Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Ucraina afferma che il settimo generale russo, Yakov Rezantsev, è stato ucciso in Ucraina

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che le forze ucraine hanno ucciso il tenente generale Yakov Rezantsev vicino alla città meridionale di Kherson, il settimo generale russo ad essere ucciso dall’inizio dell’invasione.

La Russia non ha confermato la sua morte. Ha solo confermato la morte di un generale, il vice comandante Andrei Sukhovitsky

Funzionari della NATO hanno stimato all’inizio di questa settimana che ben 15.000 soldati russi sono stati uccisi durante le quattro settimane di guerra, una cifra contestata dalla Russia, che venerdì ha riportato la morte di 1.351 dei suoi combattenti.

Il tenente generale Rezantsev, comandante del 49° esercito russo combinato, ha precedentemente servito in Siria e Abkhazia, la regione autonoma della Georgia riconosciuta come stato dalla Russia e dai suoi alleati.

Il ministero della Difesa ucraino, nell’annunciare la morte tramite Twitter, ha affermato che il generale Rezantsev è stato il secondo russo ucciso in quel grado.

Caricamento in corso

Secondo quanto riferito, un altro tenente, Andrei Mordvishev, è stato ucciso in un raid ucraino nella stessa base.

Oleksiy Aristovich, consigliere militare del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha detto al Washington Post che l’esercito ucraino ha concentrato i suoi sforzi sul “rallentare il ritmo” dell’invasione russa prendendo di mira le unità di comando e controllo russe vicino al fronte.

Aristovich ha affermato che l’uccisione dei generali ha anche minato il morale dei russi, rafforzando la determinazione ucraina.

La morte degli alti ufficiali viene celebrata sui social media ucraini ma è esclusa dalle notizie russe.

Funzionari ucraini hanno affermato che sette generali sono stati uccisi dal fuoco dei cecchini, scontri ravvicinati e bombardamenti.

La Turchia disinnesca una mina marina russa

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.
Miniere russe galleggianti in Turchia dopo la sua secessione vicino all’Ucraina.

L’esercito turco ha disinnescato una mina che si è spostata nell’entroterra dal Mar Nero, provocando una forte esplosione a nord di Istanbul, pochi giorni dopo che la Russia aveva avvertito che molti di loro avevano spazzato via le navi dai porti ucraini.

Il ministro della Difesa Halusi Akar ha descritto l’oggetto, scoperto per la prima volta dai pescatori sulla cima del Bosforo, come un tipo antico di miniera, e ha detto di essere in contatto con le autorità russe e ucraine al riguardo.

Un testimone della Reuters ha sentito una potente esplosione al largo del villaggio costiero di Rumelevenere, dove operano navi da guerra, aerei ed elicotteri militari.

Un altro testimone della Reuters ha affermato che una nave per la ricerca di mine si stava dirigendo nella zona da Istanbul.

In una dichiarazione televisiva, Akar ha detto: “La miniera, che è stata identificata come un vecchio tipo, è stata neutralizzata dalla nostra squadra … La Marina continua il suo lavoro vigile”.

In precedenza, la Guardia Costiera aveva avvertito le navi di stare lontane dall’oggetto rotondo che ondeggiava sulle onde e una squadra di sommozzatori inizialmente si era trasferita per indagare.

Il peschereccio da miniera di classe Aydin di classe Akcay della Marina turca della Marina turca naviga nello Stretto del Bosforo a Istanbul
Un forte rombo è stato udito al largo del villaggio costiero di Rumelevenere, dove erano attive navi militari, aerei da guerra ed elicotteri.(Reuters: Yoruk Ishik)

La Turchia condivide i confini del Mar Nero con Russia e Ucraina.

La principale agenzia di intelligence russa ha dichiarato lunedì che diverse mine sono finite in mare dopo essersi scollegate dai cavi vicino ai porti ucraini, un’affermazione che Kiev ha negato come disinformazione e un tentativo di bloccare parti del mare.

Il Mar Nero è un’importante arteria per la spedizione di cereali, oli e prodotti petroliferi.

È collegata al Mar di Marmara e poi al Mediterraneo dal Bosforo, che attraversa il cuore di Istanbul, la città più grande della Turchia con 16 milioni di abitanti.

La direzione generale della sicurezza costiera ha detto a Reuters che i pescatori hanno inizialmente individuato il colpevole vicino all’area di ormeggio e l’hanno segnalato alla Guardia costiera, che ha inviato allarmi radiofonici alle navi nella zona.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto e 49 secondi

Joe Biden incontra i rifugiati ucraini in Polonia.

ABC / filo

READ  La città cinese offre denaro per gli indizi mentre l'epidemia di COVID dichiara "guerra popolare" | Cina