Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Cosa è peggio per il suolo: mietitrebbie o dinosauri?

Ingrandisci / Avere questo ragazzo calpestato potrebbe significare che le cose avrebbero faticato a crescere lì in seguito.

Parole che non mi aspettavo di leggere nell’articolo scientifico di questa settimana: “La somiglianza nella massa e nell’area di contatto tra i moderni veicoli agricoli e i sauropodi solleva la domanda: qual è stato l’effetto meccanicistico di questi animali preistorici sulla produttività della Terra?” Il documento, di Thomas Keeler e Danny Orr, solleva quella che potrebbe essere una delle principali preoccupazioni: i composti agricoli sono cresciuti negli ultimi decenni, al punto da poter comprimere il suolo sotterraneo dove si estendono le radici delle colture. Ciò rappresenta una minaccia per la produttività agricola.

L’articolo confronta quindi la minaccia della compressione con quella rappresentata dal più grande animale che abbia mai vagato per la nostra terra: i sauropodi.

La grande crisi

Pensiamo che il terreno sia solido, ma le fessure e i canali all’interno del terreno sono essenziali per la vita delle piante, poiché consentono all’aria e all’acqua di raggiungere le radici. La compattazione del suolo, nella sua forma estrema, elimina tutti questi spazi, rendendo il terreno meno adatto alle piante. la pressione è difficile da invertire; Possono essere necessari decenni di attività vegetale e animale per disgregare nuovamente il terreno compattato e ristabilire un ecosistema sano.

Molte sono le attrezzature agricole dedicate all’aratura del terreno, alla rottura del terreno ea renderlo più permeabile all’aria e all’acqua. Ma questo dispositivo non raggiunge tutta quella profondità. L’area “sottosuperficiale” rimane sotto il terreno arato, ma sotto la superficie rimane ben all’interno dell’area utilizzata dalle radici delle piante agricole.

Ovviamente, avere qualcosa di pesante che rotola sul terreno è una ricetta facile per compattarlo. Anche le attrezzature agricole stanno diventando sempre più pesanti, perché le attrezzature più grandi sono diventate più efficienti. Nel 1958 il peso di una tipica mietitrebbia era di circa 4000 kg. Oggi, questo peso medio è cresciuto fino a superare i 35.000 kg. Per evitare di frantumare il terreno al di sotto di queste dimensioni, i pneumatici sono ingranditi e funzionano a una pressione inferiore, consentendo al pneumatico di diffondersi su un’area più ampia per ridurre la pressione del terriccio.

READ  La task force afferma che lo screening del cancro del colon-retto dovrebbe iniziare all'età di 45 anni

Ma le forze dalla superficie si traducono sotto la superficie in modo minore a seconda dell’area in cui si diffonde la forza di pressione. Invece, ad alcune profondità, le sollecitazioni dipendono fortemente dalla massa di ciascuna ruota. In quanto tale, l’aumento della massa delle mietitrebbie (e di altre attrezzature agricole) aumenta il rischio che il terreno sotterraneo sia soggetto a compattazione. Questo effetto sarà difficile da rilevare e correggere, ma può portare a una perdita di produttività agricola.

rischi globali. Inoltre i dinosauri!

I rischi di compressione non sono distribuiti uniformemente. Le regioni più aride hanno una minore pressione delle acque sotterranee e sono quindi meno a rischio di pressione. Alcuni paesi coltivano anche da piccoli appezzamenti che non sfruttano le efficienze offerte dalle grandi macchine. Tuttavia, molte aree sono a rischio di compattazione, compresi gli Stati Uniti orientali, l’Australia orientale, l’Argentina e gran parte dell’Europa. In generale, queste aree corrispondono bene a quelle suggerite da uno studio separato per avere una produttività inferiore a causa della compattazione del suolo. Complessivamente, circa il 20 per cento delle importanti aree agricole è a rischio.

Il che ci riporta al caso dei dinosauri. I sauropodi sono diventati molto più grandi anche dei più grandi raccoglitori, forse vicino a 80.000 chilogrammi. Il loro peso era distribuito solo su quattro estremità, con impronte quasi identiche a quelle dei pneumatici moderni (al contrario, i mietitori hanno spesso sei pneumatici). Infine, per potersi muovere, il sauropode doveva alzare almeno un arto alla volta. Tutti questi fattori combinati significavano che i sauropodi dovevano esercitare una maggiore pressione sul suolo.

Se le attrezzature agricole ora rappresentavano un rischio di compressione, quasi certamente i dinosauri stavano causando problemi. Ma allo stesso tempo, animali di queste dimensioni avrebbero avuto bisogno di un florido ecosistema per sostenerli. “Il potenziale per una significativa compattazione del suolo mediante la ricerca di sauropodi sembra essere incompatibile con le terre produttive che hanno supportato la vegetazione rigenerativa per nutrire questi erbivori preistorici”, affermano i ricercatori.

READ  La NASA completa lo scafo principale della navicella spaziale Europa Clipper - cercherà la vita sul ghiacciato Jupiter Europa

Come si spiega questa apparente contraddizione? Keeler e Orr, entrambi specialisti in studi agrari, ricorsero a un’idea che era stata popolare nei circoli paleontologici per un po’: qualsiasi cosa di queste dimensioni era quasi semi-acquatica, perché avrebbe lottato per sostenere le sue dimensioni. Ma piuttosto che parlare con il paleontologo per ulteriori idee, gli autori hanno semplicemente dichiarato che “la risoluzione di questo paradosso è al di fuori dello scopo di questo studio”.

PNAS2022. DOI: 10.1073/pnas.2117699119pnas.org (Informazioni sui DOI).