Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lo scienziato Xi Jingli a Wuhan respinge le accuse sulle origini cinesi di COVID-19

Il principale patologo emergente presso l’Istituto di virologia di Wuhan, “Pat Lady”, il dottor Shi Jingli, ha respinto le nuove accuse secondo cui COVID-19 potrebbe essere sfuggito dal suo laboratorio, definendolo “triste” e “inaccettabile”.

Un gruppo di 18 scienziati, tra cui uno dei più importanti ricercatori al mondo sul coronavirus, ha riacceso il dibattito sul fatto che COVID-19 sia fuggito dal laboratorio di Wuhan dall’oggi al domani.

Ha avvertito che non c’erano prove sufficienti per escludere la scelta del gruppo Ha scritto alla prestigiosa rivista scientifica Ha sollecitato ulteriori indagini sulle origini del ceppo COVID-19 responsabile della pandemia globale.

La lettera afferma: “Dobbiamo prendere molto sul serio le ipotesi sulle implicazioni naturali e di laboratorio fino a quando non avremo dati adeguati”.

Un’indagine adeguata deve essere trasparente, obiettiva, basata sui dati, comprensiva di una vasta esperienza, supervisione indipendente e gestita in modo responsabile per ridurre al minimo l’impatto di un conflitto di interessi.

“Sia le agenzie di sanità pubblica che i laboratori di ricerca devono aprire i propri archivi al pubblico. Gli investigatori devono documentare l’autenticità e la fonte dei dati su cui vengono condotte le analisi e le conclusioni tratte, in modo che le analisi possano essere riprodotte da esperti indipendenti”.

I firmatari includono scienziati rispettati esperti nella ricerca SARS-CoV-2, tra cui Jesse Bloom, un biologo computazionale presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. Ralph Barrick, un ricercatore sul coronavirus che ha collaborato con scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan in Cina e David Relman, microbiologo e immunologo presso la Stanford University School of Medicine.

Ma il virologo di Wuhan, Shi Jingli, ha risposto in un’e-mail a Revisione della tecnologia del MIT Venerdì mattina le chiede di consegnare i suoi documenti di laboratorio.

“È decisamente inaccettabile”, ha detto Shi. “Chi può fornire prove che non esistono?”

È davvero triste leggere questa “lettera” scritta da questi 18 eminenti studiosi.

READ  Celebrità e personalità religiose in Cina fanno del loro meglio per celebrare il centenario della fondazione del Partito Comunista

“ L’ipotesi di perdita di laboratorio si basa solo sull’esperienza di un laboratorio di lunga data che lavora sui coronavirus relativamente associati a SARS-CoV-2.

“Questo tipo di affermazione danneggerà sicuramente la reputazione e l’entusiasmo degli scienziati che si dedicano a lavorare su nuovi virus animali che hanno potenziali rischi di diffusione per gli esseri umani e, in ultima analisi, compromettono la capacità degli esseri umani di prevenire la prossima pandemia”.

La lettera degli studiosi indica che il dibattito ha il potenziale per infiammare il sentimento anti-cinese.

“ Infine, in questo momento di sentimento anti-asiatico prevalente in alcuni paesi, notiamo che all’inizio dell’epidemia, sono stati medici, scienziati, giornalisti e cittadini cinesi a condividere nel mondo importanti informazioni sulla diffusione dell’epidemia. virus, spesso con un grande costo personale ”, si legge nella lettera a Science.

“Dobbiamo mostrare la stessa determinazione nel promuovere un discorso onesto e basato sulla scienza su questa questione difficile ma importante”.

Un team di scienziati inviati dall’Organizzazione mondiale della sanità a Wuhan, in Cina, per indagare sulle origini del COVID-19, in precedenza aveva respinto l’ipotesi in quanto “estremamente improbabile”.

“Non è un’ipotesi che proponiamo di includere ulteriori studi”, ha detto Peter Ben Mubarak, uno specialista danese di sicurezza alimentare e malattie degli animali che ha guidato l’indagine.

“Gli incidenti accadono”, ha detto, ma ha confermato che i virus conservati nel laboratorio di Wuhan sono geneticamente diversi da SARS-CoV-2.

Ma la lettera a Science diceva che l’indagine dell’OMS era troppo rapida per escludere teorie.

