Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lunedi, piogge meteoriche mai viste prima rischiano di illuminare i cieli dello Utah

Un’immagine a infrarossi della cometa SW3 scattata dal telescopio spaziale Spitzer della NASA nel 2006. La cometa si è disintegrata dal 1995, fornendo possibili condizioni per una pioggia di meteoriti lunedì sera. (NASA, Jet Propulsion Laboratory, Caltech)

Tempo di lettura stimato: 4-5 minuti

SALT LAKE CITY – La pazienza potrebbe ripagare gli osservatori delle stelle lunedì notte, poiché potrebbe apparire una nuova pioggia di meteoriti con il potenziale per illuminare drammaticamente il cielo.

Gli astronomi sospettano che il materiale di una piccola cometa, SW3, possa causare una grande pioggia di meteoriti chiamata Tau Herculids, che raggiungerà il picco intorno alle 23:00 di lunedì, secondo il spazio.com.

L’editorialista di Space.com Joe Rao sottolinea che gli acquazzoni potrebbero avere l’intensità di piogge meteoriche annuali più forti. È noto che questi acquazzoni producono fino a cento meteore all’ora, come mostrato in Riepilogo degli sciami meteorici del 2022 Dallo stesso blog spaziale.

Come bonus aggiuntivo, c’è una leggera possibilità che Tau Herculids possa spingersi in una più grande esplosione o tempesta di meteoriti, poiché migliaia di meteore all’ora possono essere viste riversarsi dal cielo notturno, spiega Rao nel suo articolo.

Tuttavia, tutti i modelli e le previsioni potrebbero andare in malora e il cielo notturno potrebbe rimanere scuro da lunedì sera a martedì mattina. Tutto dipende dalla tempistica dell’orbita terrestre e dall’orbita della cometa SW3.

Se i Tau Herculids raggiungeranno il loro pieno potenziale, lo spettacolo risultante si classificherà tra le più potenti tempeste di meteoriti della storia, ha affermato Patrick Wiggins, astronomo locale e ambasciatore del sistema solare per la NASA/Jet Propulsion Laboratory nello Utah. Rao confronta gli scenari migliori con gli acquazzoni di Leonid Meteor 20 anni fa.

Nessuno può dire con certezza cosa accadrà. di recente Post sul blog della NASA Più conservativo, non indica nemmeno la possibilità di un temporale.

Wiggins chiama la probabilità di una tempesta “se è significativa”. Tuttavia, questo non gli avrebbe impedito di guardare.

“L’unica cosa certa,” disse, “è che starò a guardare.”

Possibilità di fare la doccia

Gli sciami di meteoriti si verificano quando la Terra incontra uno sciame di detriti lasciato da una cometa.

in articolo di stampa Per Meteorites International nel 2022, Rao scrive che entro le 23:00 Mountain Monday, la Terra incontrerà l’orbita di SW3 appena prima della cometa stessa. Ciò sembra rendere inesistente la possibilità di qualsiasi attività meteoritica nel 2022.

Tuttavia, con un’ulteriore modellazione, Rao ha stabilito che era possibile che la nuvola di detriti SW3 si fosse spostata davanti alla cometa, abbastanza da produrre uno sciame. Supporto per altri due studi per lui le scopertelui sta scrivendo.

Inoltre, Rao nota un crollo simile di una cometa all’inizio del XIX secolo, che portò alle tempeste meteoriche di Andromeda nel 1872 e nel 1885. L’articolo di Rao rileva che le somiglianze tra queste due comete potrebbero supportare le previsioni della tempesta tau di Ercole.

Note da guardare

Se hai intenzione di guardare, Rao suggerisce di seguire il normale protocollo per guardare le piogge di meteoriti: vestiti caldi e una bevanda calda per combattere il freddo, una sedia reclinabile per sostenere il collo e una torcia rossa per dimostrare la tua visione notturna.

I nomi degli sciami meteorici si formano solitamente dopo il punto nel cielo da cui si irradiano le meteore, di solito una costellazione. Quando fu scoperto nel 1930, affermava il documento di Rao, ci si aspettava che Ercole irradiasse tau dalla costellazione di Ercole.

Oggi, la radiazione sarà più vicina alla costellazione di Boote. Per trovare questa costellazione, individua l’impugnatura dell’Orsa Maggiore e inarca la visuale verso la prima stella luminosa che vedi: Arcturus, la stella più luminosa di Bootes.

Non è necessario guardare direttamente le radiazioni per vedere le meteore durante la doccia. scrittore di scienze e Ex direttore del Planetario Hansen Mark Littman ha scritto un libro sulle grandi tempeste meteoriche di Lione del diciannovesimo secolo, in previsione delle piogge del 1998 e del 1999, intitolato Heaven on Fire. In questo libro, spiega che distogliere lo sguardo dalle radiazioni della doccia ti permetterà effettivamente di vedere code più lunghe.

Se si verificasse una tempesta e cadessero migliaia di meteore, guardare direttamente il raggio darebbe l’illusione di volare nello spazio, simile a Campionato della Federazione Nella serie TV “Star Trek” Littman spiega.

Rao avverte che dal momento che le meteore attese colpiranno la Terra lunedì notte, sembreranno anche più deboli, rendendo i cieli bui un must. Aggiunge che qualsiasi eventuale tempesta sarà “di breve durata; non più di diverse ore”.

Naturalmente, il tempo è il fattore principale in qualsiasi evento astronomico.

Citato dal vecchio adagio sulla fantascienza, Wiggins disse: “Guarda il cielo”. “Ovunque. Continua a cercare. Continua a guardare il cielo.”

Immagini

Ryan Boyce è un fan della scienza e della storia. Il suo primo progetto di scrittura è stato compilare una storia dell’esplorazione spaziale sul computer del suo insegnante di terza elementare, e da allora non ha smesso di scrivere.

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Lo zoo del Nebraska esorta quasi 200 ospiti a sparare alla rabbia dopo l'esposizione a pipistrelli selvatici wild