trasportare o spaventano. Essere persistenti, diretti e lavorare sodo è la chiave per raggiungere tutti i tuoi obiettivi e aspirazioni per il futuro!

Cosa troverò nella tua borsetta adesso? Ora che la maggior parte delle mie riunioni e appuntamenti avviene tramite Zoom, non ho più bisogno di portare molte cose nella mia borsa quotidiana. Quando vado in ufficio, di solito scelgo un Micro Riviera in rafia e porto il mio portafoglio, telefono, airpods, burrocacao idratante e disinfettante per le mani profumato. E ho sempre un caricabatteria del telefono perché la batteria non manca mai a mezzogiorno!

Ho scelto le borse perché “non importa quanti anni hai, puoi sempre indossare una borsa”. – Che amo – Pensi che amplierai il marchio per includere prodotti e accessori aggiuntivi nel tempo? La mia missione è stata, e sarà sempre, quella di responsabilizzare le persone attraverso il mio lavoro, evitare gli stereotipi e dare a tutti l’opportunità di abbracciare la propria genialità interiore. Sviluppare gradualmente la mia linea di prodotti è stato un mio obiettivo da quando ho lanciato il marchio, e quindi è sicuramente nella mia agenda. La prossima primavera, ad esempio, lanceremo la nostra collezione di borse per il trucco personalizzate, tutte realizzate con la stessa qualità. Un’altra eccitante aggiunta è la prossima collezione di portacarte in pelle premium in una varietà di moderne combinazioni di colori.

Lodi il tuo background – incorporare cristalli nel tuo design – perché era così importante per te? Mi sono sempre sentito orgoglioso di appartenere a una famiglia con oltre 120 anni di innovazione, creatività, attenzione ai dettagli e artigianalità. Ispirata da tutte le donne forti e motivate della mia famiglia, ho voluto rendere omaggio al mio background, motivo per cui ho scelto di includere i cristalli Swarovski nella maggior parte dei miei modelli. Dalle borse scintillanti decorate con cristalli ai più piccoli dettagli per aggiungere una cerniera decorata, amo trovare nuovi modi per onorare la mia eredità.

READ  La Bottega di Mangia: Pasta artigianale e drogheria italiana