Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

NHS: un sollevatore di pesi ha dovuto aspettare cinque anni per un intervento chirurgico al ginocchio

NHS: un sollevatore di pesi ha dovuto aspettare cinque anni per un intervento chirurgico al ginocchio
Commenta la foto, Sue Taylor-Franklin è stata costretta a sottoporsi a un intervento chirurgico all’estero perché non poteva aspettare dal dolore per ricevere cure dal servizio sanitario nazionale

  • autore, Owen Clark
  • Ruolo, Corrispondente sanitario, BBC Wales News

Sue Taylor Franklin si sforza ancora una volta di essere una delle donne più potenti del mondo.

Al suo apice, la 56enne riusciva a sollevare quasi un quarto di tonnellata e ha persino battuto il record mondiale di traino di un aereo da 48 tonnellate con sua moglie Sam.

Ma la sollevatrice di pesi, di Aberdare, Rhondda Cynon Taf, ha trovato la sua carriera in pericolo quando ha subito un infortunio al ginocchio riportato in un incidente in moto quando aveva 17 anni alla fine del 2021 e le è stato detto che c’era una lista d’attesa di cinque anni nel servizio sanitario nazionale.

Dopo essersi rivolta al crowdfunding online, è riuscita a permettersi un intervento chirurgico di 10.000 sterline in Lituania, ma la sua esperienza significa che ora crede che i servizi sanitari del Regno Unito abbiano bisogno di una revisione perché “non poteva ricevere aiuto quando ne avevo bisogno”.

Il ginocchio di Sue era gonfio quasi tutti i giorni e non era in grado di camminare per lunghe distanze perché le ossa erano “così usurate che sapevo di aver bisogno di un intervento chirurgico”.

“Abbiamo un figlio di 13 anni e un cucciolo, ma non potevo fare nulla perché il dolore era alle stelle”, ha detto.

“Su una scala da uno a 10 era un 15.”

Con i suoi problemi di salute mentale e la crescente dipendenza da forti antidolorifici, Sue ha trovato una clinica in Lituania che offriva cure per £ 10.000, ma non poteva permetterselo.

“Abbiamo esaminato le opzioni per prestiti, ottenere carte di credito e massimizzare il limite, ma solo di recente abbiamo avuto un mutuo sulla nostra casa”, ha detto.

Così Sam si è rivolta al sito di crowdfunding nel marzo 2023 e, grazie in parte al supporto della comunità del powerlifting, il loro obiettivo è stato raggiunto in sole cinque settimane e nel settembre dello stesso anno è stata sottoposta a un intervento chirurgico.

“Sono rimasta davvero onorata”, ha detto Sue. “Voglio dire, i soldi provenivano da tutto il mondo: America, Norvegia, Giappone… e anche Gran Bretagna.”

Siamo spiacenti, non possiamo mostrare questa parte della storia su questa pagina mobile leggera.

Esperienze come quella di Sue non sono rare in Galles, dove circa una persona su cinque è in lista d’attesa del servizio sanitario nazionale per trattamenti programmati e, in media, aspetta il 46% in più rispetto all’Inghilterra.

La differenza tra tempi di attesa più lunghi è più evidente.

Ci sono più di 20.600 casi in Galles di persone che aspettano più di due anni rispetto ai soli 275 in Inghilterra.

Le cifre sono state sfruttate dai conservatori, da Plaid Cymru, dai liberaldemocratici, da Reform e altri per attaccare la situazione sanitaria dei laburisti nel paese in cui gestiscono il servizio sanitario nazionale da 25 anni.

Fonte immagine, Sue Taylor Franklin

Commenta la foto, Sue Taylor Franklin aveva bisogno dell’aiuto di estranei per finanziare un intervento chirurgico al ginocchio

“Dato che il periodo di attesa di due anni è stato ridotto a un livello molto basso in Inghilterra, e non di molto in Scozia, è più probabile che si debba aspettare quel periodo in Galles”, afferma Mark Dayan, dell’Independent Health Foundation del Regno Unito. think tank Nuffield Trust.

“Ma questo è un po’ allettante per l’Inghilterra, perché l’Inghilterra non ha necessariamente fatto molti progressi nella riduzione dei tempi di attesa a tutti i livelli”.

Le liste d’attesa non sono “l’unica cosa che conta”, ha detto l’analista politico.

Ha aggiunto: “Non sono sicuro che ci siano indicatori chiari che l’effettiva qualità clinica dell’assistenza in Galles sia diversa, peggiore o migliore. Questo è lo standard definitivo in base al quale si giudica il sistema sanitario”.

Esperti indipendenti sottolineano inoltre che i semplici confronti non tengono conto del fatto che la popolazione gallese è, nel complesso, più anziana, più povera e più malata di quella oltre confine, il che significa un ulteriore onere per il servizio sanitario nazionale.

Inoltre, non tengono conto di varie scelte politiche, come la definizione delle priorità dei pazienti in base alle esigenze cliniche.

Le lunghe liste di attesa in Galles non solo sono antecedenti alla pandemia di Covid, ma sono autoinflitte, quindi sono un problema di vecchia data.

Fonte immagine, Sue Taylor Franklin

Commenta la foto, Sue Taylor Franklin e sua moglie Sam stabiliscono il record mondiale per il traino di un aereo da 48 tonnellate

Ha inoltre sottolineato che in Galles si spende il 15% in più pro capite per l’assistenza sanitaria e sociale rispetto all’Inghilterra.

La sanità è stata devoluta, quindi chiunque vinca queste elezioni non sarà più responsabile del servizio sanitario nazionale gallese.

Ma le decisioni prese a Westminster su quanto si spende per i servizi pubblici in Inghilterra probabilmente determineranno quanti soldi arriveranno in Galles e, di conseguenza, potrebbero influenzare la politica sanitaria del Galles in futuro.

In queste elezioni, ogni partito afferma di sapere come rendere il servizio sanitario nazionale più adatto al futuro, ma il Nuffield Trust sottolinea che la maggior parte dei partiti sta sottovalutando la portata delle sfide finanziarie.

“Non abbiamo imparato molto sulla spesa sanitaria in queste elezioni, e tutti i partiti stavano davvero cercando di impegnare meno soldi extra possibili, facendo allo stesso tempo grandi promesse sui risultati che avrebbero ottenuto”, ha detto Dayan.

Di ritorno dalla Lituania e di nuovo in palestra – anche se non è ancora pronta a sollevare i pesi più pesanti – Sue sta facendo grandi progressi ma è preoccupata che il servizio sanitario nazionale stia andando nella direzione opposta.

“Ho lavorato per 41 anni della mia vita e ho sempre pagato le tasse, ma non potevo ricevere aiuto quando ne avevo bisogno”, ha detto.

“Penso che debbano chiudere il servizio sanitario nazionale e ricominciare da capo… non vedo alcun modo per tornare al punto in cui era. Ha bisogno di una revisione completa.”

“Penso che sia in uno stato così pessimo che nessuna delle parti coinvolte sarà in grado di risolverlo. Non penso che sia risolvibile.”

Grazie alla generosità degli altri, Sue è riuscita a riparare il suo ginocchio e desidera battere altri record di sollevamento pesi.

Ma è preoccupata che il servizio sanitario nazionale – non solo in Galles ma in tutto il Regno Unito – sia irreparabilmente danneggiato.