“Nel maggio 2020, l’Assemblea mondiale della sanità ha richiesto al Direttore generale dell’OMS di lavorare a stretto contatto con i partner per determinare l’origine della SARS-CoV-2 (2)”, si legge nella lettera.

“A novembre sono stati emessi i termini di riferimento per uno studio congiunto Cina-OMS. Le informazioni, i dati e i campioni per la prima fase dello studio sono stati raccolti e riassunti dalla metà cinese del team; il resto del team ha fatto affidamento su questa analisi.

READ  Transgender Teesa Miskes sbatte il cartello di Sawyer & Sons Star Wars

“Sebbene nessun risultato supporti chiaramente un’epidemia naturale o un incidente di laboratorio, il team ha valutato un’epidemia di origine animale da un ospite intermedio come” molto probabile “e un incidente di laboratorio come” estremamente improbabile “.

Inoltre, le due teorie non sono state considerate in equilibrio. Solo 4 delle 313 pagine del rapporto e dei suoi allegati trattano della possibilità di un incidente di laboratorio.

Vale la pena notare che il direttore generale dell’OMS Tedros Ghebreyesus ha commentato che la considerazione del rapporto delle prove a sostegno di un incidente di laboratorio era insufficiente e si è offerto di fornire risorse aggiuntive per valutare appieno la probabilità.

“In qualità di scienziati con un’esperienza rilevante, concordiamo con il Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, gli Stati Uniti, altri 13 paesi e l’Unione europea sul fatto che una maggiore chiarezza sulle origini di questa epidemia è necessaria e realizzabile”.

Gli scienziati che hanno co-firmato la lettera hanno chiesto che i timori della fuga del virus dal laboratorio siano oggetto di ulteriori indagini e hanno sollecitato cautela sul rifiuto prematuro della teoria della perdita di laboratorio da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“Mostraci il test che hai usato: quale metodo? Quali sono stati i risultati e i nomi delle persone che sono state testate? Hai testato un gruppo di controllo?”, Ha detto il dottor David Relman, professore di microbiologia e immunologia alla Stanford University Los Angeles Times.

“In tutti i conti, non era il tipo appropriato e dettagliato di presentazione dei dati che avrebbe consentito a uno scienziato esterno di giungere a una conclusione indipendente”.

“Siamo scienziati logici con esperienza in campi correlati”, ha detto Relman. “Non vediamo dati che dicono che questo deve essere di origine naturale”.

READ  Una sfortunata stazione ferroviaria in Europa si rinnova come hotel | notizie dal mondo

Commenti del capo dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’origine del virus

Anche Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha già espresso la preoccupazione che la teoria del laboratorio non venga rifiutata.

In una lettera agli Stati membri dell’OMS il 30 marzo, ha detto: “Sebbene il team abbia concluso che la perdita in laboratorio è l’ipotesi meno probabile, ciò richiede ulteriori indagini, possibilmente con incarichi aggiuntivi che includano esperti specializzati, e sono pronto a pubblicare it. “.

“Lasciatemi affermare chiaramente, per quanto riguarda l’OMS, che tutte le ipotesi rimangono sul tavolo”.

Di recente, il primo Il New York Times Il giornalista scientifico Nicholas Wade ha pubblicato un articolo di 10.000 parole che solleva la possibilità che COVID-19 sia un agente patogeno prodotto dall’uomo e che sia sfuggito.

Anche il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) degli Stati Uniti è accusato di finanziare la ricerca sull’acquisizione di posti di lavoro (GoF) presso il Wuhan Institute of Virology.

Ma alla domanda sulle accuse durante un’audizione al Senato degli Stati Uniti, il capo esperto di malattie infettive degli Stati Uniti Anthony Fauci ha respinto la richiesta quando è stato interrogato dal senatore Rand Paul.

Senatore Paul, con tutto il rispetto, si sbaglia totalmente, totalmente e completamente.Il dottor Fauci ha detto che il NIH non ha mai, né ora, finanziato la “ acquisizione di ricerca funzionale ” presso l’Istituto di Wuhan.

Ha insistito sul fatto che il NIH ha concesso una sovvenzione alla EcoHealth Alliance, “un’organizzazione senza scopo di lucro focalizzata sulla ricerca volta a prevenire le epidemie”, che ha poi trasmesso a una parte dell’istituto di Wuhan – ma non intendeva acquisire ricerca funzionale.