Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'Italia sospende il prestito al Minneapolis Institute of Art a seguito della controversia sulla scultura “Toriboros”.

L'Italia sospende il prestito al Minneapolis Institute of Art a seguito della controversia sulla scultura “Toriboros”.

Il Ministero della Cultura italiano ha ufficialmente sospeso i prestiti d'arte dal Minneapolis Institute of Art a seguito della controversia su una scultura romana del I secolo chiamata “Toriphoros”.

Le autorità italiane ritengono che la statua, a sud di Napoli, sia stata scavata illegalmente negli anni '70. Mia ha detto di averlo acquistato per 2,5 milioni di dollari nel 1986 dal mercante d'arte Eli Borowski.

L’Italia ha richiesto per la prima volta la restituzione della statua nel marzo 2022, dopo che un tribunale italiano ha stabilito che Mia doveva restituire l’antica scultura, che è stata a lungo esposta nella rotonda del secondo piano del museo vicino alla Target Wing. Il “Doriforo” è una delle numerose copie romane basate sull'opera originale dello scultore greco Policleto, ed è una delle meglio conservate, realizzata nel I secolo a.C. a Mia.

Mia ha detto che se contattata dalle autorità italiane nel 2022 “esaminerà la questione e risponderà di conseguenza”, ma due anni dopo la questione non è stata risolta. A sua volta, l’Italia ha vietato i prestiti al Minneapolis Institute of Art.

“Un tribunale italiano ha stabilito che la statua del 'Toriphoros' è stata scavata illegalmente a Castellamare di Stabia, in Italia, ed esportata nel 1976 e appartiene al patrimonio nazionale di questo Paese”, ha affermato Gabriele Zuchtrigel, direttore del parco archeologico di Pompei. “Tuttavia il MIA ha deciso di non rispettare la sentenza del tribunale, anche se è stato dimostrato che i responsabili al momento dell'acquisto (negli anni '80) erano a conoscenza della fonte illecita.”

Il Minneapolis Institute of Art nega che ciò sia sbagliato, affermando che le affermazioni non sono provate.

READ  Le lotte intestine creano problemi alla coalizione di destra italiana ancor prima che si formi un governo

“Nel 1984, quando l'opera era esposta in un museo tedesco, l'Italia iniziò un'azione legale per rivendicarla”, ha detto la portavoce di Mia, Lynn Farmer. “Nel 1986, solo dopo la conclusione di tale azione – la richiesta dell'Italia era stata respinta dal governo tedesco e l'opera era stata esportata dalla Germania e importata negli Stati Uniti – Mia accettò di acquistare la scultura.”

Mia è scontenta dei “recenti resoconti della stampa” e ritiene che “i media non siano il forum appropriato per affrontare accuse non provate”.

L'Italia ritiene giustificate le ragioni del blocco dei prestiti a Mia e Mercoledì Zuchtriegel ha confermato che il divieto era stato avviato.

“Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano e Massimo Osanna, direttore del dipartimento musei del ministero, hanno deciso di interrompere ogni collaborazione e prestito tra i musei statali italiani e il Mia”, ha detto.

Il museo ha dichiarato: “Laddove non sono state fornite prove, Mia ha rifiutato di sostituire l'opera se avesse prove che dimostrassero ragionevolmente che l'affermazione non era supportata”.

Nell'ottobre 2022 Mia ha curato la grande mostra “Botticelli e la Firenze rinascimentale: capolavori dagli Uffizi”. Le opere in mostra venivano raramente viste fuori dall'Italia, e Mia era l'unica tappa americana per quelle opere.

“Ha una lunga storia di successo di scambi e borse di studio con i musei italiani”, ha detto Mia, aggiungendo che ha deciso di onorare gli impegni di prestito in uscita per garantire che “le sue controparti italiane non siano colpite dalla decisione di divieto del ministero”.