Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Unione Europea prende di mira il settore del gas naturale liquefatto con nuove sanzioni contro la Russia Notizie sulla guerra russo-ucraina

L’Unione Europea prende di mira il settore del gas naturale liquefatto con nuove sanzioni contro la Russia  Notizie sulla guerra russo-ucraina

L’ultimo pacchetto vieta la riesportazione del gas naturale liquefatto russo attraverso l’Europa, ma gli esperti sostengono che la misura avrà un impatto minimo.

I paesi dell’Unione Europea hanno approvato una nuova serie di sanzioni contro la Russia, prendendo di mira per la prima volta il suo redditizio settore del gas naturale liquefatto.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato giovedì in un post sul sito X che l’ultimo pacchetto del blocco, il 14esimo da quando la Russia ha lanciato l’invasione globale dell’Ucraina, “priverebbe la Russia di maggiori entrate energetiche”.

Le misure, che non includono il divieto di acquisto di gas naturale liquefatto russo da parte dei paesi dell’Unione Europea, vietano la riesportazione del gas russo verso paesi terzi attraverso le acque europee.

Gli esperti del mercato del gas affermano che il divieto avrà un impatto minimo perché l’Europa continuerà ad acquistare gas russo e le spedizioni in transito attraverso i porti dell’Unione europea verso l’Asia rappresentano solo circa il 10% del totale delle esportazioni russe di GNL.

I porti europei sono importanti per la Russia, poiché il continente fornisce una rotta chiave per le esportazioni di GNL dai porti artici ghiacciati verso i mercati asiatici nei mesi invernali.

Il porto belga di Zeebrugge e il porto francese di Montoir sono centri particolarmente importanti per la riesportazione verso paesi come Cina, Taiwan e Turchia.

Ulteriori misure nel pacchetto hanno lo scopo di rendere più difficile per la Russia l’utilizzo di una “flotta ombra” di navi con origini ambigue per eludere le sanzioni dell’UE sul petrolio greggio russo.

READ  Monte Everest: la pandemia di coronavirus, il cambiamento climatico e gli scalatori disperati provocano il caos durante le escursioni

L’UE sta anche colpendo il sistema di messaggistica bancaria SPFS di Mosca, che la Russia utilizza per cercare di mitigare gli effetti dell’isolamento dell’Occidente dal sistema globale di trasferimento di denaro SWIFT.

Diluito

Giovedì il Belgio, che detiene la presidenza di turno dell’Unione europea, ha descritto le sanzioni come “forti e sostanziali”.

“Questo pacchetto fornisce nuove misure mirate e massimizza l’impatto delle sanzioni esistenti colmando le lacune”, ha pubblicato su X.

Ma i negoziati, durati più di un mese, alla fine hanno visto una delle principali proposte della Commissione annacquarsi sotto la pressione della Germania.

La proposta avrebbe richiesto alle aziende dell’UE di impedire la riesportazione dei loro prodotti sanzionati in Russia attraverso paesi terzi, tra cui l’ex Unione Sovietica, la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti.

L’UE sta cercando di reprimere il flusso di tecnologie a duplice uso, come i chip delle lavatrici, che la Russia potrebbe utilizzare sul campo di battaglia.

I diplomatici dell’UE hanno affermato che la Germania ha richiesto una valutazione d’impatto e questa misura potrebbe essere inclusa in un secondo momento.

Hanno citato le preoccupazioni tedesche sulla regolamentazione aziendale e le richieste di modifica come il motivo principale per cui le nuove sanzioni contro la Russia impiegano così tanto tempo per essere finalizzate.

Diverse società cinesi accusate di aiutare l’esercito russo sono state aggiunte a una lista nera che impedisce alle aziende del blocco europeo di commerciare con loro, hanno detto i diplomatici.

READ  Global Electric Vehicle Road Trip rivela il mercato australiano nella corsia lenta | ambiente

Sono state imposte restrizioni anche ai partiti politici, ai think tank e ai fornitori di media che accettano denaro dalla Russia, nel tentativo di limitare la presunta interferenza di Mosca.

Complessivamente, 47 nuove entità e 69 individui sono stati aggiunti all’elenco delle sanzioni dell’UE, portando il totale a 2.200. Il pacchetto sarà adottato formalmente quando i ministri degli Esteri dell’UE si incontreranno lunedì.